Pacemaker difettosi, allarme in Italia

A rischio i pacemaker di 16mila italiani. Di fatto è scattato il richiamo per migliaia di cardiopatici in questi giorni dagli ospedali di tutte le Regioni

Pacemaker difettosi, allarme in Italia

A rischio i pacemaker di 16mila italiani. Di fatto è scattato il richiamo per migliaia di cardiopatici in questi giorni dagli ospedali di tutte le Regioni. A far scattare l'allarme è stata l'azienda statunitense St. Jude Medical, che ha parlato di un rischio legato ad alcuni modelli dei suoi pacemaker. A quanto pare questo il problema riguarda i dispositivi che vengono impiantati sotto pelle. Il richiamo di fatto sarebbe su larga scala e potrebbe interessare 400mila pacemaker.

Nel nostro Paese nessun paziente ha avuto danni a causa del problema mentre negli Usa ci sarebbero stati due morti. Da qui è scattata la comunicazione anche ai cardioligi italiani che devono attivarsi per verificare se tra i loro i pazienti c'è qualcuno che ha avuto problemi col dispositivo. Nei mesi scorsi la St. Jude ha rilevato un problema con la batteria che si scarica lasciando il paziente con un peacemaker che non si attiva provocando dunque problemi al cuore. Il ministero della Sanità ha già inviato la comunicazione ai medici e la stessa St.Jude ha allertato gli ospedali italiani.

Commenti