Strade bloccate e sit in violenti: gli immigrati incendiano la Sardegna

Ondata di rivolte in Sardegna. Gli immigrati pretendono di più dallo Stato italiano. E scatenano proteste violente in tutta l'isola

La Sardegna non ha pace. Oggi è esplosa l'ennesima protesta di immigrati a Narcao. Nel giro di appena due settimane un gruppo di africani, ospite dell'ex hotel Rosas che ha trasformato in un centro di accoglienza, è tornato a manifestare per contestare accusando lo Stato italiano di inadempienze nei loro confronti.

Come già il 20 ottobre scorso, quando hanno inscenato una protesta facinorosa contro i ritardi nel pagamento del pocket money, questa mattina gli africani hanno bloccato la strada che porta in Paese dalla frazione dove si trova l'ex albergo, a Terrubia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Carbonia. Una protesta analoga si era svolta per la prima volta il 14 ottobre dell'anno scorso: una quarantina di immigrati, decisi a lasciare la Sardegna, avevano abbandonato l'ex albergo, lamentando alimentazione insufficiente e disagi, in parte legati all'isolamento della struttura. L'emergenza era rientrata dopo una trattativa con le forze dell'ordine e l'impegno a risolvere i problemi segnalati dagli ospiti della struttura da 130 posti gestita da una onlus di Carbonia.

L'8 gennaio un altro gruppo di immigrati era partito all'alba dall'ex albergo, costruito negli anni Novanta nell'isolata frazione di Terrubia e rimasto a lungo chiuso, e dopo una marcia di alcune ore aveva raggiunto l'ufficio immigrazione a Cagliari. Gli extracomunitari avevano manifestato il loro disagio e chiesto di essere assegnati ad altre strutture più vicine, possibilmente del capoluogo. Ad aprile nel centro era scattato un blitz antidroga dei carabinieri, dopo che era stata attività di spaccio di stupefacenti. Dei sei ospiti perquisiti, uno - un senegalese di 19 anni poi denunciato - era stato trovato in possesso di tre dosi di hashish.

L'ultima protesta risale al 25 giugno scorso, quando una quarantina di immigrati ancora una volta aveva lasciato l'ex albergo per contestare i ritardi nel rilascio dei permessi di soggiorno. La strada davanti alla struttura di accoglienza era rimasta bloccata per circa quattro ore, dalle 6 alle 10 del mattino.

Mappa

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

macommmestiamo

Mer, 02/11/2016 - 10:49

ma a casina loro no??

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 02/11/2016 - 10:52

secondo me, visto che questi immigrati sono "nostri fratelli" e sono "risorse per il paese" bisognerebbe fornirgli: almeno 100eur (in contanti) al giorno, una stanza d'albergo minimo a 4 stelle, cibo e vettovaglie gratuite, Internet e tablet gratuiti, vestiti firmati e cellulare ultima generazione ed, infine, tutta la droga di cui hanno bisogno e minimo un paio di escort a settimana

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Mer, 02/11/2016 - 10:54

I nuovi signori e padroni non si sentono sufficientemente idolatrati, riveriti e serviti dagli schiavi italiani. E giustamente protestano. Mentre i fantasmi degl'italiani, morti negli ultimi tre anni, ridono a crepapelle: si sono risparmiati di vivere sulla loro pelle questo scempio.

acam

Mer, 02/11/2016 - 11:01

attenzione cioccolatini anche Francesco si è accorto che state diventando troppi

Ritratto di MLF

MLF

Mer, 02/11/2016 - 11:03

Lo so che non mi passeranno questo commento ma lo devo dire lo stesso: i terremoti capitano sempre nei posti sbagliati...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 02/11/2016 - 11:05

L'ordine pubblico, per i prossimi 20 anni, è assicurato...

