Assolta vigilessa che bloccò le multe degli amici

A Roma è stata assolta dall'accusa di abuso d'ufficio la vigilessa che ha bloccato una trentina di multe per amici e parenti. Il tribunale: "Ufficio nel caos". Ricorso della procura

Ha insabbiato una trentina di multe prese da parenti e amici e per questo una vigilessa romana è stata assolta.

Luana Coccia, vigilessa operativa presso il XIII Gruppo Aurelio a Roma è accusata di non aver inviato in Prefettura 29 ricorsi, evitando così a parenti e amici di pagare multe tra i 40 e gli 80 euro. Le sanzioni riguardano soste vietate o passaggi con il rosso.

Secondo la procura, i ricorsi venivano sistemati in bell’ordine sulla scrivania della vigilessa, che aveva il compito di trasmetterli alla Prefettura entro 60 giorni. Nel 2013, sono state rinvenute nella cartellina della donna 29 istanze he Coccia si era dimenticata di inviare in Prefettura. Nel dibattimento, il pm ha sostenuto che è emersa l’amicizia tra le persone scampate al pagamento delle sanzioni (tutti amici e parenti della donna, incluso il figlio) e l’imputata, pertanto non è possibile considerare la dimenticanza delle istanze come un semplice caso.

Tuttavia, il tribunale ha assolto la vigilessa, attribuendo il mancato invio dei ricorsi alla carente organizzazione e al caos esistente nel "Reparto elaborazione sanzionatorio" del Campidoglio. I giudici, scrive il Corriere della Sera, danno una lettura innocentista alle disattenzioni della vigilessa, considerata inerte, ma per colpa del sovraccarico di lavoro. Per il tribunale fu la confusione a trarla in errore: si accorse tardi, ormai a tempo scaduto, dei ricorsi, per la fortuna dei ricorrenti che riuscirono così a ottenere la cancellazione delle sanzioni.

Una giustificazione che non convince il pm Laura Condemi, che quindi ha fatto ricorso contro l’assoluzione dall’accusa di abuso d’ufficio del vigile urbano Luana Coccia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

i-taglianibravagente

Gio, 23/03/2017 - 11:36

bella cosa l'amicizia.

Trinky

Gio, 23/03/2017 - 11:40

W l'onestà di certi vigili..........del resto è sempre stato e sempre sarà così, gli amici le multe non le pagano mai!

manolito

Gio, 23/03/2017 - 11:46

la vergogna italiana non ha fine --si è dimenticata solo quelle dei famigliari e amici che strano--ma perché non vengono mai licenziati ???? ha per i voti al pd --per questo abbiamo un esercito inutile di statali

manolito

Gio, 23/03/2017 - 11:48

solo quelli dei parenti e amici che strano---licenziare mai ??

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 23/03/2017 - 11:54

Hhahah, solo quelle degli amici si fermavano? Da radiare vigilessa e qualche personaggio del tribunale.

umbe65it

Gio, 23/03/2017 - 13:20

Si dovrebbe verificare che casi simili si siano verificati anche in alcune sedi della agenzia delle entrate. Si sentono in giro strane storie .........

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 23/03/2017 - 13:26

Cosi "funziona" l'Italiaaa!!!lol lol.

Royfree

Gio, 23/03/2017 - 13:30

Non se ne salva uno. Tutti i dipendenti della PA dovrebbero rifare i concorsi e confrontarsi con le nuove generazioni. Ne uscirebbe il 98%. Vergogna.

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 23/03/2017 - 13:36

poi i magistrati si offendono sapendo che sono odiati dal popolo ...

maxxx666

Gio, 23/03/2017 - 14:13

Mi sta bene il ricorso alla sentenza di assoluzione del PM ma bisognerebbe fare anche una bella inchiestina sul giudice.

cianciano

Gio, 23/03/2017 - 14:59

.......vergogna ritaliana in particolare romana....il caos dell'ufficio è risolto in cinque minuti licenziando in tronco la vigilessa....il prossimo vigile sicuramente avrà più memoria e le pratiche verranno evase in giornata....scomettiamo che sarà così ????

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 23/03/2017 - 15:37

RIPROVOOO!!! Ecco un chiaro esempio di come chi lavora per lo stato (volutamente minuscolo) NON paga mai e la Madia !!!! DORMEEEE!!!!lol lol.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 23/03/2017 - 15:37

Chiaramente assolta! Votava PD o similari? Sarebbe interessante saperlo.

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 23/03/2017 - 15:58

Il giudice é la vigilessa sono amici?

libertyfighter2

Gio, 23/03/2017 - 16:44

Non vedo cosa ci sia di strano. E' ovvio che col numero di multe che vengono estorte a Roma, ci sia un nutrito numero di personaggi che hanno le amicizie giuste per farsele togliere. Veramente siete così ingenui da pensare che tutti paghino le multe? Io non avendo santi in "paradiso", quando vivevo a Roma ho tolto l'auto, altrimenti lavoravo solo per dare soldi al Comune.

Ernestinho

Gio, 23/03/2017 - 17:20

Siamo in italia, tutto è possibile!

guido.blarzino

Gio, 23/03/2017 - 17:42

Non so se il ns. Paese si risolleverà : la corruzione ormai è dovunque a tutti i livelli in mille rivoli. Chiunque vada al potere non potrà controllare ogni scrivania che invece è diventata un centro di potere.

Happy1937

Gio, 23/03/2017 - 18:30

La Magistratura italiana perseguita sempre e solo le persone oneste. I malfattori sempre assolti. Probabilmente fra i beneficiati c'era anche qualche congiunto del cosiddetto giudice.

nexux

Gio, 23/03/2017 - 19:19

ho un dubbio: non è che anche il magistrato del tribunale che l'ha assolta aveva delle multe "dimenticate" dalla vigilessa???

Cheyenne

Gio, 23/03/2017 - 19:26

STORIE DI ORDINARIA FOLLIA

nunavut

Gio, 23/03/2017 - 19:40

La sola scusa che potrebbe salvare (?) la vigilessa(poi dicevano che con le quote rosa le malversazioni sarebbero diminuite!!)che la percentuale di multe bloccate a persone a lei sconosciute fosse di molto superiore a quelle dei suoi amici,allora forse la disorganizzazione sarebbe una scusa almeno che non timbrasse e andasse per affari suoi (tutto al condizionale).

ziobeppe1951

Gio, 23/03/2017 - 19:56

Non si fa niente per niente...ricordatevelo

mariod6

Gio, 23/03/2017 - 20:39

Si é dimenticata solo dei parenti. Nello stesso periodo quanti ricorsi ha mandato avanti questa integerrima e sovraffaticata dipendente dello Stato che nemmeno se avesse rubato il Campidoglio finirebbe in galera ??? Non dovevano essere licenziati in tronco i malfattori della PA ?? Perché non viene licenziato anche il giudice che si è prestato a questa farsa ????

Ritratto di umbertoermolli

umbertoermolli

Gio, 23/03/2017 - 21:23

non è che tra gli amici ci sia magari (ribadisco magari)qualche omonimo del giudice?cosi',per caso...