Il ritorno dello sceriffo: De Luca ferma nigeriano davanti al market

Il Governatore De Luca, insospettito dal comportamento di uno straniero fermo davanti ad un supermercato, è sceso dalla sua auto ed ha bloccato l’uomo

Il ritorno dello sceriffo: De Luca ferma nigeriano davanti al market

Anche se solo per qualche minuto, ieri il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca è tornato a vestire i panni dello “sceriffo”, un appellativo che si era guadagnato quando da sindaco di Salerno coordinava e, in qualche occasione, partecipava in prima persona ad operazioni come sgomberi e controlli del territorio contro la prostituzione e la micro criminalità.

Un impegno per la legalità che non ha mai dimenticato tanto che, nei giorni scorsi, ha polemizzato anche contro i vertici del suo stesso partito in merito alla delicata questione dell’immigrazione. De Luca, infatti, senza troppi giri di parole ha denunciato l’esistenza di bande di nigeriani che occupano il territorio. Una situazione insostenibile, questa, che crea paura ed un profondo senso di insicurezza tra la popolazione.

E, così, ieri dalle parole è passato ai fatti bloccando personalmente uno straniero che stazionava all’esterno di un supermercato a Salerno, consegnandolo poi alla polizia municipale. Da quanto si apprende, mentre percorreva in auto via Gian Vincenzo Quaranta, strada situata a pochi passi dalla centralissima piazza XXIV Maggio, il Governatore ha notato un extracomunitario che, con fare sospetto, era fermo dinnanzi ad un supermercato. A quel punto, senza pensarci troppo, De Luca ha fatto accostare la vettura di servizio, è sceso di corsa e si è lanciato contro il sospetto impegnato in attività di accattonaggio.

Le spiegazioni fornite dallo straniero non lo hanno convinto e, così, lo “sceriffo” ha chiamato i vigili urbani che, non potendo identificare l’uomo sul posto perché privo di documenti, hanno disposto ulteriori accertamenti al comando di via dei Carrari.

Dalle indagini è emerso che l’extracomunitario è un 28enne nigeriano, incensurato e privo di permesso di soggiorno, ospite in un centro di accoglienza a Sicignano degli Alburni, nel Salernitano. Con gli elementi acquisiti, il giovane è stato multato e denunciato.

Commenti