Roma, scontri tra Forza Nuova e la polizia

Giuliano Castellino, responsabile romano di 'Roma ai Romani', movimento vicino a Forza Nuova, è stato arrestato dopo gli scontri scoppiati a Montecucco per lo sgombero di una casa popolare

Roma, scontri tra Forza Nuova e la polizia

Questa mattina a Roma, nel quartiere di Montecucco, ci sono degli scontri a seguito delle proteste scoppiate tra alcuni esponenti locali di Forza Nuova e le forze di polizia che stavano effettuando lo sgombero di un alloggio popolare di proprietà dell'Ater.

Un gruppo di circa 30 persone, attivisti di 'Roma ai romani', movimento vicino a Forza Nuova, ha cercato di impedire l'operazione, con un fitto lancio di oggetti e, nel corso dei disordini, tre agenti sono stati colpiti alla testa da alcuni sampietrini. Cinque persone, tra cui Giuliano Castellino, responsabile romano del movimento, sono state arrestate per lesioni resistenza e percosse a pubblico ufficiale. Sono al vaglio degli inquirenti le immagini della polizia scientifica per individuare altre responsabilità.

Il leader di Forza Nuova, Roberto Fiore, in una nota accusa il Campidoglio: "Il modo in cui il sindaco di Roma Virginia Raggi e la Questura capitolina sta affrontando una vera emergenza sociale equivale a soffiare sul fuoco per trasformare la protesta civile e silenziosa in protesta violenta". Secondo Fiore: "Lo sfratto e l'azione violenta da parte della Polizia è stata organizzata dall’ormai famigerato commissariato di San Paolo che si è già esposto negli ultimi tempi con azioni di questo tipo come la violenta bastonatura ai militanti e ai cittadini (in particolare donne) della Magliana lo scorso 23 Settembre". "Forza Nuova si fa carico delle doglianze dei romani costretti a vedere i propri quartieri in stato d'assedio e famiglie sfrattate portate via e messe in mezzo alla strada e chiede l’immediata liberazione dei patrioti italiani colpevoli solo di aver reagito ad una vergognosa azione antipopolare", conclude il leader di Forza Nuova.

Commenti