"Sono innamorato di lei". Il prof sposato e con figli baciava l'alunna nei bagni

Un professore di lettere 60enne è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Monza. Aveva una relazione con un'allieva di 16 anni. Tradito da una foto

A incastrarlo una foto scattata in bagno da uno studente. L'immagine immortala le effusioni tra un professore 60enne e una studentessa minorenne. Lo scatto incriminato arriva prima alla preside e poi alla procura di Monza. Ha inizio così il caso giudiziario, riportato oggi dal Corriere della Sera, che ha per protagonista un docente di lettere di una scuola superiore di Lissone, in Brianza. L'insegnante ha tentato di giustificarsi dichiarando di essersi "innamorato" della 16enne, ma il Tribunale di Monza ha accolto la richiesta formulata dal pm Vincenzo Fiorillo e l'ha rinviato a giudizio per "atti sessuali con minori con l'abuso dei poteri derivanti dalla sua posizione". La ragazzina, conosciuta in classe, era infatti una sua allieva.

La difesa del professore, dice il suo avvocato Simone Vismara, in tribunale punterà sul fatto che non ci sia stata coercizione né un abuso del ruolo di insegnante nei confronti della giovane. Anzi, l'uomo sostiene di essersi "innamorato" della studentessa e di essere pronto a farsi "una vita con lei". Intenzioni serie che si dice pronto a dimostrare davanti ai giudici (l’inizio del processo è previsto a metà dicembre). Anche il reato è stato riqualificato da violenza sessuale ad atti sessuali con minori. La ragazzina si è successivamente costituita parte civile e verrà sentita in aula in udienza assistita per ricostruire la vicenda. Per l'accusa la 16enne, che non aveva intenzione di denunciarlo, sarebbe invece stata succube di quell'uomo.

I fatti contestati risalirebbero al periodo compreso tra aprile e giugno 2019, quando il professore di lettere, secondo quanto raccontato dalla ragazza (oggi 17enne), avrebbe cominciato a rivolgerle sguardi interessati, per poi passare a messaggi sempre più espliciti. Chat poi tutte eliminate dietro raccomandazione del professore. Dettaglio non emerso nei racconti del 60enne ai magistrati, l'uomo dopo un periodo di corteggiamento sarebbe riuscito a convincerla a fare sesso con lui. I primi approcci e le prime occasioni di intimità si sarebbero consumati all'interno della scuola. Poi, il professore avrebbe portato la studentessa in un appartamento di sua proprietà, dove avrebbero avuto un rapporto sessuale completo. Il docente di lettere, sposato e con una figlia, avrebbe anche chiesto il divorzio alla moglie proprio a causa dei sentimenti provati per le 16enne. La ragazzina invece non aveva raccontato a nessuno quello che stava accadendo. Sia i genitori che gli amici non ne erano al corrente. E probabilmente avrebbero continuato a non saperne nulla. Se quello scatto in bagno non avesse incastrato il professore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Calmapiatta

Gio, 01/10/2020 - 12:51

Fate pure il processo...Eppure ricordo un noto regista che, più volte, si accompagnò con ragazze anche più giovani della sedicenne che venivano presentate, pubblicamente, come sue fidanzate. Eppure nessuno ha mai neanche pensato di processarlo. Strano un paese dove un reato è tale solo in funzione di chi lo compie.

cgf

Gio, 01/10/2020 - 13:17

gli avvocati hanno sempre tanta fantasia, ne abbiano uno anche come primo ministro. La lotteria degli scontrini, il bonus che supera quanto effettivamente fa risparmiare, clientelismo puro.

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 01/10/2020 - 13:53

ai miei tempi ci fu una ragazzina della mia classe (terza media) che scappò con un giostraio 40enne.....dopo un mese e mezzo di ricerche furono ritrovati ma lui ebbe solo una denuncia per sequestro di persona in quanto lei si dichiarò consenziente. ora: io sono ovviamente per la castrazione chimica (e magari anche fisica) per tutti i pedofili, ma a 14, 15 o 16 anni il sesso già lo si conosceva e ancor più lo si conosce oggi, checché se ne dica. è un confine molto labile che, ritengo, debba essere valutato di caso in caso. ragiono così perché tra i miei genitori c'erano 24 anni di differenza, eppure si sono sempre amati finché han vissuto

ExOccidenteLux

Gio, 01/10/2020 - 14:14

Chi è genitore sa bene che questo individuo merita la castrazione e la cacciata dal pubblico impiego. Non è solo la differenza d'età, ma l'abuso della posizione di autorità a rendere gravissima l'offesa. Punto.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 01/10/2020 - 15:02

fergo01: in realtà l'età del consenso, ovverò il limite anagrafico al di sopra del quale è consentito fare sesso, in Italia è fissato a 14 anni. Per me è basso ma è così, quindi nessun reato se si fa sesso (rabbrividisco) con una ragazzina di 14 anni. Esistono però alcune eccezioni legate al rapporto esistente fra i due amanti... ad esempio non è consentito che uno dei due sia l'educatore dell'altro (professore, insegnante di qualcosa, allenatore ecc.).

Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 01/10/2020 - 15:48

c'é stata consumazione ... non solo atti di libidine... il prof avrebbe fatto meglio ad astenersi anche ammettendo che la sua tesi fosse attendibile e la circonvenzione di incapace non presente

Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 01/10/2020 - 16:06

Fuori dei casi previsti dall'articolo 609 bis, l'ascendente, il genitore, anche adottivo, o il di lui convivente, il tutore, ovvero altra persona cui, per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia, il minore è affidato, o che abbia con quest'ultimo una relazione di convivenza, che, con l'abuso dei poteri connessi alla sua posizione, compie atti sessuali con persona minore che ha compiuto gli anni sedici, è punito con la reclusione da tre a sei ann

Popi46

Gio, 01/10/2020 - 16:24

Dato che per Madre Natura all’eta’ di 16 anni si può diventare madri (che è una bella responsabilità) già da diverso tempo, non vedo proprio perché le leggi dei bipedi abbiano la pretesa di essere prevalenti.... I bipedi sapientoni imparino piuttosto le regole della prevenzione (in primis educazione e conoscenza delle possibili conseguenze), magari si riuscirebbe a fare a meno di quella schifezza che è l’aborto

Ritratto di fergo01

fergo01

Gio, 01/10/2020 - 18:30

DREAMER66 rabbrividisco anch'io all'idea a 60 anni di fare sesso con una 15enne. potrebbe quasi essere mia nipote !!! e sicuramente nell'insegnante che è stato rinviato a giudizio qualcosa non gira giusto c'è di sicuro. bisogna però considerare che le adolescenti di oggi, in molti casi, sono loro stesse che chiamano i compagni di classe a casa loro con la scusa di studiare e poi si guardano i film porno sul cellulare, così per imparare ;) . purtroppo è la società che è cambiata, in peggio per molti versi, ad iniziare dai più giovani, e, sempre purtroppo, coloro che dovevano vigilare affinché certi costumi non prendessero piede non lo hanno fatto ed oggi non vogliono ammettere ed accettare l'errore

lonesomewolf

Gio, 01/10/2020 - 18:42

Io credo che si esageri un poco. Ricordo che io avevo una fidanzatina piu' o meno di quell'eta' e che i genitori mi ammettevano in casa felici e contenti. Almeno sapevano con chi stava la figlia. A quell'eta' le ragazze sanno perfettamente bene cosa fare e cosa no, oggi piu' di ieri...