Cosa si può fare e cosa no. ​Le regole dell'Italia blindata

"Si può uscire di casa?", "Ci saranno posti di blocco?", "Gli uffici pubblici restano aperti?". Ecco le risposte ai dubbi dei cittadini

Dopo la stretta delle misure per contrastare il coronavirus, decisa ieri dal governo, palazzo Chigi pubblica le risposte ai dubbi dei cittadini. Lo schema adottato, per fare chiarezza in merito alle nuove norme attuate in tutta Italia è quello delle Faq, cioè le risposte alle possibili domande espresse più frequentemente. Prima di tutto, viene chiarito che, da ieri, non ci sono più differenze sul territorio nazionale e da oggi, 10 marzo, non esistono più "zone rosse": tutta l'Italia, infatti, è stata dichiarata "zona protetta" e le regole sono uguali per tutti.

Gli spostamenti

Poi, le Faq chiariscono i dubbi sugli spostamenti: "Si deve evitare di uscire di casa. Si può uscire per andare al lavoro o per ragioni di salute o per altre necessità, quali, per esempio, l'acquisto di beni essenziali", specifica palazzo Chigi, ricordando la necessità di viaggiare con autodichiarazioni, che saranno oggetto di controlli successivi. I moduli sono in dotazione anche alle forze dell'ordine e potranno essere compilati sul posto. In caso di false dichiarazioni, si incorrerà in multe e sanzioni, fino all'arresto. "Senza una valida ragione- si specifica nuovamente- è richiesto e necessario restare a casa, per il bene di tutti". Chi è sottoposto a quarantena, invece, ha il "divieto assoluto" di uscire.

Ok agli spostamenti se "comprovati da esigenze lavorative". Ma cosa vuol dire? "Comprovate" significa che bisogna dimostrare di essere in viaggio per andare o tornare dal lavoro, anche tramite l'autodichiarazione o "con ogni altro mezzo di prova , la cui non veridicità costituisce reato". Anche ai transfrontalieri è consentito entrare e uscire dal territorio, per raggiungere il posto di lavoro. Consentita anche la mobilità di chi deve rientrare nel proprio domicilio, abitazione o residenza e di chi deve "uscire per andare ad acquistare generi alimentari". Le forze dell'ordine saranno incaricate di controllare che gli spostamenti dei cittadini vengano fatti secondo le regole: "Non ci saranno posti di blocco fissi per impedire alle persone di muoversi- chiarisce palazzo Chigi- La Polizia municipale e le forze di polizia, nell'ambito della loro ordinaria attività di controllo del territorio, vigileranno sull'osservanza delle regole". È possibile anche fare "attività motoria all'aperto", purché non venga fatta in gruppo, e andare ad assistere gli anziani. "Ricordate però- sottolineano le autorità- che gli anziani sono le persone più vulnerabili e quindi cercate di proteggerle dai contatti il più possibile".

I trasporti

Per quanto riguarda i trasporti, non esistono limitazioni per il transito delle merci, considerato "un'esigenza lavorativa". Quindi, anche i corrieri possono circolare per prelevare o consegnare le merci alle ditte o alle case: "Non sono previste limitazioni al transito e all'attività di carico e scarico delle merci". Non vi sono limitazioni nemmeno per il "trasporto pubblico non di linea", come il servizio taxi, "in quanto l'attività svolta è considerata esigenza lavorativa".

Gli uffici pubblici

Gli uffici pubblici rimarranno aperti "su tutto il territorio nazionale" e "l'attività amministrativa è svolta regolarmente". Ma palazzo Chigi ricorda che tutti i servizi sono "fruibili online". Gli uffici devono rimanere aperti anche in caso di "difficoltà di approvvigionamento" di disinfettanti, messi a disposizione secondo il decreto: si tratta, infatti, di una "misura di ulteriore precauzione". Il dipendete pubblico affetto da febbre deve considerarsi in regime di "malattia ordinaria", ma la decurtazione non si applicherebbe, se venisse provato il contagio da Covid-19.

Bar, cinema e teatri

"È consentita l'attività di ristorazione e bar dalle 6.00 alle 18.00, con obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro": in caso contrario, verrà sospesa l'attività. In ogni caso, al di fuori degli orari stabiliti, può avvenire l'attività di consegna a domicilio, evitando contatti personali alla consegna. Per quanto riguarda i pub, il decreto vieta "ogni attività diversa dalla somministrazione di cibi e bevande": sono quindi sospese le attività ludiche e gli eventi aggregativi. Per cinema, teatri, musei e biblioteche è prevista la chiusura al pubblico in tutta Italia.

Le scuole

In tutto il Paese, scuole, università e asili rimarranno chiusi fino al 3 aprile. Resta comunque "la possibilità di svolgimento di attività didattiche a distanza, tenendo conto, in particolare, delle specifiche esigenze degli studenti con disabilità". Sospesi anche tutti i corsi professionali, master e università per anziani. È possibile tenere sessioni di esami e sedute di laurea "ricorrendo in via prioritaria alle modalità a distanza o comunque adottando le precauzioni di natura igienico sanitaria ed organizzative". Dalla sospensione dei corsi universitari sono esclusi quelli post universitari connessi "con l'esercizio delle professioni sanitarie, inclusi quelli per i medici in formazione specialistica, e le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie e medica. Non è sospesa l'attività di ricerca".

Cerimonie ed eventi

Su tutto il territorio nazionale "sono sospese tutte le manifestazioni organizzate nonché gli eventi in luogo pubblico o privato". La misura si applica anche agli eventi di carattere, culturale, ludico, sportivo e religioso. Tutte le cerimonie civili e religiose, compresi i funerali, sono sospesi fino al 3 aprile, così come le messe e gli alri impegni religiosi. Le chiese rimangono aperte, purché vengano evitati assembramenti.

Turismo

Gli spostamenti per motivi di turismo sono "assolutamente da evitare" in tutta Italia e chi si trova in vacanza deve spostarsi solamente per tornare nella propria abitazione. I turisti possono prendere treni e aerei, dato che stazioni e aeroporti restano aperti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di PATARLACCA

PATARLACCA

Mar, 10/03/2020 - 16:17

ma per il risarcimento dei danni ci penserà di maio a citofonare a xi jinping?

tormalinaner

Mar, 10/03/2020 - 16:19

Manca una cosa importante, cosa succede alle banche perchè non tutto si può fare online o con la carta di credito. Io ad esempio devo fare bonifici in Australia per lavoro e lo sportello online non funziona con l'Australia e devo rivolgermi alla filiale.

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Mar, 10/03/2020 - 16:21

E si puo` disinformare?

schiacciarayban

Mar, 10/03/2020 - 16:26

Scusate, ma chi ha svariate case nel territorio, città, campagna, mare e montagna, può andare nelle sue proprietà tranquillamente o deve fare come i giargiana?

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 10/03/2020 - 16:26

Nella pasticciata confusione generale, credo che il decreto sia giusto. Incompleto, ma giusto. Conte, con le retrovie che ha, fa fin troppo. Non doveva accettarle a suo tempo, ed evitare di contribuire con figure discutibili. Il facsimile dell'autocertificazione invece graficamente lascia molto, molto, MOLTO a desiderare... e trascura la cosa più importante: il domicilio effettivo.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 10/03/2020 - 16:26

Basterebbero tre regole: non tenere contatto fisico con il prossimo ovvero tenere una distanza di riguardo di almeno un metro meglio più, evitare di toccare superfici esposte al pubblico o persone in genere e usare guanti a titolo protettivo, usare criteri di igiene più stringenti ovvero tenere le mani igienizzate sia per non infettarsi che per non infettare e evitare di toccarsi naso bocca e epidermide al fine di non apportare eventuale germe patogeno e osservare le varie e eventuali indicazioni pubblicate dagli organi della Sanità al fine di avere più informazioni utili.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 10/03/2020 - 16:29

Posti di blocco da evitare ... evitabili se si osservano le disposizioni delle autorità e si può uscire di casa ovviamente rimanendo nella zona di prescrizione sanitaria.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 10/03/2020 - 16:31

Ma i clandestini, i migranti che vagano senza arte ne parte, si riparano nei posti più disp(e)arati, chi non ha il minimo vitale per una vita decorosa ovvero è indigente ... che fine hanno fatto?

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 10/03/2020 - 16:41

iniziate a mandare fatture per richiedere i risarcimenti danni al presidente cinese! sono loro i colpevoli

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 10/03/2020 - 16:45

Ma è mai possibile che non si riesca ad avere una informazione precisa,corretta ed univoca,valida e uguale per tutti? In questo articolo si dice che i turisti possono prendere aerei e treni perché aeroporti e stazioni sono aperti. Ieri si dava invece notizia che due ragazzi di Parma,per turismo,si stavano recando all'aereoporto di Bologna per prendere un aereo per Madrid e farsi una vacanza. Risultato? Bloccati,rimandati indietro e pure denunciati! Come stanno le cose allora? Quale è la versione giusta?

