Svolta omicidio Scopelliti: trovata 27 anni dopo l'arma del delitto

Il giudice Scopelliti era stato ucciso in un agguato il 9 agosto del 1991, colpito alla testa con due colpi di fucile

È stata ritrovata nel Catanese l'arma con la quale, il 9 agosto 1991, fu ucciso il giudice Antonino Scopelliti, assassinato in un agguato mafioso, mentre viaggiava nella sua auto a Campo Calabro, in provincia di Reggio Calabria.

Chi era Antonino Scopelliti

Numerosi i casi di cui si era occupato nel corso della sua carriera, essendo diventato sostituto procuratore della Suprema Corte di Cassazione: prima il processo Moro, poi quello per la strage di piazza Fontana e quello per il sequestro di Achille Lauro, fino al processo per la strage del Rapido 904. Nel 1991, il giudice stava preparando il rigetto dei ricorsi in Cassazione di alcuni boss mafiosi, condannati durante il maxi processo contro Cosa Nostra, messo in piedi da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Per questo motivo, le associazioni mafiose tentarono prima di corrompere Scopelliti e poi, dato il rifiuto del giudice, organizzarono l'attentato.

L'attentato e le indagini

Erano da poco passate le 17 di quel 9 agosto 1991 quando, sulla strada che dal mare porta al certro abitato di Campo Calabro, il giudice venne intercettato dai suoi assassini. Si sentirono due colpi di fucile ravvicinati, che colpirono Scopelliti alla testa, uccidendolo. A sparare, con fucili calibro 12 caricati a pallettoni, probabilmente due uomini a bordo di una moto. È altamente probabile che il giudice venne assassinato dalla 'ndragheta, su richiesta della mafia siciliana, dato che avrebbe dovuto rappresentare la pubblica accusa al processo contro i boss di Cosa Nostra. Nel 1996, il tribunale di Reggio Calabria, aveva condannato Totò Riina all'ergastolo, con l'accusa di essere il mandante dell'omicidio ma, due anni dopo, la corte d'Appello aveva ribaltato il giudizio. Il delitto, quindi, risulta ad oggi ancora senza un colpevole né un mandante. Nel 2012, però, la Direzione distrettuale antimafia aveva raccolto le dichiarazioni di alcuni pentiti, che avevano confermato la collaborazione tra mafia calabrese e siciliana.

La svolta

Oggi, durante l'annuale commemorazione, a Piale, davanti alla stele dedicata ad Antonino Scopelliti, il procuratore capo della Dda, Giovanni Bombardieri, ha annunciato il ritrovamento dell'arma del delitto: "Abbiamo raggiunto e aggiungiamo un tassello importante alle indagini. A seguito di un'attività mirata, riteniamo di aver rinvenuto e sequestrato l'arma con cui è stato assassinato il consigliere Scopelliti". Per il momento, però, non verrà detto nient'altro sui possibili sviluppi della vicenda. Il ritrovamento dell'arma è avvenuto alcuni giorni fa, ma è stato reso noto solo questa mattina, "per rispetto alla memoria del collega e della sua famiglia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Atomix49

Atomix49

Gio, 09/08/2018 - 21:24

Sicuramente è stato Berlusconi o qualche suo sgherro di F.I. Vedrete che qualche pentito lo trovano di sicuro. Gentleman pronti a giurare che Cristo è porto si in croce, ma di raffreddore a causa dei panni a lui rubati ad quelli che hanno preceduto i grillini.

nunavut

Gio, 09/08/2018 - 21:29

Una fucilta con dei pallettoni come la scientifica possa identificare il fucile mi sembra incredibile.Posso sbagliarmi ma ho un serio dubbio

Yossi0

Gio, 09/08/2018 - 22:02

Per rispetto alla memoria del povero giudice .... ci vuole del coraggio a fare certe affermazioni. Certo è che se si scopre “ solo “ dopo 27 anni l’arma del delitto, quando ormai i responsabili sono deceduti, c’e’ da essere orgogliosi della nostra strapagata magistratura e se si farà luce sulla vicenda bisognerà aspettare l’anno 3000...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 09/08/2018 - 23:51

27 anni per portare il rispetto ... cribbio ce n'è voluto del tempo.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 09/08/2018 - 23:53

Vuoi vedere che sul cane del fucile c'è registrata la data dell'ultima sparata?

Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Ven, 10/08/2018 - 05:29

Cosa non si inventano questi "giudici" farlocchi pur di farsi un po' di pubblicità!!! Solo se fosse stata usata un'arma a CANNA RIGATA si sarebbe potuto avere un riscontro oggettivo dell'arma, esaminando le caratteristiche del proiettile (recuperato sul cadavere) e del bossolo (recuperato a terra). Se è stato utilizzato un FUCILE (ad anima liscia) nessuna identificazione è possibile!!! Articolo senza senso.

Popi46

Ven, 10/08/2018 - 05:54

@Yossi0: mi ha tolto le parole di bocca (anzi,dalla tastiera)

leopard73

Ven, 10/08/2018 - 08:49

E dopo 27anni cosa cambia?.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 10/08/2018 - 08:54

Che giudici e magistrati la smettano di prendere per i fondelli la popolazione, che cerchino di essere più celeri nei loro lavori!!! Tutta questa gente che ha nelle mani la giustizia del paese, deve mettersi d`accordo, lavorando insieme e facendo pesare per tutti i delinquenti una unica bilancia SENZA PRENDERE PER I FONDELLI LA POPOLAZIONE, CON LE LORO SUPPOSIZIONI FASULLE!!! Che arrestino i delinquenti anche se non è arrivato l`interprete, perchè non siamo in un paese incivile anche se questi DOTTI, ci prendono per stolti incivili!!!

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 10/08/2018 - 09:38

Tutto questo, rende ricola la magistratura. 27 anni per suppore di aver trovato l`arma di un omicidio, cose da pazzi!!!