"Il Nuovo Vangelo" di Rau (finanziato con soldi pubblici) dove Gesù è un africano

Il docufilm del regista Milo Rau stravolge la figura di Gesù Cristo per fini politici e sostituisce la fede con il buonismo più spicciolo

"Il Nuovo Vangelo" di Rau (finanziato con soldi pubblici) dove Gesù è un africano

Il Nuovo Vangelo ha caratteristiche ben precise: Gesù Cristo è viene dall'Africa, i precetti delle sacre scritture sono capovolti in modo da giustificare l'accoglienza dei migranti e i profughi si piazzano al centro della predicazione rivoluzionaria del Figlio di Dio.

Fa discutere "Il Nuovo Vangelo" di Milo Rau, un'opera a metà strada tra uno spettacolo teatrale e un film in cui il protagonista principale, Gesù, è impersonato dall'attore camerunese Yvan Sagnet, noto attivista che da tempo si batte per i diritti dei cittadini stranieri in Italia.

Il progetto di Rau, tra l'altro sponsorizzato dal Mibac, il Ministero dei beni e delle attività culturali, è un chiaro manifesto politico che, per legittimare il proprio messaggio pro immigrazione, si affida alla religione cristiana.

"Il Nuovo Vangelo" che fa discutere

Il problema è che questo docufilm stravolge la figura di Gesù Cristo per fini politici e sostituisce la fede con il buonismo spicciolo.

Agli occhi del pubblico, il progetto viene presentato come un “manifesto di solidarietà”, composto da “un cast di rifugiati e contadini disoccupati” e con l'obiettivo di ricercare “una nuova scrittura del Vangelo”, in grado di rispondere alle domande scaturite dai problemi sociali del XXI secolo.

Chi sono gli emarginati di oggi? Risposta: i migranti. Cosa predicherebbe il Gesù Cristo nero de "Il Nuovo Vangelo"? Di accogliere i migranti senza se e senza ma.

Milo Rau, prosegue la presentazione dell'opera, “userà teatro e cinema per raccontare le ingiustizie umane”. E, ci sarebbe da aggiungere, stravolgendo completamente la realtà dei fatti a proprio piacimento.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti