Reggio Emilia, scambia gli operai sul tetto per ladri e spara con un fucile

Avrebbe scambiato gli operai intenti a lavorare sul tetto dell'abitazione del vicino per dei ladri

Reggio Emilia, scambia gli operai sul tetto per ladri e spara con un fucile

Gli operai stavano lavorando sul tetto dell'abitazione del vicino quando un pensionato - avendoli scambiati per dei ladri - si è impossessato di uno dei suoi fucili e ha iniziato a sparare. Un malinteso, quello accaduto a Reggio Emilia, che avrebbe potuto finire in tragedia ma che, per fortuna, non ha causato nemmeno un ferito.

L'uomo, un 75enne di Albinea, ha aperto il fuoco dalla sua abitazione. A quel punto gli operai hanno chiamato le forze dell'ordine. L'anziano inizialmente ha negato ogni responsabilità ma dopo una breve indagine da parte dei carabinieri ha poi ammesso le proprie azioni, spiegando cheaveva scambiato gli operai per dei ladri. Il pensionato è stato così denunciato per esplosioni pericolose.

Nella sua casa sono state sequestrate diverse armi e munizioni che l'uomo deteneva con regolare autorizzazione, che ora, naturalmente, è stata revocata. Si parla in totale di 2 carabine, 4 fucili, una pistola e 319 munizioni.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti