Sigillata tomba di Claretta Petacci: "Ormai è in abbandono"

Gli eredi sono in America e secondo le autorità senza di loro non si può far nulla

Sigillata tomba di Claretta Petacci: "Ormai è in abbandono"

La tomba di Claretta Petacci è ormai "in stato d'abbandono". Lo dice il dirigente del Servizio cimiteri di Roma, ma lo denunciava già mesi fa anche Il Giornale, parlando di un pezzo di storia italiana abbandonato al Verano.

Il luogo dove riposa l'amante di Benito Mussolini, fucilata a Giulinodi Mezzegra il 28 aprile 1945, la tomba di famiglia, è ormai in pessimo stato e la municipalizzata dei rifiuti di Roma (Ama) l'ha certificato con l'affissione di un cartello che la dichiara "manufatto in stato d'abbandono".

"Senza l’intervento degli eredi - sostiene al Corriere della Sera Maurizio Campagnani, del Servizio cimiteri -, che sono proprietari della concessione, non possiamo fare nulla. Li abbiamo rintracciati negli Stati Uniti, abbiamo spedito due raccomandate ma non abbiamo mai avuto risposta".

Il regolamento di polizia vigente a Roma prevede che dopo sei mesi di mancata manutenzione sia "carico dell’Amministrazione di provvedere alla conservazione dei resti mortali, nel modo in cui essa giudicherà più opportuno". Il mausoleo, per farla breve, ora potrebbe scomparire.

Commenti