illupodeicieli

Mer, 02/11/2016 - 11:08

Hanno rotto le scatole , sia loro che chi parla di accoglienza diffusa: nell'articolo si spiega che non gradiscono stare lontani dalle città, ergo non vogliono restare in paesi o in frazioni. Erano anche abituati a essere portati, in pullman, a Cagliari: un periodo ,alla stazione, arrivavano dei pullman pieni di extracomunitari. Il punto è che:non sai quanto devono restare in queste strutture; né se e quando queste strutture devono essere destinate a ospitarli. C'è anche altro ma...

sbrigati

Mer, 02/11/2016 - 11:16

Immaginate che le persone che bloccano strade e manifestano violentemente non siano "migranti", ma italiani, senza lavoro, senza casa, senza "paghetta", che ordini riceverebbero coloro che sono preposti a fare rispettare la legalità?

Garganella

Mer, 02/11/2016 - 11:22

Forse sarebbe meglio utilizzare il denaro per riportarli indietro invece d'utilizzarlo per mantenerli!

semelor

Mer, 02/11/2016 - 11:32

Purtroppo sì arriva al dunque. Queste giovani e forti risorse sono pronti a tutto. sono tantissimi, quando saranno in numero sufficientemente ad un segnale convenuto convenuto ci attaccheranno e prenderanno possesso della nostra povera Italia. Che Dio aiuti i nostri figli.

roberto del stabile

Mer, 02/11/2016 - 11:34

RIMANDARLI A CASA LORO DOVE POSSONO LEGITTIMAMENTE DOPO AVER PAGATO LE TASSE PRETENDERE UN TRATTAMENTO MIGLIORE!!IN SARDEGNA DEVONO STARE QUIETI E VOLARE BASSO MOLTO BASSO!!

Marzio00

Mer, 02/11/2016 - 11:47

E' solo l'inizio, vedrete cosa accadrà quando non ci saranno più le mancette per i diversamente italiani....... lo sapete vero? Spiegatemi come lo Stato potrà mantenere l'ordine pubblico nei piccoli centri dove - se va bene - c'è una caserma con 4 carabinieri...... La storia insegna!

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 02/11/2016 - 12:16

ma dove sono gli squadristi ultras delle curve ??!! perchè una volta tanto non si rendono utili e vanno a prendere a manganellate questi "invasori" ??!!!

steacanessa

Mer, 02/11/2016 - 12:18

Che spettacolo indecoroso! Individui bellicosi che si permettono di metterci sotto i piedi! E noi mandiamo le "forze dell'ordine" a scortarli anziché impacchettarlo e relegarli ALL'Asinara.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 02/11/2016 - 12:33

Chi di immigratis ferisce di immigratis perisce: sardi,avete votato la sinistra? ZITTI e pedalate!

Una-mattina-mi-...

Mer, 02/11/2016 - 13:18

E' ORA DI FINIRLA DI IDEALIZZARE GLI UOMINI SELVATICI PROVENIENTI DA CULTURE PRE-ETICHE

Fjr

Mer, 02/11/2016 - 13:19

Gavetta pala e piccone e a scavare in mezzo alle macerie, non ti sta bene? A casaaaaa

pierrebl

Mer, 02/11/2016 - 13:34

Vogliono la movida nei centri cittadini, alberghi 5 stelle, smartphone ultima generazione e pocket money adeguato per una vita spensierata e casereccia, altro che integrazione sparpagliati nei piccoli paesini sulle montagne. Solo Renzi, alf-ano e la sboldrina possono sostenere il contrario.

acam

Mer, 02/11/2016 - 13:50

steacanessa Mer, 02/11/2016 - 12:18 lo sai che l'asinara è talmente bella che volevano fare un hotel con il carcere ... in alta montagna bisogna mandarli e tagliare legna per mangiare e scaldarsi

carlottacharlie

Mer, 02/11/2016 - 13:51

Poverini, nei loro paesi africani sono abituati vivere nelle capanne; forniamogliene e saranno contenti.

