Otranto, ciclista si tuffa in mare per evitare la multa

Gli agenti di polizia gli hanno chiesto più volte di uscire dall'acqua per l'identificazione, ma lui ha risposto "Non ho fatto niente di male"

Probabilmente voleva approfittare della giornata di sole, un ciclista, pur sapendo di violare le disposizioni del decreto "Io resto a casa". Così, dinanzi ad una pattuglia di polizia incontrata lungo il tragitto, l'uomo ha cercato di cambiare strada. Si fa per dire, perché l'incauto ciclista ha preferito tuffarsi in mare con la sua bicicletta per evitare i controlli delle forze dell'ordine.

Il fatto è accaduto a Otranto, un Comune in provincia di Lecce, in Puglia. La scena è stata filmata ed il video è diventato virale sul web. L'uomo, come si vede dalle immagini, nonostante le basse temperature, ha iniziato a camminare in acqua, tutto vestito. Più volte gli agenti di polizia gli hanno chiesto di uscire dal mare, come si sente nel video. Ma lui ha sempre risposto "Non ho fatto niente di male". Ma di questi tempi anche una ciclopasseggiata è motivo di denuncia, purtroppo. Ma è l'unico modo, seppur estremo, di evitare il contagio da Coronavirus. Il ciclista, infatti, è stato non solo denunciato, ma ora dovrà anche pagare una multa di 400 euro.

Eppure chi va in bicicletta conosce bene il regolamento in vigore. Come si legge sul sito "bicidastrada.it", nel decreto del presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, si legge "Non è giustificato l’utilizzo del mezzo per diletto o per allenamento oltre i confini del proprio territorio di domicilio, abitazione o residenza". A farlo sapere è il ministero della salute sotto la domanda "Posso uscire in bicicletta?".

Nello specifico, come si legge sul sito del ministero: "L’utilizzo della bicicletta, nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, è soggetto alle misure restrittive del DPCM del 9 marzo 2020". E, ancora, "in caso di sportivi, professionisti o non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI e dalle rispettive Federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali, sono utilizzabili gli impianti sportivi a porte chiuse per le sedute di allenamento. È consentito esclusivamente lo svolgimento degli eventi e delle competizioni sportive organizzati da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico.".

Di sicuro, ora, il ciclista di Otranto avrà imparato la lezione. Certo, gli è costata una multa ed una denuncia. Ci sono dei modi alternativi per allenarsi in bicicletta, ma in casa. Come si legge sul sito di "rtl", infatti, la strada può essere sostituita dal salotto e la bicicletta dalla cyclette.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 30/03/2020 - 14:53

Ha fatto benissimo. Fosse stato africano, gli agenti non avrebbero osato nemmeno rivolgergli la parola.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 30/03/2020 - 15:10

E certo, è possibile fare sport in casa. Se la magione è spaziosa e dotata di palestra. È anche possibile prendere il sole, purché sia dotata di balcone o giardino. Questi interventi fanno capire l'abisso che separa le classi che vivono all'ombra del potere (giornalisti inclusi) dalle classi popolari. Ricordano l'apocrifo "Qu'ils mangent de la brioche!" tramandato da Rousseau.

amedeov

Lun, 30/03/2020 - 15:21

Quintus 15.10 Se ci sono delle disposizioni, VANNO RISPETTATE.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 30/03/2020 - 15:33

@amedeov Immagino che non accetteresti la stessa logica per "disposizioni" che turbino le tue sensibilità personali. Che so, leggi razziali speculari a quelle contemporanee (quindi meno diritti ai non europei) o l'obbligo di denuncia di ogni ebreo sul suolo italiano all'autorità competente. O tu obbedisci e basta?

Ritratto di old_nickname

old_nickname

Lun, 30/03/2020 - 15:42

Se, invece, fosse stato al timone di una nave avrebbe avuto l'opzione di speronargli il mezzo (non era la Guardia di Finanza ma non andiamo per il sottile). Quindi meglio se si è alla guida di un mezzo molto grande così non c'è niente da temere: si otterranno immediati applausi dai sinistri, ricchi emolumenti per le interviste da rilasciare subito dopo, complimenti dai politici (sempre sinistri), assoluzioni dai giudici e benedizione con "ganascino" dai vescovi. Unico requisito fondamentale: trasportare passeggeri tra il RAL 8000 e il RAL 8029. Hai visto mai che ci scappa un'udienza papale e un cavalierato della repubblica delle banane.

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 15:50

Quintus_Sertorius: ti stimo per quello che sei solito scrivere. Difficilmente mi trovo in disaccordo ed anche in questo frangente ti considero tra i pochi che anche in questo spazio riescono ad usare raziocinio (questo sconosciuto mi verrebbe da dire). Onde per cui, pur non conoscendoti, ti invito ad un brindisi virtuale.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 30/03/2020 - 16:02

Queste cose possono succedere solo giù giù,e non perché al nord manca il mare....

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 30/03/2020 - 16:02

Un genio anfibio

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 30/03/2020 - 16:17

@ruggerobarretti Dicono che il mondo è piccolo. Salute anche a te!

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Lun, 30/03/2020 - 16:18

Quintus_Sertorius sono d'accordo con quanto hai scritto! Quel poveretto non aveva fatto niente di male è stato semplicemente vittima di un sistema che è repressivo solo per noi Italiani ma lassista per gli africani invasori

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Lun, 30/03/2020 - 16:23

Nahum perché voi di sinistra non avete nessuna comprensione degli Italiani e siete,di contro,permissivi e lassisti con i delinquenti purché siano " migranti "?

anita_mueller

Lun, 30/03/2020 - 16:38

Mi sbaglierò, ma per me tutto ciò è ingiusto e pure stupido. In uno spazio aperto al mare o in campagna c'è meno probabilità di essere infettati da qualcuno (o di infettare qualcuno) rispetto al fare la spesa al supermercato o a comprare le sigarette (bene essenziale?) al tabacchino: in questi ultimi posti gli spazi sono ristretti, mentre in campagna se vedi qualcuno in lontananza hai la possibilità di stare lontano da lui/lei anche a 100 mentri di distanza e non un ridicolo mentro all'interno di un negozio.

ruggerobarretti

Lun, 30/03/2020 - 16:52

anita_muller: sarebbe cosi, ma vallo a far capire!!!

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 31/03/2020 - 14:10

Unonessuno ma che dici? Un uomo di destra come te dovrebbe aborrire chi viola la legge è non rispetta l’autorità costituita

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mar, 31/03/2020 - 14:55

Nahum,conte non ha nessuna autorità, non è nemmeno lontanamente autorevole, è solo un despotino che vessa i propri connazionali. Trump invece che impone alla Ford di fabbricare respiratori invece è il Capo che ci vorrebbe. Ho spiegato il mio punto di vista?

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 31/03/2020 - 17:24

Unonessuno, non c’era Trump al posto di blocco, se tutti facciamo come il civilista finisce malissimo ... comunque contento lei ...