Risparmia sul carburante. L'aereo privato rimane a secco. Milionario muore con la fidanzata

Così morirono il ricco albergatore Gary Vickers e la fidanzata Kay Clarke

Un risparmio che è costato la vita. L'incidente aereo in cui persero la vita il ricco albergatore Gary Vickers e la fidanzata Kay Clarke, fu causato da una carenza di carburante. Nessuna fatalità, però. Infatti, come riportato dai media statunitensi, fu lo stesso Vickers che decise di riempire solo a metà i serbatoi del velivolo privato. Il tutto per risparmiare qualche sterlina. L'idea era quella di comprare poi altro carburante una volta giunti in Inghilterra, dove costava meno.

Lo schianto avvenne nel novembre 2013. La conclusione emerge dalla relazione fatta dall'autorità che ha svolto l'inchiesta sull'incidente. Come se non bastasse, Vickers pare utilizzasse un'asta per testare i livelli di carburante piuttosto affidarsi sugli indicatori.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

WalterDV

Gio, 12/02/2015 - 22:14

E' normale usare un'asta per controllare il livello del carburante nei serbatoi perche' e' piu' affidabile confronto agli strumenti !! Come al solito i giornalisti dovrebbero evitare di parlare di aviazione quando non sanno nulla !!! Quanti ne ho salvati da delle figuracce tra i giornalisti del TG4 e di Studio Aperto !!

cgf

Ven, 13/02/2015 - 08:13

Proprio vero che più si guadagna e più si è inclini a 'risparmiare'. Risparmiare sul carburante è abbastanza diffuso con tutti, sia privati che compagnie aeree, mi sta anche bene volare più alti, andare più piano anche se i tempi si allungano, ma quello di SPECULARE sul diverso prezzo dei carburanti e metterne 'appena a sufficienza' quello no. Mi ricorda un altro... compagnia irlandese sull'orlo del collasso ed oggi capitalizza più di BA. Nonostante si permetta il lusso di prendere in giro chiunque, vi sono già stati diversi episodi di acute shortage of fuel con atterraggi [quasi] di emergenza o, per lo stesso motivo, atterraggi su aeroporti diversi da quelli previsti sul piano di volo. Aspettano che scappi il disastro? speriamo di no e speriamo che i [suoi] piloti continuino ad impuntarsi come stanno facendo; ma non si può vivere 'sperando' in queste cose che dovrebbero essere certezze.