Quello "spin doctor" del Papa che spinge la Chiesa a sinistra

Padre Antonio Spadaro è il vero spin doctor del Papa. Il gesuita, direttore de La Civiltà Cattolica, promuove una Chiesa "in uscita" e "ospedale da campo"

Quello "spin doctor" del Papa che spinge la Chiesa a sinistra

Il Papa - dicono i ben informati - ha uno "spin doctor". Un ecclesiastico che, stando ai racconti, muove le fila da dietro, promuovendo istanze progressiste e facendo sì che la Chiesa cattolica non si dimostri troppo distante dalle "cose del mondo". Si chiama padre Antonio Spadaro, gesuita, dirige La Civiltà Cattolica, ha da poco pubblicato un manifesto che sembra preludere alla discesa in campo di un "partito dei cattolici" e oggi, Il Foglio, ne ha presentato un ritratto davvero dettagliato.

Spadaro non piace ai tradizionalisti. Vale subito la pena sottolinearlo. I "nemici del Papa", come li chiama il cardinale Walter Kasper, che ha in qualche modo ipotizzato l'esistenza di un complotto teso a far dimettere il Santo Padre, hanno spesso annoverato il padre gesuita all'interno dell'elenco dei comunicatori vaticani, quelli che costituirebbero un gruppo posto a presidio della "rivoluzione - loro la intendono in senso modernista - bergogliana". Nella stessa elencazione viene citato spesso pure il vaticanista Andrea Tornielli, neo incaricato in Santa Sede. Proprio padre Spadaro, del resto, avrebbe avuto un ruolo cruciale per la nomina di Andrea Monda a direttore de L'Osservatore Romano.

Bergoglio, in vista di un anno che si annuncia complesso, sta rivisitando la squadra che lo accompagnerà da qui in futuro. Spadaro non si muove: per Francesco è una certezza. Ma perché i conservatori sono soliti osteggiare - almeno in termini dottrinali - quanto avanzato dall'ecclesiastico appartenente alla Compagnia di Gesù? Il direttore del La Civiltà Cattolica - basta leggere quello che scrive per comprenderlo - è un sostenitore della "Chiesa in uscita" anche detta "ospedale da campo". Un'istituzione ecclesiastica sempre meno attenta alle questioni spirituali e sempre più incline a occuparsi dei bisogni delle periferie. Una concezione pragmatica, che per i crtici più aspri nasconde una certa involuzione culturale. Quasi come se Spadaro volesse trasformare i meccanismi curiali e ripensare le priorità di base, rendendo la Chiesa cattolica qualcosa di molto simile a una Ong. Il cardinale Mueller si è spesso scagliato conto questa visione.

Il padre gesuita, in sintesi, vorrebbe un'Ecclesia spostata a sinistra. Il quotidiano diretto da Cerasa ha evidenziato come, tra gli amici del direttore, ci sia pure Martin Scorsese. Quello di "Taxi Driver", "Casinò" e "Kundun". Ma non bisogna rimanere di stucco: il Vaticano, sotto questo pontificato, ha iniziato a utilizzare i media in modo assiduo. Il fine è quello di diffondere la pastorale del vescovo di Roma, ma dietro a questa prassi rinnovata ci sarebbe, ancora una volta, la regia del nostro.

Infine la geopolitica: si dice che i gesuiti siano spesso andati a braccetto con il potere, che la loro stessa missione, pellegrina e globalizzante, non possa che adagiarsi su Cesare, inteso come colui che si occupa della cosa pubblica. Bene, Spadaro è uno dei sostenitori più acclarati dell'accordo provvisorio stipulato tra Repubblica popolare cinese e Santa Sede per la nomina dei vescovi. Andare verso Cesare, appunto.

Se per il cardinale Zen il patto stipulato rappresenta un tradimento, per i "guardiani della rivoluzione" costituisce un'occasione di riconciliazione piena per i cattolici cinesi. L' "ospedale da campo" che abbraccia il mondo e magari - insistono i conservatori - lo coccola troppo, al punto di far sparire le differenze - considerate necessarie - tra Chiesa cattolica e modernità.

Commenti