Se Alfano spreca un miliardo per i carcerati extracomunitari

Il 32% dei detenuti nelle nostre carceri sono extracomunitari. Perché lo Stato non gli fa scontare la pena nei loro Paesi d'origine?

L’Italia stando ai dati più volte rivelati, per tenere nelle nostre carceri detenuti extracomunitari, spende all’incirca un miliardo di euro all’anno. Stranieri che in buona parte potrebbero scontare la pena nei loro luoghi di origine.

Il 32% infatti è straniero. E su un totale di 53.889 detenuti italiani, gli altri 17.403 provengono da altri paesi. E seppur il record spetti alla Svizzera nel cui carceri il 74,2% dei prigionieri sono stranieri la nostra media europea è superiore di oltre undici punti. A seguire abbiamo poi l’Austria e il Belgio.

E, dato incontrovertibile, le presenze in carcere di detenuti stranieri è di fatto uno specchio dei movimenti migratori.

Nel nostro paese, nelle nostre carceri italiane ci sono i marocchini (16,9%), romeni (16,2), albanesi (14%) e tunisini (11,2). Se pensiamo poi che nelle statistiche ufficiali, molte volte non vi è nessun riferimento alle richieste di asilo politico le percentuali sono sicuramente più alte.

Molti sono dentro per reati minori. La maggior parte di essi, il 50% hanno infatti condanne da 0 a 1 anno. Solo il 12% quelli condannati oltre i 20 anni.

Le discrepanze inoltre si incontrano anche per la mancanza di luoghi di culto per tutti. A fronte di 30.794 cattolici ci sono anche 2.290 ortodossi e 5.786 musulmani.

Per non parlare dei mediatori culturali che in carcere fungono da traduttori, pochissimi. Solo 379 in tutti i penitenziari italiani, ovvero 1,73 ogni cento detenuti extracomunitari.

Certo gli accordi per lo scambio ci sono e stretti con quasi tutti i paesi del mondo, ad eccezione della Romania, Marocco e Tunisia che come abbia detto sono in cima alla classifica delle presenze nelle nostre carceri. Eppure i detenuti trasferiti, alla fine dei conti, sono davvero pochi tanto che non vengono nemmeno conteggiati nelle statistiche della giustizia italiana. E nessuno sembra voler incentivare questo accordo per svuotare e quindi rendere migliori le condizioni negli istituti penitenziari. E non scordiamoci che le violazioni dei diritti umani nelle carceri è una realtà innegabile.

Questa situazione comporta certamente disagio e il disagio genera conflitti. Sia dentro che fuori i centri di detenzione.

La situazione delle carceri italiane è una costante emergenza del paese. Emergenza che ci è costata molte volte una serie di richiami e multe da parte dell’Unione Europea. Il tema è di sicuro molto complesso al quale si aggiungono le 73.705 persone (dati Istat 15 maggio 2015) delle persone accolte in Italia nell’ultimo periodo.

Commenti

glasnost

Ven, 02/10/2015 - 10:39

Perché non li rimpatria? Non siate ingenui, ci sarà sicuramente business per i suoi amici (nuovi e vecchi)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 02/10/2015 - 11:40

Il rimpatrio si effettua una volta sola mentre colle altre situazioni si succhiano soldi agli italiani tutti i mesi.Traditore si ma stupido no.

apostrofo

Ven, 02/10/2015 - 11:55

Succede spesso di sentire che un extracomunitario arrestato per qualche reato era già noto per precedenti reati ed espulso. Però stava ancora qui,a compierne altri. L'espulsione è un delicato invito a lasciare il nostro Paese o un provvedimento giudiziario ? Ma se non va via cosa gli succede ? Niente ! In mancanza di galere si potevano usare le numerose caserme,rispettando tutto e tutti ed aumentando il senso di sicurezza che gli italiani hanno ormai dimenticato

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 02/10/2015 - 12:12

beh se 17000 di stranieri si spende un miliardo per gli altri 57mila italiani se ne spende 3miliardi e quindi sono 4miliardi e più. Se poi aggiungiamo 6 miliardi che ha stanziato per le Regioni per dare una casa agli stranieri e mantenerli, quest'anno sono 10 miliardi, per gente nulla producente e per niente contribuente. Poi dobbiamo contare tutti quegli italiani che percepiscono aiuti e lì sono altri miliardi. Ma noi per quale motivo lavoriamo? Per puro altruismo?

routier

Ven, 02/10/2015 - 12:38

Un miliardo all'anno diviso un milione di poveri alla fame, fanno mille euro all'anno ciascuno, che saranno anche pochi ma sempre meglio che spenderli per dei delinquenti stranieri. Alfano, se ci sei, batti un colpo!

Raoul Pontalti

Ven, 02/10/2015 - 13:03

Ma cosa c'entra Alfano? I detenuti con tutto quel che ne consegue sono di competenza del ministro di Grazia e Giustizia, mentre per gli accordi relativi allo sconto della pena nel paese d'origine non firmata della Convenzione di Strasburgo del 1983 competente è il ministro degli affari esteri.

