Riace, il procuratore di Locri: "Le leggi vanno rispettate"

Il procuratore di Lucri sul caso Lucano: "Non possiamo consentire, come Stato italiano e con Costituzione italiana, che qualcuno persegua un'idea passando bellamente sopra i principi, sopra le norme"

"Bisogna scindere la persona Lucano, dall'idea che Lucano ha posto in essere a Riace. Perché sull'idea si può discutere, si può dibattere. C'è chi dice che l'accoglienza non va bene, c'è chi dice che l'accoglienza è l'unica strada possibile. Il problema è la realizzazione di quell'idea. Non possiamo consentire, come Stato italiano e con Costituzione italiana, che qualcuno persegua un'idea passando bellamente sopra i principi, sopra le norme. Altrimenti consentiremmo a chiunque di praticare i propri convincimenti infischiandosene delle leggi". A dirlo è Luigi D'Alessio, procuratore della Repubblica di Locri, ai microfoni di Giorgio Zanchini a Radio anch'io in merito all'arresto di Domenico Lucano, sindaco di Riace.

E ancora: "Io non ho la possibilità di stabilire, una volta che individuo un'ipotesi di reato, quali siano le conseguenze politiche e sociologiche del reato che perseguo, altrimenti apriremmo la strada alla discrezionalità: poiché non è opportuna quest'azione penale, me la metto in saccoccia o nell'armadio. Bisogna sempre avere a riferimento un modello astratto. Non credo che a nessuno degli italiani piacerebbe un modello simile, in cui è dato a qualcuno decidere cosa fare e cosa non fare. Non sono un Torquemada che ha deciso di perseguitare Lucano, che per giunta è anche un persona simpatica; di per sé ha appreso un'iniziativa di altissimo valore morale. Il problema è che non è stato secondo me in grado di porla in essere".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

antonioarezzo

Mer, 03/10/2018 - 12:26

se non era un kompagno era un delinquente e basta... buffoni. E' UN DELINQUENTE. STOP.

wintek3

Mer, 03/10/2018 - 12:37

Ragionamento logico ed ineccepibile

Drprocton

Mer, 03/10/2018 - 12:55

Poverino questo pm che ci sta mettendo la faccia "smontando" il finto buonismo anche questo paladino dell'accoglienza e che ha il coraggio di dire che le leggi vanno rispettate anche da chi è accogliente. Che poi ormai lo sanno tutti cosa significa fare accoglienza in italia. Soldi e business. E nient'altro!!!! Se non ci fossero soldi di mezzo questi paladini non esisterebbero. Speriamo che daranno la scorta a questo pm e che a giudicare non sarà un giudice sinistroide.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 03/10/2018 - 13:25

E no caro giudice, le leggi valgono per tutti meno che per i sinistri specialmente se favoreggiano l’immigrazione clandestina...legge italiota.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 03/10/2018 - 13:32

"Non possiamo consentire, come Stato italiano e con Costituzione italiana, che qualcuno persegua un'idea passando bellamente sopra i principi, sopra le norme" E' il meno che avrebbe potutot affermare. Spiegarlo a Saviano e le ca@@ate che propala ad libitum? Tempo perso.

Una-mattina-mi-...

Mer, 03/10/2018 - 14:00

FINALMENTE UN PROCURATORE CON VISTA A 10/10

strade-italiane

Mer, 03/10/2018 - 14:23

CHI VUOLE, PER SFIZIO PERSONALE O SENSO DI APPARTENEZA, INFILARE IN OGNI DOVE IMMIGRATI PRIVI DI SENSO CIVICO O TENDENTI A DELINQUERE, LO FA INVIANDOLI DOVE NON ABITANO LORO.... VENGONO SPEDITI SEMPRE A CASA ALTRUI. A RIACE MOLTI CITTADINI SI TROVANO OGGI AD ESSERE VESSATI E STORDITI DA PERSONAGGI PRIVI DI CIVILTA' E RISPETTO, MENTRE CHI SOSTIENE L'INVASIONE ABITA IN CONTESTI PRIVI DI QUALSIASI INTRUSIONE STRANIERA. VERGOGNA

stefi84

Mer, 03/10/2018 - 14:25

Ragionamento logico, non c'è motivo per cui uno vada contro le leggi perchè è di sinistra e pensa di poterlo fare. I capi di accusa sono gravi.

carpa1

Mer, 03/10/2018 - 14:30

Egregio sindaco, puoi fare ciò che vuoi in casa tua, sempre nel rispetto delle leggi vigenti; ma non puoi pretendere di far digerire le tue idiozie agli altri: a tutto c'è un limite.