SPADINO

Mar, 10/03/2020 - 16:45

rispondo a "shiacciarayban" : NEL PAESE DOVE HO UNA PICCOLA SECONDA CASA PER FERIE (NON DICO IL NOME PER PRIVACY) LA POLIZIA LOCALE STA' BATTENDO IL TERRITORIO A SCACCIARE I NON RESIDENTI.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mar, 10/03/2020 - 16:50

@ massacrato: Conte doveva fare solo una cosa delegare ad un responsabile vero tutta l'emergenza virus,cosa che lui non è in grado e sono mesi che lo vediamo.Bertolaso purtroppo ha rifiutato.

onurb

Mar, 10/03/2020 - 16:59

schiacciarayban. Perché, anziché al Giornale, non lo chiede direttamente a Conte, che è il suo premier di riferimento?

investigator13

Mar, 10/03/2020 - 17:00

mascherine e amuchina gratis, se necessario scafandri, così scafandrati tute specifiche palandrane da mettere quando si è fuori casa conciati così saremo più sicuri di rimanere immuni dalla peste del coronavirus. Poi proseguiamo nella normalità dove e quando è possibile, sempre con l'esercito nelle strade per i controlli e alla sera fino al mattino il coprifuoco.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 10/03/2020 - 17:14

Che ci si debba dare una regolata, e comprendere che meno si sta in giro, meglio e', dovrebbe risultare comprensibile a tutti. Incomprensibile, almeno a me, e' l'aspetto da "grida" di manzoniana memoria che si e' voluto dare alla cosa. E casomai, dimostra una volta di piu' la pochezza e LA VERA IMPOTENZA di questa classe non-dirigente. Minacciare di arresto uno che non ottempera ad un regolamento, quando uno stupratore non viene denunciato per la "tenuita' del fatto", e' SEMPLICEMENTE RISIBILE. Comminare una multa, la cui riscossione sara' "sine die", fa pensare a quel genitore che minaccia il bambino riottoso dicendo "Finisci subito la cena o questa sera VAI A LETTO SENZA SCARPE!!"... E, nel frattempo, LE CARCERI ESPOLODONO...

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Mar, 10/03/2020 - 17:33

Sono tre giorni che resto chiuso in casa. Davanti agli occhi a me sembra tutto un sogno da incubo. Penso a mio figlio che è in Polizia a Monza e a mio nipote che ha quattro anni e vive insieme alla madre con me in Campania. Dobbiamo solo sperare che il Buon Dio faccia quanto prima cessare questa angoscia collettiva nella quale tutti siamo caduti e per questo ci rimane solo rispettare i consigli delle Autorità scientifiche e pregare, pregare e pregare- Ci aiuterà a passare meglio questo momento tragico, impensabile fino a qualche giorno fà. Cordialità

PRALBOINO

Mar, 10/03/2020 - 17:35

Finiremo che metà italia controllerà l'altra metà tanto per ingannare il tempo onde evitare una epidemia di noia

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 10/03/2020 - 17:43

il perfetto capro espiatorio di tutto questo: i babbei comunisti! non importa se italiani o cinesi, tutto fa brodo.... :-)

baio57

Mar, 10/03/2020 - 18:07

Dunque,se mi sposto in auto ,ad un eventuale controllo devo spiegare dove vado ,lavoro,negozio,farmacia ecc. Poi leggo il paragrafo "attività motoria all'aperto" ergo, se mi fermano a piedi o in bici COSA DEVO DICHIARARE ?

Ritratto di massacrato

massacrato

Mar, 10/03/2020 - 18:29

bonoitalianoma - "Ma i clandestini, i migranti che vagano senza arte ne parte..." E' un pensiero comune che però non è corretto e quindi punito con 10 aperitivi coatti con i migliori governatori del mondo. - Elvissso - Grazie della considerazione. Ma sarebbe come pretendere di vincere il giro d'italia con un triciclo.

Antonio Chichierchia

Mar, 10/03/2020 - 18:47

Ci sarà una forte recrudescenza di reati (se ce ne fosse bisogno) perchè sono state sospese di fatto la vendita di cocaina &c. Come faranno gli spacciatori che vediamo nelle riprese della polizia nei centri e nelle perifierie delle città ?