"Sane di mente...": una foto zittisce i catastrofisti

Qualche giorno fa, alla trasmissione di radio Rai 1 "Un giorno da pecora", il primario Zangrillo aveva dichiarato: "Il virus è clinicamente in letargo"

"Sane di mente...". La foto di Zangrillo che zittisce i catastrofisti

Ha fatto il giro dei social network la foto pubblicata su Twitter da Alberto Zangrillo, primario di anestesia all’ospedale San Raffaele di Milano. Il medico è all’aperto e indossa bandana, maglietta e occhiali da sole, ma non la mascherina e scrive: “Outdoor mode for sane people”, ossia “modalità all’aperto per le persone assennate”. È questo il messaggio che ha inviato agli italiani l’operatore sanitario, il quale insiste sul fatto che le mascherine all’aperto non vanno più indossate. Qualche giorno fa, Zangrillo, alla trasmissione di Radio Rai 1 Un giorno da pecora, aveva dichiarato: “Il virus esiste come ne esistono altre centinaia; quello che è certo è che va affrontato con intelligenza evitando di fare le cassandre e gli indovini. Possiamo dire che adesso è clinicamente in letargo”.

La foto su Twitter è un’ulteriore conferma di come la pensa il primario, che aveva anche aggiunto ai microfoni della Rai: “Negli ultimi giorni ho scosso la testa quando mi è capitato di incontrare persone che in mezzo al bosco, in un sentiero lungo il corso di un fiume, avvicinandomi mettevano la mascherina terrorizzati perché arrivava l’untore. Questo è un modo di vivere che non ci porta a quella consapevolezza, a quell’equilibrio mentale e psicologico dell’evidenza, dell’obiettività, dell’informazione corretta. Senza questa informazione corretta saremo tutti un popolo di beoti che segue chi la spara più grossa”.

Numeri in leggera risalita, intanto, per contagi e decessi Covid negli ultimi giorni, ma comunque ancora bassi, con il tasso di positivi su tamponi in calo sotto l'1% e la discesa dei ricoveri. In Italia il virus sembra mollare la presa, pur con qualche colpo di coda. È il caso dei decessi che sono in deciso aumento, per un totale di 126.690 da inizio pandemia. A scendere è, però, il tasso di positività su test e continua, inoltre, il calo delle ospedalizzazioni. Aumentano, infine, i guariti per un totale di 3.927.176 da inizio pandemia.