La ricetta per frenare il virus: "Due mesi di lockdown in tutta Europa"

La previsione del Commissario Ue per la gestione delle crisi, Janez Lenarcic: "Picco fra un paio di settimane. In alcuni Paesi verrà prima e in altri dopo"

Un lockdown coordinato e congiunto in tutta Europa per dare un colpo decisivo alla pandemia provocata dal nuovo coronavirus: è questa la proposta di Janez Lenarcic, commissario Ue per la gestione delle crisi.

In un'intervista rilasciata a La Stampa, lo sloveno ha spiegato che l'emergenza in corso non deve essere affrontata con egoismo: “Se dovessimo affrontare questa vicenda con egoismo non falliremmo soltanto come Unione europea. Ma falliremmo anche nella nostra sfida per tenere sotto controllo il contagio. E non possiamo permettercelo”.

La situazione è tuttavia molto complessa perché molti Paesi si sono chiusi a riccio, pensando soltanto ai propri interessi: “La Commissione – ha evidenziato Lenarcic - aveva chiesto più coordinamento sin da gennaio, ma le misure sanitarie e i controlli ai confini sono di competenza nazionale. Quando abbiamo visto che alcune misure si rivelavano dannose, come il bando all’export, abbiamo agito attraverso linee-guida e in alcuni casi forse anche oltre le nostre competenze. Non possiamo obbligare i Paesi, non abbiamo strumenti. Ma ci siamo mossi in questa direzione”.

Per quanto riguarda il supporto fornito dall'Unione europea ai Paesi membri, secondo alcuni irrisorio se confrontato a quello cinese, il commissario Lenarcic ha ribadito che “l’Ue è stata la prima a rispondere alla richiesta di aiuto cinese con l’invio di 50 tonnellate di materiale. Ora la Cina, che ha aumentato la produzione, è venuta in nostro soccorso. Non ci vedo alcun problema: questa è una crisi globale che richiede azioni globali”.

Previsioni sul virus e vaccino

In un momento del genere è difficile fare previsioni, anche se può essere utile fare delle proiezioni basandosi sulla base di quanto è stato fatto in Cina, e cioè un lockdown di due mesi. “Credo che nel giro di un paio di settimane vedremo il picco, in alcuni Paesi prima e in altri dopo. Tutto dipenderà dall’efficacia delle misure messe in campo. Non solo dai governi, ma anche dai cittadini che devono prenderle sul serio. Solo così potremo accorciare il periodo. Senza disciplina invece rischiamo un blocco più lungo”.

La vera normalità potrà tornare soltanto quando sarà prodotto un vaccino contro il virus. In tal caso attenzione alla possibile concorrenza tra gli Stati per accaparrarselo: “Spero che non succeda – ha dichiarato Lenarcic - La Commissione farà il possibile per mantenere un coordinamento e garantire solidarietà. Abbiamo deciso di creare una riserva strategica per stoccare anche i vaccini, quando arriveranno. Funzionerà così: uno Stato li conserverà nel suo territorio, ma sarà la Commissione a decidere di spedirli dove c’è maggior bisogno”.

Difficile dare i tempi: Il vaccino risolverà il problema, ma ancora non ci siamo. È in corso un lavoro, ma servirà del tempo. Potrebbero arrivare prima dei farmaci per alleviare i sintomi, anche se pure su questo al momento non abbiamo terapie efficaci”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 28/03/2020 - 11:06

Se i confini esterni non saranno sigillati quanto quelli interni, non obbedirò alla quarantena. Accettare lo status di servo della gleba perché bianco, mentre chiunque sia di razza diversa è libero di circolare impunemente non fa per me.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Sab, 28/03/2020 - 11:24

parlano di bloccare tutto europa,quando nelle piazze ci sono assembramenti di africani...pagheranno la multa?? ridicoili

DRAGONI

Sab, 28/03/2020 - 11:47

IL LOCKDOWN DOVREBBE NECESSARIAMENTE IMPORRE IL SIGILLO DELLE FRONTIERE DI TUTTE LE FRONTIERE!!MA CONTRO QUESTA NECESSITA' AVREMO IL SOLLEVAMENTO DI CHI VIVE PARASSITARIAMENTE E COLPOSAMENTE , TRAENDO "MILIARDARI"(€-$) PROFITTI PROVENTI DAL FAVOREGGIAMENTO DEL COMMERCIO DEI NUOVI SCHIAVI!!I

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Sab, 28/03/2020 - 11:56

e scommettiamo che il deposito del vaccino sarà ? indovinate dove ? G....nia ..... matematico ...

Pigi

Sab, 28/03/2020 - 11:59

In Belgio 7.284 contagi. Da quando Bruxelles è diventata capitale della Ue, è diventata anche il paradiso delle escort. Invece di chiudere tutto, perché non istituite il tampone e il test del sangue obbligatorio e giornaliero per le professioniste? Con quello che guadagnano sono soldi ben spesi. Anche New York è diventata in un baleno la città più contagiata del mondo. Sarà per tutta la gente che va a correre al Central Park oppure sarà per altri motivi? Non c'è alcun moralismo in queste considerazioni, sono semplici constatazioni.

killkoms

Sab, 28/03/2020 - 12:10

@anticalcio,quelli hanno licenza di fare tutto!il sogno dei sinistrata. stranieri pa/droni delle città e italiani chiusi in casa!

cgf

Sab, 28/03/2020 - 13:11

@Pigi Sab, 28/03/2020 - 11:59 Non sono quelli che passeggiano per Central Park, l'equivalente di 150 isolati, ma gli oltre 11 milioni di passeggeri che OGNI SETTIMANA usano STIPATI i mezzi pubblici. Presente la partita di SanSiro che casino ha combinato? se tanto mi da tanto, a NYC sono anche fortunati

Pigi

Sab, 28/03/2020 - 17:09

@gfg Sono supposizioni e basta. Che ci siano stati tanti contagiati durante una partita ALL'APERTO è un insulto al buon senso. Nella metro le probabilità di essere infettati sono forse un po' superiori. Ma non superiori a quelle che corrono gli inquilini di un palazzo dove vive un contagiato. Anche dalle scale il virus passa, no?