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 02/10/2015 - 13:48

Come al solito ecco arrivato il Prof. col suo tentativo di "CONFONDERE le acque". In Italia è sempre COLPA degli altri!!lol lol Non me ne frega una beata mazza se la convenzione è di competenza del ministero degli affari esteri, il Viminale (quindi Alfano) ha la competenza di ESPELLERE chi non è gradito nel paese, quindi chi viene condannato per aver commesso un qualsiasi REATO e NON è Italiano, va RISPEDITO al suo paese. AMEN Pace e bene dal Nicaragua FELIZ

Ritratto di Quasar

Quasar

Ven, 02/10/2015 - 13:49

Basterebbe fargli scegliere tra il carcere e l'espulsione coatta e senza possibilita' di ritorno. Per i reati di poco conto. Mentre per reati gravi dovrebbero essere consegnati al sistema giudiziario dei loro Paesi di origine. Ma sappiamo che Alfano l'africano non avrebbe la capacita' di una tale decisione e neppure il suo kapo' Renzi, il giullare catto-comunista piddino.

vince50_19

Ven, 02/10/2015 - 14:37

Quando un prefetto del Viminale come Morcone ammette che i rimpatri costano troppo e non si fanno, ma nel contempo "regala" assistenza legale gratuita ai migranti (con i nostri soldi) per ritardare il più possibile un eventuale loro rimpatrio, alla fine se ne deduce quando c'è troppa gente proveniente dall'estero che delinque i risultati sono anche questi e gli sprechi sono più che visibili. Figurarsi il resto..

antipifferaio

Ven, 02/10/2015 - 14:52

"Se Alfano spreca un miliardo per i carcerati extracomunitari"...li toglie agli invalidi italiani del sud nelle case di cura dove vengono stanziate appena 25 euro a paziente. E' ovvio che si trattano molto meglio gli immigrati (37 euro) che gli anziani malati. I nostri padri e madri. Per non parlare dei detenuti immigrati. Gente che spaccia, ruba e a volte ammazza, ma che volete...è la tendenza del momento: essendo immigrati la sinistra ritiene si debbano rispettare, accogliere e pagare...Beh gli italiani aspettino pure e...mi raccomando, tutti in coda.

ilbarzo

Ven, 02/10/2015 - 15:39

Alfano non ha problemi di denari con quello che si prende ogni mese dai contribuenti,pertanto si può permettere anche di sprecare miliardi ,tanto più che nessuno osa contestarlo,neppure dal governo nè tantomeno Renzi,il quale nè è riconoscente per le molte volte che è stato salvato da qul 2% dell'n.c.d.

Tigre26

Ven, 02/10/2015 - 16:55

INFATTI, PERCHE' NON LI RIMPATRIA? RISPONDETE PER FAVORE...

Raoul Pontalti

Ven, 02/10/2015 - 16:58

Eruttatore nicaraguense di fumi alcoolici chi sta in galera non esce per decreto del ministro dell'interno ma per decisione della magistratura. Chi deve contare la pena nel suo paese non viene affatto espulso ma consegnato nei modi di rito all'autorità straniera competente. L'espulsione si ha quando eventualmente il detenuto viene scarcerato, anche prima del termine di espiazione della pena, e allora e solo allora diviene di competenza del ministero dell'interno.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 02/10/2015 - 17:17

E' una vita che lo scrivo!!!....Comunqu sia,se rimpatriano questo 32% degli "ospiti",che ne facciamo del 32% di guardie carcerarie,e di tutto l'indotto che gira attorno alla "carcerazione"?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 02/10/2015 - 17:26

@Raoul Pontalti:.....le piace ciurlare nel manico,ci prova gusto,vero???...Volere è potere!....1°:il "tizio" non dovrebbe nemmeno essere in italia...2°:visto che c'è(perchè è stato "accolto"),e che viene condannato,non dovrebbe nemmeno in carcere,ma di pacca,consegnato all'Ambasciata del suo paese,che a sue spese,lo rispedisce al suo paese di origine....VOLERE E'POTERE!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 02/10/2015 - 17:27

Caro PROF, l'espulsione è ovviamente intesa nel mandarlo a compiere la pena nelle PATRIE galere del suo paese. Ma tu non l'hai capito. Contraccambio saluti e RUTTI!!!lol lol

sesterzio

Ven, 02/10/2015 - 17:51

mi sono piaciuti i due epiteti di AFRICANO e GIULLARE.Non si potevano definire meglio.A prima vista uno spasso ma in realtà che tristezza pensare e vedere tali personaggi.

mila

Ven, 02/10/2015 - 18:25

@ antipifferaio -Qualcuno Le rispondera' che gli immigrati sono utili, mentre gli Italiani anziani malati sono inutili; anzi, ci vorrebbe una bella eutanasia obbligatoria.

Tarantasio.1111

Ven, 02/10/2015 - 18:49

Per lui è un business o meglio, per chi gli para il culo in politica....