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 02/11/2016 - 14:08

La gestione migranti ce l'ha in mano Bergoglio...ci pensa lui..

gigetto50

Mer, 02/11/2016 - 14:10

..il solito ritornello: eehhh..ma é colpa di Berlusconi che ha firmato il patto di Dublino che prevede l'obbligo di riconoscimento etc..da parte del paese di primo arrivo del migrante. Bene é logico e giusto, anche perché é stato firmato da tutti gli europei e quindi sono tutti coinvolti, salvo poi scoprire che Spagna e Francia non li fanno arrivare sulle loro coste. Ma comunque Berlusconi non ha MAI detto o firmato che TUTTE le navi di questo mondo devono non solo raccogliere in mare anche davanti alle coste libiche, Tutti i migranti e PER FORZA portarli TUTTI in Italia. Questo é un allargamento dei governi cattocomunisti iniziato da Letta con MARENOSTRUM, complice il Papa che ora sta facendo dei distinguo e poi perfezionato da Alfano con TRITON Insomma una nave tedesca, carica i migranti, perché anziché portarli in Sardegna non li fa sbarcare in Corsica?

sibieski

Mer, 02/11/2016 - 14:31

tranquilli, arriva la boldrini con un po' di caviale equo e solidale

martinsvensk

Mer, 02/11/2016 - 14:34

Strano paese l'Italia. Aggressivi e cattivi sono gli Italiani tra di loro, basti pensare al terrorismo rosso o nero o a Tangentopoli che pur partendo da basi giuste mostrava un odio mortale per gli accusati, condannati ancor prima del processo o alla campagna di puro odio per Berlusconi o all'odio tra Nord e Sud. Quando arrivano stranieri da chissa dove ci facciamo loro servi lasciandoci trattare appunto come servi. Strano paese l'Italia davvero.

Mauri44

Mer, 02/11/2016 - 14:35

portateli a milano ce il comitato pronti ad accoglierlli

igiulp

Mer, 02/11/2016 - 14:49

Cari Sardi è il vostro momento. So che siete gente accogliente ma che sicuramente non si lascia travolgere dalla stupidità altrui. Dimostrate a quel popolo di inetti (che siamo noi) che avete gli anticorpi necessari per far valere le Vostre sacrosante ragioni. Sardegna libera, sempre.

piardasarda

Mer, 02/11/2016 - 15:16

vogliono il capoluogo per presidiare ogni parcheggio e piazza spadroneggiando come mai si era visto fare da parte degli italiani, l'accoglienza fatta sulle spalle dei residenti minacciati e controllati nei movimenti, se gli italiani delinquono di più e non si può evitare, allora non aggiungiamo altra delinquenza, basta la nostra. nei Paesi africani hanno chiuso le carceri, i delinquenti li mandano in esilio, tanto se li prende l'Italia. questi non entrano nei Paesi del Nord europa

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 02/11/2016 - 15:28

Mandateli a MAMOIADA che li "sistemano" subito!!!!lol lol. #TRAGHETTATORIACASACOLNO.

marygio

Mer, 02/11/2016 - 15:35

bene bene benissimo

pastiglia

Mer, 02/11/2016 - 15:47

Hanno ragione non facciamo tutto il dovuto! Mio padre diceva povera italia chi la ama sbaglia e aveva ragione.

OttavioM.

Mer, 02/11/2016 - 15:47

Profughi?Tutti uomini?Di quale guerra?Se è vero che sono fuggiti dalla guerra dei loro paesi sono disertori e allora anzichè stare a spese nostre in albergo e protestare perchè il wi-fi non prende e il cibo non è di loro gradimento,tornassero a combattere per i loro paesi,anzichè lasciare donne e bambini sotto le bombe.Se invece come penso sono i soliti finti profughi,allora a casa a lavorare,che in Africa c'è tanto bisogno di giovani che lavorano sodo,invece di gente che vive in hotel a spese nostre non abbiamo bisogno.

gneo58

Mer, 02/11/2016 - 16:37

queste sono le cose che succedono quando i politici, per denaro, tengono qui gli immigrati "ad libidum" - hanno ragione loro - d'altra parte se una volta sbarcati nel giro di 3 giorni fossero controllati e, tutti i "migranti" economici, rispediti indietro questo non succederebbe.

Ritratto di Svevus

Svevus

Mer, 02/11/2016 - 16:58

Rimandiamoli indietro seguendo l' esempio dell' Australia !!!!

onurb

Mer, 02/11/2016 - 17:32

Trovo che questi immigrati hanno ragione: lo stato italiano è inadempiente nei loro confronti. Infatti dovrebbe rispedirli tutti al mittente e invece si ostina a tenerli in Italia.

alby118

Mer, 02/11/2016 - 17:36

Con l'anonima sarda di una volta questo non sarebbe successo. Oramai oltre sulle cosiddette "istituzioni" neppure sulla "protezione" della malavita si può contare !!

piardasarda

Mer, 02/11/2016 - 17:48

profughi, ma de che? in Italia i genitori sono disposti a grossi sacrifici per il futuro di un figlio; in Africa hanno imparato: si trova la somma per far partire un solo figlio, la somma è ripagata in breve con le rimesse dall'Italia, ma il futuro è assicurato per tutta la famiglia con ricongiungimenti, assistenza e previdenza, meglio se imbarcano un minore; gli avvocati ci sono anche lì e faranno affari con consigli e assistenze; però il governo non dica che gli italiani sono mammoni e fannulloni.

onurb

Mer, 02/11/2016 - 17:49

illupodeicieli. L'accoglienza diffusa è la più grossa fregnaccia che i cattocomunisti che ci governano hanno messo in circolazione per intortare gli Italiani. Tutte le sere nella trasmissione "Dalla vostra parte" ci sentiamo ripetere questo ritornello: una sera dalla Castaldini, un'altra sera dalla Malpezzi e a seguire da Fiano, da Romano e da tutti i grandi pensatori di sinistra che vengono invitati a Rete Quattro. Immancabilmente, però, dalle piazze ascoltiamo una musica completamente differente: i clandestini vengono sistemati in blocco e non in maniera diffusa dai prefetti che sono la longa manus del governo. Quindi, lupodeicieli, tutti i sinistrati che ho nominato svolgono puntualmente il compitino che viene loro assegnato: far credere agli Italiani, che già di loro sono dei creduloni, che il governo sta attuando la politica dell'accoglienza diffusa. Che poi non sarebbe un toccasana.

Ritratto di nando49

nando49

Mer, 02/11/2016 - 18:04

Questi clandestini hanno capito che la debolezza dello Stato concede loro tutti i vantaggi di poter avanzare richieste di ogni genere, ovvero "tutto è dovuto". Ne vedremo di peggio! L'unico deterrente sarebbe l'utilizzo dell'espulsione immediata ma in Italia c'è una classe politica attenta più ai clandestini che ai cittadini che pagano le tasse.

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 02/11/2016 - 18:07

Gli africani non hanno mai lavorato dalla notte dei tempi, fanno lavorare le loro donne nei campi, sotto il sole con il figlio più piccolo legato dietro la schiena, mentre loro stanno seduti all'ombra, con un bastoncino tra i denti, a chiacchierare. Sono talmente incapaci da non saper costruire nemmeno il più semplice attrezzo e indolenti fino all'esasperazione. Se qualcuno si illudeva che potessero essere quelli che ci pagheranno le pensioni se la può mettere via: non cambieranno le loro abitudini tanto facilmente.

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Mer, 02/11/2016 - 18:14

MLF, condivido in pieno!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mer, 02/11/2016 - 23:10

Quando quelli che dovrebbero governarci, si renderanno conto dei propri errori, sarà ormai tardi a meno che il popolo non glielo faccia capire in altro modo!

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Mer, 02/11/2016 - 23:15

gianky53 18:07 - Concordo e aggiungo: anche se porti nel loro paese attrezzi e macchinari e gli fai vedere come usarli e mantenerli finiscono quasi sempre col romperli e rovinarli anzitempo. Fonte: conoscenti missionari in Africa. La storiella dell'Africa e Medio Oriente che sono poveri e martoriati dalle guerre a causa dell'Occidente ricco e guerrafondaio è una palla/scusa colossale usata dagli stessi africani e medio orientali/musulmani e dai catto-sinistrati per attaccare l’Occidente capitalista e al tempo stesso per farsi mantenere per l'eternità. Per capire chi ha torto e chi ha ragione è sufficiente guardare come erano ridotte la maggior parte dell'Africa e del Medio Oriente prima dell'epoca delle grandi scoperte e di quella coloniale e paragonare il loro livello morale, culturale e tecnologico con quello del “cattivo” Occidente. 1 DI 2 SEGUE.

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Mer, 02/11/2016 - 23:28

La verità è che la maggior parte degli africani e degli arabi/musulmani non ha alcuna voglia di lavorare perché come hai detto bene tu è indolente, prepotente e guerrafondaia. Non è un caso che pochi giorni fa è arrivata la notizia del famoso "profugo" siriano col figlio in braccio sgambettato dalla giornalista brutta, cattiva e fascista (ma si ci sta sempre bene) il quale dopo un anno di "lavoro" non ha avuto il rinnovo del contratto perché lavativo. Concludo dicendo che sono assolutamente certo che anche se tutti - e dico tutti - gli occidentali se ne andassero dall'Africa e dal Medio Oriente e non vi mettessero mai più piede, le guerre e la povertà in quei luoghi non cesserebbero anzi aumenterebbero ancora di più. Provare per credere. 2 DI 2 FINE.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 03/11/2016 - 00:49

Vedi che succede a dare tutto a loro? Poi pretendono sempre più senza fare nulla. Poi diranno che siamo stati noi ad invitarli, quindi diranno sempre che dovremmo mantenerli vita natural durante. E quelle bestie di comunisti che gli danno sempre ragione. Tanto pagano gli altri. Dovremmo buttare fuori gli uni e gli altri. E questo sarebbe il ringraziamento dei bisognosi che fuggono dalle guerre? Ma inventatevi qualcos'altro perchè non siete credibili, anzi falsi per almeno il 97 %. E più andiamo avanti peggio sarà.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 03/11/2016 - 07:12

La UE:«Italiani un problema, sono i meno aperti verso ripopolamento profughi». Su sette Paesi UE che lo scorso anno sono stati soggetti ai più massicci flussi di coloni, l’Italia è quello che ha fatto registrare "la più forte riluttanza locale a ricevere" migranti e richiedenti asilo, "in particolare nei piccoli comuni". Quanto predetto emerge da uno studio dell’Agenzia europea per i diritti fondamentali (Fra) sulla situazione in Austria, Bulgaria, Germania, Grecia, Italia, Ungheria e Svezia, dal 9/2015 al 9/2016. Questo studio ci riempie di orgoglio: significa che l’Italia profonda resiste. Che l’Italia vera è quella di Goro, non quella cullattarda di Palazzo Chigi." (Voxnews) Se anche il Papa ammette che non si possono superare certi limiti, se in Italia circa 10milioni di persone povere o quasi vengono trascurate da questo governo di ballisti-tassatori certe rimostranze hanno radici "sane" a mio avviso.

Ritratto di Gabaldone22

Gabaldone22

Gio, 03/11/2016 - 09:43

Buongiorno Ecco il suo e-mail: atiliogabaldone1@gmail.com È un prestatore serio e molto onesto. Per tutta la vostra necessità di prestito per i vostri progetti (casa, ed altri) o per la vostra necessità personali, volete contattarlo per ottenere il vostro prestito in 72 oress

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Gio, 03/11/2016 - 23:02

Gabaldone22 09:43 - Sparisci!