Pavarotti&Ferrari Land Tour nei luoghi cari a Big Luciano e al Drake

Viaggio nella provincia modenese alla scoperta di una terra che, oltre alle «Rosse» e al ricordo del grande tenore, offre bellezze e prodotti unici. Le tappe e gli orari

BolognaFino a qualche anno fa, in Italia, c'era un solo modo di fare turismo: quello delle grandi città d'arte, come Roma, Venezia o Firenze dove, ogni anno, affluiscono decine di milioni di visitatori da ogni parte del mondo. Al di fuori di queste città, e di poche altre, il «territorio», quella che potremmo definire l'Italia più autentica, fatta di centri minori, di abbazie, di castelli, di eccellenze dell' agricoltura e del cibo, rimaneva in gran parte esclusa dalle rotte del turismo. Qualcosa si è mosso con le strade del vino e gli itinerari enogastronomici, ma è con Expo che sono fiorite nuove iniziative come Discover Ferrari&Pavarotti Land, un tour che verrà offerto fino alla chiusura dell'Expo milanese a fine ottobre.

Il Drake e il grande Luciano, conosciuti e amati in ogni angolo del pianeta, sono i simboli di un viaggio che vuol far vivere al turista un'esperienza, nella provincia di Modena, che difficilmente potrebbe costruirsi da solo. Il Passaporto Discover – 60 euro, acquistabile attraverso un tour operator, un'agenzia o direttamente sul sito www.ferrariandpavarottiland.it - vale 48 ore, due giorni (non necessariamente consecutivi) durante i quali, con un servizio di navetta a cadenza oraria, si potrà visitare una ventina di siti di straordinario interesse sparsi in una terra che, come dicono gli organizzatori, è abituata a stupire. Terra di Hp, come venne definita negli Anni '60 in onore di Enzo Ferrari e dei bolidi con il Cavallino rampante, ma anche terra ricca di storia, con monumenti come il medioevale Duomo di Modena o l'Abbazia di Nonantola, e terra generosa per ciò che produce, dal Lambrusco ai salumi, dal Parmigiano Reggiano all'Aceto Balsamico Tradizionale. Le navette partono quotidianamente, ogni ora (a partire dalle 9,30), dalla stazione ferroviaria di Bologna, da quella Medio Padana di Reggio Emilia e da quella di Modena, e, per chi non usa il treno, dal nuovo parcheggio custodito adiacente al Museo Ferrari di Maranello, il fiore all'occhiello del tour, insieme al Museo Enzo Ferrari di Modena e alla Casa Museo del maestro Pavarotti. Lungo il percorso,il titolare del Discover Passport, che include gli ingressi ai musei e le degustazioni, potrà visitare la sede della Consorteria dell'Aceto Balsamico Tradizionale e le acetaie Malpigli e Giusti; due sono anche i produttori di Parmigiano Reggiano, il Caseificio 4 Madonne, dove si può assistere al ciclo produttivo del formaggio più amato nel mondo, e l'azienda agricola Hombre, produttrice di parmigiano biologico, dove sono esposte le Maserati della Collezione Panini. Sosta obbligata, per buongustai, è il Museo della Salumeria aperto dal salumificio Villani, produttore di prosciutti, mortadelle e culatelli che si sposano perfettamente con il Lambrusco, un'icona del modenese alla quale sono dedicate due tappe del tour. La prima è Villa Cleto Chiarli a Castelvetro, non lontano da Maranello, uno dei più antichi produttori delle rosse bollicine, la seconda è la Cantina Gavioli dove, oltre al Museo, si possono ammirare le Formula 1 di Villeneuve e Senna, un accostamento che non troverete in alcuna altra parte del mondo perché nasce da una passione Doc, esclusiva della terra dei motori.

La lista dei luoghi toccati dalle navette di Discover Ferrari&Pavarotti Land non finisce qui perché lungo il percorso si possono ammirare la Reggia estiva degli Estensi a Sassuolo, capitale di quella che viene definita la Ceramicland, gli archivi di Matilde di Canossa all'abbazia di Nonantola e il centro storico di Modena, patrimonio dell'Unesco, dove tra i capolavori del Medio Evo e del Rinascimento, fiorisce la grande cucina, come quella di Massimo Bottura dell'Osteria Francescana. I Musei Ferrari, visitati ogni anno da mezzo milione di appassionati, sono il fulcro intorno a cui ruota il tour, ma è l'insieme delle realtà che l'iniziativa coinvolge a rappresentare una vera innovazione per il turista che, nel corso delle due giornate previste dal Passport, potrà costruirsi un percorso su misura grazie alla frequenza delle navette. La magica terra di Enzo Ferrari e Luciano Pavarotti è tutta da scoprire e se due giorni non fossero sufficienti per comprenderla fino in fondo la validità del Passport, con tutti i suoi servizi, potrà essere prolungata al costo di 25 euro per ogni giorno aggiuntivo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.