Si addormenta sul bus, perde la fermata e minaccia l'autista perché torni indietro: denunciato dalla polizia

Il fatto è accaduto su un autobus delle Ferrovie Sud Est, il giovane 22enne doveva scendere a San Pancrazio in provincia di Brindisi

La fermata dell'autobus dove sarebbe dovuto scendere era a San Pancrazio, un Comune in provincia di Brindisi. Ma si è addormentato sul pullman, svegliandosi quando ormai il paese di destinazione era lontano da un pezzo.
Così un giovane di 22 anni della provincia di Lecce ha aggredito l'autista dell'autobus delle "Ferrovie del Sud Est" (la società di trasporti pugliese) intimandogli di tornare indietro. Il giovane voleva costringere l'autista a fare "retromarcia". Ma non era possibile. I mezzi devono obbligatoriamente coprire precisi tragitti che non è possibile modificare a seconda delle esigenze degli utenti. Come si legge sul "Nuovo Quotidiano di Puglia", il mezzo era ad Erchie (un altro Comune del Brindisino) ed era diretto a Manduria (in provincia di Taranto).
L'autista, in difficoltà, ha cercato di spiegare al giovane 22enne che non poteva tornare indietro, ma lui non ha inteso ragioni dando in escandescenza. L'uomo alla guida del mezzo ha cercato di tranquillizzarlo assicurandogli che lo avrebbe accompagnato a San Pancrazio una volta finito il giro della sua linea. Nel frattempo, però, l'episodio è stato segnalato alla polizia e a Manduria una pattuglia ha fermato il bus. Il giovane è sceso dal mezzo prendendo a calci e pugni le auto in sosta. Gli agenti lo hanno bloccato portandolo in commissariato dove è stato denunciato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Dom, 14/10/2018 - 18:59

Denunciato... io gli farei fare qualche notte dentro, tanto per fargli capire l'effetto che fa...

seccatissimo

Dom, 14/10/2018 - 21:35

x Giorgio5819 Dom, 14/10/2018 - 18:59 Sono d'accordo con te. Le denunce non servono a niente e lasciano il tempo che trovano. Una settimana di carcere severo eventualmente da prorogare di settimana in settimana fino a quando il tizio si comporta bene, sarebbe veramente molto più efficace ed un effettivo deterrente.

Ritratto di noside863

noside863

Lun, 15/10/2018 - 11:55

Vedete ad aumentare le tasse sull'auto si arriva ad essere costretti di viaggiare sui mezzi pubblici. Le tasse.