"Non è normale". Ora spuntano le chat choc di Dora

Gelosia, chat choc e quei concitati momenti della caduta: perché Dora Lagreca è morta? Gli inquirenti cercano di capire il rapporto col fidanzato

“Non è normale”, spuntano le chat choc di Dora

Il mistero sul presunto suicidio di Dora Lagreca si infittisce, e spuntano messaggi vocali e chat che la donna avrebbe scambiato con le amiche, lamentandosi dell'ossessività del fidanzato Antonio Capasso.

Nella notte tra l’8 e il 9 ottobre a Potenza, Dora è precipitata dal balcone della sua casa. Era completamente nuda, forse perché pare stesse per fare il suo ingresso nella doccia: il fidanzato Antonio è corso a prestare i primi soccorsi e l’avrebbe coperta con la propria camicia. Gli inquirenti gli avrebbero consigliato di non contattare la famiglia di Dora, famiglia per la quale restano tanti gli interrogativi.

Le chat e i messaggi di Dora

Le chat sono state mostrate a “Chi l’ha visto?”. In una di esse, un’amica si riferisce alla relazione tra Dora e Antonio come ad “amore tossico”, mentre Dora si difende forse dalla gelosia del compagno, attualmente indagato per istigazione al suicidio. “Però - dice Dora - io ho amato e basta, né tradito, nulla, e lui non mi capisce, non crede”.

Pare che entrambi fossero gelosi l’uno dell’altra. “Non riesco più a perdonarlo - commentava Dora in un messaggio vocale - ha sbagliato per l’ennesima volta con le parole. Non è possibile che dica putt… e zocc… Mi sono stancata, non lo voglio proprio più perdonare. Non è normale una rabbia così, non è normale quest’aggressività”.

Cos’è accaduto l’ultima notte

Gli inquirenti dovranno lavorare per stabilire cosa sia accaduto di fatto l’ultima notte di Dora. Lei e Antonio erano stati in un locale la sera prima: c’era stata qualche discussione, ma niente di apparentemente rilevante, tanto che la coppia si era scambiata un bacio immortalandosi con lo smartphone. Starà quindi a chi indaga comprendere se nel corso della serata si fossero manifestati i prodromi della tragedia: si è trattato davvero di suicidio o di una fatalità?

Sono usciti tranquillamente a mangiare e bere qualcosa - racconta di quell’ultima serata l’avvocato Antonio Stigliano, che difende il giovane - Sono rientrati a casa intorno alle due, ed è scoppiato un litigio dovuto a motivi di gelosia, secondo Antonio, da parte della fidanzata. Mentre stavano litigando, la ragazza ha aperto la porta del balcone e si è lanciata di sotto. Sempre secondo Antonio, lei lo accusava di volere un’altra ragazza all’interno del locale. Antonio l’aveva sempre rassicurata, anche in passato, di non avere altro interesse verso ragazze”.

Commenti