"Tua moglie una scimmia": migrante reagisce, ultrà lo massacra di botte

Hanno chiamato "scimmia" la moglie del migrante, che ha reagito. I due ultrà lo hanno massacrato di botte con un paletto della segnaletica

"Tua moglie una scimmia": migrante reagisce, ultrà lo massacra di botte

Ha reagito contro un ultrà italiano che aveva insultato sua moglie ("scimmia", la frase offensiva). Una reazione che gli è stata fatale: l'ultrà lo ha massacrato di botte, uccidendolo. Succede a Fermo, dove l'immigrato di 36 anni (ospitato nel seminario vescovile della città), Emmanuel Chidi Namdi, è morto dopo ore di agonia in ospedale dove era arrivato in coma.

Partiamo dall'inizio. La coppia di migranti stava camminando ieri sera non lontano dal seminario vescovile, quando - secondo le prime ricostruzioni - l'ultrà italiano di una squadra locale li ha avvicinati, insultando la donna, Chinyery (24 anni) chiamandola "scimmia".

A quel punto, il nigeriano ha reagito con violenza all'insulto. Ne è nata una rissa in cui uno dei due ha anche sradicato un palo della segnaletica. Alla fine l'italiano ha picchiato talmente forte il migrante da mandarlo in fin di vita all'ospedale.

Anche la compagna del nigeriano ha subìto qualche colpo, riportando ferite considerate guaribili in 7 giorni. La polizia ha denunciato a piede libero un italiano 35 enne considerato responsabile della violenza, mentre un amico dell'ultrà sarebbe stato sentito come testimone.

Emmanuel e Chinyery erano fuggiti dalla Nigeria. Secondo il racconto del prete che li ha ospitati, erano fuggiti da un attentato di Boko Haram alla loro chiesa, evento in cui erano morti i genitori di entrambi. La donna era incinta quando è partita per il viaggio che l'ha portata a Fermo, gravidanza interrotta dalle botte degli scafisti.

"La comunità di Fermo - ha scritto in una nota il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro - è conosciuta come esempio virtuoso di integrazione e accoglienza anche rispetto a chi rifugge da drammi inenarrabili. Non merita di essere bollata per quanto emergerà da questo episodio, ma deve invece rivendicare con forza lo spirito che ha sempre contraddistinto la sua realtà, le etnie straniere, i nuovi cittadini italiani ed i figli di tutti loro, che stanno crescendo insieme, senza discriminazione".

Commenti