"Fare la spesa in modo sensuale". È bufera per il tutorial della Rai

Su Detto Fatto c'è una pole dancer che spiega come fare la spesa in modo sexy. Il video diventa virale e il pubblico parla di scandalo

Il celebre programma di Rai Due è finito nella bufera. Detto Fatto nella giornata di ieri è stato protagonista di un siparietto che non è proprio piaciuto agli utenti del web. E ha scatenato diversi mal di pancia anche ad alcuni esponenti politici. Il programma condotto da Bianca Guaccero, che si è sempre distinto per la sua ironia e spensieratezza, ha compiuto uno scivolone imperdonabile. "È scandaloso", si legge in giro per il web. La colpa sarebbe di un tutorial su come rendere sexy la spesa per una donna.

E tutto si svolge troppo in fretta, mentre le telecamere di Detto Fatto riprendono quanto sta accadendo. La protagonista di questo video è la pole dancer Emily Angelilo. La donna, con un look molto sexy, sfila con sagacità. Spinge il carrello come se stesse camminando su una passerella di alta moda e cerca di illustrare al pubblico femminile come fare la spesa senza essere goffe. Oltre a spingere il carrello, mostra come muoversi se un alimento dovesse cadere sul pavimento, spiega anche come inarcare il corpo e come essere ammiccanti nel reparto di un supermercato. Il video di Detto Fatto ha creato scompiglio nella comunità e in molti ne denunciano gli stereotipi.

Il tutorial è molto dettagliato. E nessuno è riuscito a digerire non tanto le movenze della pole dancer, ma il messaggio che il siparietto ha voluto lanciare. Alla luce di quanto è accaduto, il programma non è andato in onda. Sulla questione è intervenuto Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza in Rai, che in una nota stampa raccoglie le indignazioni che si sono rincorse in rete. "Raccolgo la segnalazione dei tanti utenti indignati sui social: al netto del trash e di esagerazioni che sembrano più adeguate alla tv commerciale, è accettabile che i soldi del canone degli italiani vengano usati per mandare in onda quanto si è visto a Detto fatto su Rai2 con il tutorial sessista su come fare la spesa? - scrive il deputato- Lo chiedo innanzitutto alle donne del cda Rai, in una giornata in cui tutti a parole si dichiarano in difesa della dignità della donna". Ma non è finita qui.

La politica scende in campo sulla trasmissione di Rai 2

"Mi chiedo anche: di fronte al susseguirsi costante e continuo di casì imbarazzanti nel servizio pubblico, di errori, di scivoloni, di violazioni del pluralismo e delle regole del giornalismo, che aspettano ancora i partiti di maggioranza a intervenire sui vertici Rai? – aggiunge -. Inutile indignarsi e protestare se poi non si va fino in fondo con i necessari provvedimenti conseguenti. Se i partiti non si muovono, lo facciano il mondo della cultura, del giornalismo, dell'editoria".

E al coro si aggiunge anche Cecilia D’Elia, portavoce della Conferenze delle donne democratiche. "Non se l'intenzione fosse ironica, ma quello che è andato in onda ieri su Rai 2, nel corso della trasmissione Detto Fatto offre un'immagine della donna stereotipata e indegna del servizio pubblico - ammette -. La cosa, già grave in se, lo è resa ancora di più dal fatto che avveniva proprio alla vigilia della giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne. Salini e i dirigenti Rai devono rispondere di quanto accaduto all'opinione pubblica e alle donne. La Rai così non può andare avanti".

Ma interviene anche Ludovico di Meo, il direttore di Rai 2: "Detto fatto è una trasmissione che ha la sola aspirazione, se possibile, di far divertire. Il programma ieri, è incappato in un gravissimo errore, non certamente voluto, del quale io per primo mi scuso con le telespettatrici e i telespettatori - si legge nella nota - Nonostante non fosse nelle intenzioni avvalorare stereotipi femminili negativi, si è sopravvalutata la carica ironica a dispetto di una chiave che è risultata chiaramente offensiva - aggiunge -. Sarà un serio impegno della rete indagare sull'accaduto e sulle responsabilità, e garantire che questo non accada più in futuro: sarebbe contrario allo spirito del programma e ai valori civili della conduttrice, degli autori, e di Rai2".

Via la puntata da Raiplay

Non si placa la bufera che si è abbattuta sul programma condotto da Bianca Guaccero. Ora la Rai ha tolto dalla sua piattaforma di video on demand la puntata di Detto Fatto trasmessa il 24 novembre 2020, dopo la polemica scoppiata a seguito della scenetta sulla passeggiata con tacco 12 al supermercato. E poi altre forze politiche sono scese in campo per interloquire sulla faccenda. Come Patrizia Marrocco di Forza Italia che lascia un suo pensiero su Twitter. "Pagare il canone tv per vedere questo scempio? Come educare le donne a fare la spesa in stile soft pornò è veramente surreale. Come vanificare in un attimo gli sforzi che le donne fanno quotidianamente per farsi rispettare e come distruggere decenni di lotte per un pò di uguaglianza.Ribadisco che la Rai deve essere il megafono di messaggi positivi e di educazione non di corbellerie con spettacoli indecenti. #rai #tvpubblica".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jenab

Mer, 25/11/2020 - 15:50

bravissima

justic2015

Mer, 25/11/2020 - 15:51

Si paga pure il canone che meraviglia di programmi che offre la mamma rai redicola agenzia italiana.

ulio1974

Mer, 25/11/2020 - 16:01

non lamentiamoci, poi, degli abusi sulle donne.

roberto67

Mer, 25/11/2020 - 16:08

Quante polemiche vuote e inutili. Il direttore di Rai2 non avrebbe dovuto scusarsi con nessuno.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 25/11/2020 - 16:14

una volta c'erano le scuole d'arte oggi ci sono le scuole che insegnano a non lavorare!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 25/11/2020 - 16:16

a qualche presidenta non piace

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 25/11/2020 - 16:41

Ecco come la rai sperpera il denaro del canone. Considerando che,come noto, questo carrozzone è gestito dai soliti noti sinistrati,la cosa non stupisce più di tanto,per cui mi permetto un suggerimento:chiamatelo TUTTOrial,visto che l'avete partorito voi TUTTOlogi del nulla,presunti falsi superiori.

Savoiardo

Mer, 25/11/2020 - 18:56

Parrucconi,invidiosi delle belle donne.