Positivo nel centro accoglienza: la "bomba" migranti a Treviso

Gli ospiti dell'ex caserma Serena si sono rifiutati di effettuare le visite mediche ed i tamponi previsti dai protocolli di sicurezza in casi del genere: necessario l'intervento delle forze dell'ordine per riportare la calma

Forti tensioni questa mattina nel comune di Casier (Treviso), dove a far scattare l'allarme in un centro d'accoglienza per extracomunitari è stata una positività al Coronavirus riscontrata all'interno della struttura.

Stando a quanto riferito da Treviso Today si tratterebbe di un operatore di nazionalità afghana, di rientro in Italia dopo un periodo di ferie trascorso nel proprio paese di origine. Prima una febbre persistente poi i sintomi affini a quelli tipici degli affetti da Covid-19: una situazione che aveva portato i responsabili della struttura a richiedere nella serata di ieri l'intervento della Usl locale per effettuare un più che necessario tampone faringeo.

Un esame risultato positivo dopo le analisi effettuate in laboratorio, cosa, questa, che ha ovviamente fatto scattare i protocolli previsti per situazioni del genere. Nel corso della mattinata di oggi, giovedì 11 giugno, nei locali dell'ex caserma Serena si sono presentati gli uomini della Usl2, con l'intenzione di attivare immediatamente tutte le procedure di prevenzione previste dal caso.

Gli operatori, tuttavia, non avevano fatto i conti con la rabbiosa reazione degli ospiti del centro d'accoglienza, che si sono rifiutati di essere sottoposti a visita medica, di effettuare i tamponi faringei e soprattutto di finire in quarantena. Accese le proteste degli extracomunitari (sono 330 quelli ospitati nella struttura dell'ex caserma), tanto da convincere gli uomini della Usl a richiedere l'intervento sul posto delle forze dell'ordine per tentare di riportare la calma e contribuire ad attivare quelle procedure di prevenzione necessarie in casi del genere a garantire la salute dei cittadini.

Oltre a carabinieri, polizia e vigili urbani, sul posto è giunta anche un ambulanza del Servizio sanitario di urgenza ed emergenza medica (Suem), che ha portato soccorso ad uno degli stranieri colto da lieve malore. Anche il sindaco di Casier Renzo Carraretto si è precipitato in via Zermanese per verificare la situazione, rilasciando poi delle dichiarazioni ai giornalisti presenti.

"È stato subito isolato, aveva la mascherina, seguiva tutte le prescrizioni e questo tranquillizza un po'", racconta. "Ma siccome sono il primo cittadino non mi basta questo. Dunque voglio assolutamente che ci sia una tranquillità con il monitorare tutti, fare i tamponi a tutti. Voglio rassicurare tutti i miei concittadini che è già tutto predisposto", aggiunge Carraretto. Per quanto riguarda gli stranieri, "Da parte loro, c'è la fretta di capire qual'è il programma, come devono comportarsi e cosa devono fare. Perchè hanno paura per quello che riguarda i posti di lavoro, dato che per ora sono qua dentro chiusi. Loro vogliono sapere al più presto come si svolgeranno queste operazioni. Già da stamani ci siano attivati tutti, ringrazio le forze dell'ordine, il prefetto e la Usl perchè fin da subito siamo entrati in azione".

Sul perchè della protesta il primo cittadino spiega: "Loro vorrebbero capire subito cosa devono fare, vorrebbero capire se possono andare a lavorare o no. Abbiamo già detto che ovviamente sono stati avvisati subito i datori di lavoro".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

barbarablu

Gio, 11/06/2020 - 15:53

non vogliono fare il tampone perchè hanno paura di essere messi in quarantena? basta metterli in quarantena comunque, magari per una quarantena seria: 40 gg (quarantena significa questo!)

oracolodidelfo

Gio, 11/06/2020 - 16:00

Pensiamo a questo operatore afgano positivo di rientro dal proprio Paese dopo un periodo di ferie, quanti può averne contagiati.... Non ne abbiamo abbastanza dei nostri di contagiati che alla data odierna sono 235.763?

oracolodidelfo

Gio, 11/06/2020 - 16:03

Se non vogliono fare il tampone si mettono automaticamente tutti in quarantena. Se non gli sta bene, tornano, per ieri, da dove sono venuti ed a spese di chi fin'ora ci ha guadagnato.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Gio, 11/06/2020 - 16:06

Si ribellano perché sanno che in Italia possono fare quello che vogliono! Se non capiscono neppure che lo si fa per il loro bene, allora si può immaginare il resto.........

Giorgio5819

Gio, 11/06/2020 - 16:17

TUTTA questa marmaglia deve essere espulsa dall'ITALIA. Nessuno di questi bipedi ha il minimo diritto di rimanere sul suolo ITALIANO. Questo schifo é possibile solamente grazie all'indecenza dell'ideologia di questo governo di nemici dell'ITALIA.

Yossi0

Gio, 11/06/2020 - 16:24

in italia, e sopratutto adesso con la scusa del razzismo si può tutto tanto qualche buonista c'é sempre

GINO_59

Gio, 11/06/2020 - 16:42

Nei tribunali c'è una scritta: "la legge è uguale per tutti". Ancora una volta constateremo che così non è? L'Italia è sommersa di problemi e nefandezze, non serve importarne ancora.

Rugantino49

Gio, 11/06/2020 - 16:46

Costoro pretendono ciò che anche gli italiani avrebbero voluto: e cioè che, in caso di sospetto, venissero fatti gli accertamenti e che, SUBITO, fossero informati se contagiati o meno, mentre a molti nostri concittadini è stata imposta una quarantena (anche superiore a 40 gg) in attesa addirittura di essere sottoposti alle analisi, di cui poi hanno altrettanto a lungo tardato ad arrivare gli esiti. Solo che, a differenza delle "risorse" gli italiani hanno sopportato tutto ciò in silenzio. Evidentemente avrebbero fatto meglio a far sentire forte la propria voce.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 11/06/2020 - 16:55

il miglior tampone è rispedirli da dove sono venuti.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 11/06/2020 - 17:15

Adesso tutti in quarantena con vigilanza armata.

ziobeppe1951

Gio, 11/06/2020 - 17:19

SARÒ SEMPRE INFINITAMENTE GRATO AL PD E 5*

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 11/06/2020 - 18:35

Il ministro Lamorgese e il fenomeno Bellanova che dicono a proposito?

Nes

Gio, 11/06/2020 - 18:46

Questo é il ritorno del pandemia voluta dalla moralità di una certa cultura anti politica

killkoms

Gio, 11/06/2020 - 18:48

Le risorse sinistre!

exsinistra50

Ven, 12/06/2020 - 11:34

Grazie PD e grazie 5 stelle...

kennedy99

Ven, 12/06/2020 - 12:02

le visite mediche e i tamponi per questi signori ci sono è solo per gli taliani che non ci sono.

giancristi

Ven, 12/06/2020 - 12:02

Naturalmente ai migranti è concesso di fare quello che è proibito agli italiani.

Santorredisantarosa

Ven, 12/06/2020 - 13:25

IL PREFETTO? MA SE LUI RAPPRESENTA I PREFETTI DELLA SINISTRA CHE VOLEVANO IMPORRE CON LA FORZA LE REQUISIZIONI DELLE CASE. OGGI ABBIAMO ANCOR PIU' RAGIONE, COME SI SUOL DIRE AVEVAMO RAGIONE NOI VERI PATRIOTI E ITALIANI.

Epietro

Ven, 12/06/2020 - 19:04

Ma chi se ne frega dei riottosi. Metteteli in quarantena lo stesso e per un pò più del tempo strettamente necessario, onde essere sicuri che non possano più contagiare nessuno.