Quello "spin doctor" del Papa che spinge la Chiesa a sinistra

Padre Antonio Spadaro è il vero spin doctor del Papa. Il gesuita, direttore de La Civiltà Cattolica, promuove una Chiesa "in uscita" e "ospedale da campo"

Il Papa - dicono i ben informati - ha uno "spin doctor". Un ecclesiastico che, stando ai racconti, muove le fila da dietro, promuovendo istanze progressiste e facendo sì che la Chiesa cattolica non si dimostri troppo distante dalle "cose del mondo". Si chiama padre Antonio Spadaro, gesuita, dirige La Civiltà Cattolica, ha da poco pubblicato un manifesto che sembra preludere alla discesa in campo di un "partito dei cattolici" e oggi, Il Foglio, ne ha presentato un ritratto davvero dettagliato.

Spadaro non piace ai tradizionalisti. Vale subito la pena sottolinearlo. I "nemici del Papa", come li chiama il cardinale Walter Kasper, che ha in qualche modo ipotizzato l'esistenza di un complotto teso a far dimettere il Santo Padre, hanno spesso annoverato il padre gesuita all'interno dell'elenco dei comunicatori vaticani, quelli che costituirebbero un gruppo posto a presidio della "rivoluzione - loro la intendono in senso modernista - bergogliana". Nella stessa elencazione viene citato spesso pure il vaticanista Andrea Tornielli, neo incaricato in Santa Sede. Proprio padre Spadaro, del resto, avrebbe avuto un ruolo cruciale per la nomina di Andrea Monda a direttore de L'Osservatore Romano.

Bergoglio, in vista di un anno che si annuncia complesso, sta rivisitando la squadra che lo accompagnerà da qui in futuro. Spadaro non si muove: per Francesco è una certezza. Ma perché i conservatori sono soliti osteggiare - almeno in termini dottrinali - quanto avanzato dall'ecclesiastico appartenente alla Compagnia di Gesù? Il direttore del La Civiltà Cattolica - basta leggere quello che scrive per comprenderlo - è un sostenitore della "Chiesa in uscita" anche detta "ospedale da campo". Un'istituzione ecclesiastica sempre meno attenta alle questioni spirituali e sempre più incline a occuparsi dei bisogni delle periferie. Una concezione pragmatica, che per i crtici più aspri nasconde una certa involuzione culturale. Quasi come se Spadaro volesse trasformare i meccanismi curiali e ripensare le priorità di base, rendendo la Chiesa cattolica qualcosa di molto simile a una Ong. Il cardinale Mueller si è spesso scagliato conto questa visione.

Il padre gesuita, in sintesi, vorrebbe un'Ecclesia spostata a sinistra. Il quotidiano diretto da Cerasa ha evidenziato come, tra gli amici del direttore, ci sia pure Martin Scorsese. Quello di "Taxi Driver", "Casinò" e "Kundun". Ma non bisogna rimanere di stucco: il Vaticano, sotto questo pontificato, ha iniziato a utilizzare i media in modo assiduo. Il fine è quello di diffondere la pastorale del vescovo di Roma, ma dietro a questa prassi rinnovata ci sarebbe, ancora una volta, la regia del nostro.

Infine la geopolitica: si dice che i gesuiti siano spesso andati a braccetto con il potere, che la loro stessa missione, pellegrina e globalizzante, non possa che adagiarsi su Cesare, inteso come colui che si occupa della cosa pubblica. Bene, Spadaro è uno dei sostenitori più acclarati dell'accordo provvisorio stipulato tra Repubblica popolare cinese e Santa Sede per la nomina dei vescovi. Andare verso Cesare, appunto.

Se per il cardinale Zen il patto stipulato rappresenta un tradimento, per i "guardiani della rivoluzione" costituisce un'occasione di riconciliazione piena per i cattolici cinesi. L' "ospedale da campo" che abbraccia il mondo e magari - insistono i conservatori - lo coccola troppo, al punto di far sparire le differenze - considerate necessarie - tra Chiesa cattolica e modernità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Sab, 19/01/2019 - 11:02

La Chiesa è sempre stata e deve essere comunità dei credenti battezzati che osservano le regole del catechismo di Fede, non deve essere un'entità aperta a tutto e tutti, cioè al caos come vuole Bergoglio e suoi galoppini.

Ritratto di nordest

nordest

Sab, 19/01/2019 - 11:10

Il buon Dio aveva previsto che alla fine dei tempi il maligno si sarebbe schierato ; eccolo qui si è presentato,per fortuna che tanti preti non sono di sinistra sono l’unica speranza per i credenti,

steacanessa

Sab, 19/01/2019 - 11:12

Spinge la chiesa alla dissoluzione, altro che storie.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Sab, 19/01/2019 - 11:14

Tutti i gesuiti sono di sinistra,come il mentore del papa ed il papocchio sta distruggendo la fede.

mutuo

Sab, 19/01/2019 - 11:27

Il morbo rosso, conosciuto anche sotto il nome di cancro sinistro, da molti decenni ha colpito la chiesa cattolica. La metastasi avanza inesorabilmente e al momento non ci sono cure. L'unica speranza di salvezza è un miracolo. D'altronde il fondatore l'aveva promesso: Pietro............. E le forze del male non prevarranno su di essa.

mariod6

Sab, 19/01/2019 - 11:34

Quando si vuole evidenziare la viscida adulazione e la falsità di un individuo, lo si definisce "gesuita". L'accoglienza a tutti i costi praticata dalla Chiesa attuale, porta soldi e donazioni alle casse delle parrocchie e della Caritas. Quanti sono gli immobili della chiesa affittati alle coop che gestiscono i migranti ?? Io devo pagare le tasse per casa mia, per i servizi comunali (indecenti !!!), per l'acqua e l'illuminazione pubblica ma la Chiesa non paga un soldo per tutte le case che ha e che vengono definite luoghi di culto, anche se poi sono solo alberghi. Gestione da "Gesuiti" !!!!!

INGVDI

Sab, 19/01/2019 - 12:05

La chiesa modernista bergogliana ha niente a che fare con Vangelo e con Cristo Figlio di Dio, è un'organizzazione che fa politica e si dedica al sociale. La sua nuova teologia ritiene Cristo personaggio un po Gandhi un po Che Guevara, venuto al mondo non per salvare le anime, ma per liberare l'uomo dalla "schiavitù" della povertà (teologia della Liberazione). E' la chiesa dei buonisti non credenti (nel senso che non credono a ciò che è scritto nel Credo che si recita dopo la S. Consacrazione). Amen

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 19/01/2019 - 12:09

Spinge la chiesa a sinistra? Direi troppo a sinistra, sta raggiungendo l'estremità.

Cheyenne

Sab, 19/01/2019 - 12:12

CIVILTA' CATTOLICA=INCIVILTA' ISLAMICA

Happy1937

Sab, 19/01/2019 - 12:13

I Gesuiti sono da sempre ben noti per la loro falsita’.

Mauritzss

Sab, 19/01/2019 - 12:16

Sarà parente o affine di quell'altro Spataro magistrato ?? . . . .

Treg

Sab, 19/01/2019 - 12:20

Destituire questo Papa si rende sempre più necessario

nopolcorrect

Sab, 19/01/2019 - 12:57

La Chiesa oggi come Ong? Forse il futuro sarà questo, ormai quanti credono più alla storia del frutto proibito nel Paradiso terrestre o all'arca di Noè? O al fatto che dopo la morte di Gesù molti santi risorsero? Credo molto pochi. Ovvio che però la trasformazione in partito politico di sinistra porterà a prima a una Chiesa completamente snaturata e poi alla sua fine.

19gig50

Sab, 19/01/2019 - 13:13

Cosa aspettano i Cardinali che ancora hanno buon senso ad indire un nuovo conclave?

opuslupus

Sab, 19/01/2019 - 13:14

Ma lei che scrive questo articolo si rende conto delle cose che ce4ca di dire? Non conosce iGesuiti ma ne vuole tracciare un profilo, non conosce la chiesa e vuole immaginate un suo orientamento, non conosce il Papa e lo vede in mano ad uno spin doctor. Ma per favore! La chiesa , e ci mancherebbe altro, ha un suo orientamento preciso sui migranti e sui poveri. Se per lei questo è essere di sinistra farebbe meglio a studiare il Vangelo , andare a messa, confessarsi e magari evitare di scrivere scemenze.

honhil

Sab, 19/01/2019 - 13:25

Parlare della Chiesa in termini di sinistra e di destra, è quanto di più diabolico ci possa essere. Dato che della spiritualità se ne fa un mattone politico a beneficio soltanto degli arrivisti in tonaca. Un doppio peccato mortale, ammesso che si sia possibile usare questa espressione.

tosco1

Sab, 19/01/2019 - 13:39

Si, certamente , per il progetto della "chiesa in uscita", non credo che ,stando cosi' le cose, dovranno sudare le classiche sette camicie.Ricordiamoci pero' che un terromoto profondo, provoca spesso un terrificante tsunami, e quindi, li invito a stare con le orecchie dritte.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 19/01/2019 - 17:19

ahhh,peppe ti ringrazio per la censura e ti ricorderò nelle mie preghiere!

utherpendragon

Dom, 20/01/2019 - 00:58

la chiesa cattolica è una monarchia assoluta temperata dalla ( solitamente ) tarda età del regnante e, qualche volta , nel medioevo (solamente?),da strani incidenti a lui occorsi.