Rapine e scippi a coppie di anziani, in manette due romeni

Avevano preso di mira gli anziani che, una volta individuati venivano scippati dei pochi gioielli e degli averi, ma i carabinieri dopo lunghi appostamenti li hanno sorpresi che stavano rivendendo le collane rubate

I carabinieri di Agrigento hanno fatto luce su due brutali scippi nei confronti di persone anziane, avvenuti in pieno centro a Ribera, in provincia di Agrigento. In manette dopo lunghe ore di investigazione è finita una coppia di romeni. Nelle ultime ore, al termine di una tempestiva attività investigativa, i Carabinieri della Tenenza di Ribera hanno fermato un uomo ed una donna, entrambi romeni, eseguendo un Ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale di Sciacca.

Le indagini dei militari dell'Arma, coordinate dalla Procura della Repubblica di Sciacca, attraverso accurati sopralluoghi ed il racconto di alcuni testimoni, hanno permesso di acquisire consistenti indizi e di risalire ad un romeno 32 enne, sospettato di aver commesso, nel mese di giugno scorso, due scippi in danno di persone anziane, nella zona del mercato e nel centro storico della città crispina. Nella circostanza, le vittime, una 80enne ed una 68enne, erano state preventivamente individuate e seguite da tempo. L'uomo con il volto scoperto, le aveva strattonate violentemente, portandosi via il bottino, ovvero alcune collane d'oro. E proprio la collana era stata letteralmente strappata dal collo, nella collutazione la donna era caduta a terra e si era procurata alcuni tagli al collo con una perdita di sangue.

Nel corso delle indagini, durante un pedinamento, i Carabinieri hanno sorpreso la convivente del romeno, 28 enne, mentre stava per rivendere una collana ad un orafo della zona. La collana in questione, che riportava ancora un ciondolo con la foto del defunto marito della vittima, è stata recuperata e restituita alla donna. Durante la perquisizione effettuata nell'abitazione della coppia di romeni, gli investigatori dell'Arma hanno anche trovato e sequestrato gli indumenti indossati dall'uomo durante le due azioni, che erano stati ben descritti dalle vittime. Con l'accusa di rapina e furto con strappo, i Carabinieri hanno subito trasferito in carcere l'uomo, mentre la compagna accusata di ricettazione, è stata ristretta agli arresti domiciliari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Marcolux

Sab, 13/07/2019 - 13:54

Non capisco perchè ai domiciliari! Che cavolo di giustizia è la nostra? I delinquenti rumeni vengono tutti in Italia, parole loro, perchè qui non si rischia niente. Per finire in galera devono prenderti almeno 4 o 5 volte, cosa molto rara, e se vai dentro ci stai al massimo un mese, mentre in Romania per furto stai in galera almeno 15 anni, senza alcuno sconto di pena!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 13/07/2019 - 14:08

Galera, ma per molti anni. Facendo la somma dei reati...

maurizio50

Sab, 13/07/2019 - 14:17

C'è da credere che la Romania i suoi farabutti li abbia cacciati tutti quanti addosso agli Italiani!!!

titina

Sab, 13/07/2019 - 16:30

I romeni devono andare in galera in Romania!!!!!!!!!!!!!!Almeno la donna che è agli arresti domiciliari dovrebbe tornarsene in Romania e vietarle di mettere piede in Italia

killkoms

Sab, 13/07/2019 - 19:30

@titina,spero abbiano almeno espulsi l'altra romena liberata anticipatamente (12 anni scontati su 16 senza contare permessi e semilibertà ) condannata per l'omicidio di un'Italiana!