Il Tribunale di Milano blocca Uber pop in tutta Italia

Bloccato in tutta Italia Uber-Pop, uno dei servizi messi a disposizione dalla app Uber che permette a chiunque di improvvisarsi tassista

Il Tribunale di Milano blocca Uber pop in tutta Italia

Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso presentato dai tassisti disponendo il blocco di "Uber-pop", uno dei servizi messi a disposizione dalla app Uber, su tutto il territorio nazionale per "concorrenza sleale". Disposta l'inibizione dalla prestazione del servizio.

Lanciato un anno fa Uber Pop UberPop” è un sistema che permette a chiunque di registrarsi come "autista" con Uber e usare la propria auto per trasportare clienti. Nei normali servizi offerti da Uber le auto sono guidate da autisti professionisti. UberPop, invece, offre un servizio che assomiglia al "car pooling". Anche se, per i tassisti (che hanno vinto il ricorso) si tratta solo di una concorrenza sleale:tassisti improvvisati che svolgono un lavoro senza licenze, controlli e professionalità.

Nelle scorse settimane le organizzazioni sindacali e di categoria, locali e nazionali, dei tassisti e dei radiotaxi, assistite da un team legale composto dagli avvocati Marco Giustiniani, Nico Moravia, Giovanni Gigliotti e Alessandro Fabbi, avevano presentato un ricorso cautelare ed urgente per chiedere l’oscuramento della "app" Uber-Pop e l’inibitoria dal servizio. Oggi il giudice della sezione specializzata imprese del Tribunale di Milano, Claudio Marangoni, con un’ordinanza ha accolto il ricorso, accertando la "concorrenza sleale" del servizio.

Nel suo provvedimento il magistrato ha chiarito che Uber avrà 15 giorni di tempo per adeguarsi all’inibitoria disposta, altrimenti scatteranno delle penali. Contro il provvedimento cautelare, in ogni caso, c’è la possibilità da parte di Uber di fare ricorso.

"Siamo dovuti arrivare in aula di giustizia perché qualcuno decidesse - dice Pietro Gagliardi, responsabile sindacale per la categoria dei tassisti dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano - nessuno voleva prendersi questa responsabilità: prima di ricorrere in Tribunale ci siano rivolti a Comune, Regione, al Governo, tutto inutile. È una grande vittoria - ha aggiunto - e non l’abbiamo fatto solo per noi e il nostro lavoro, ma anche per la sicurezza degli utenti".

"La sentenza del Tribunale di Milano - si legge in una nota del Codacons - rappresenta un danno enorme per gli utenti, perché limita la concorrenza e riduce le possibilità di scelta per i cittadini. È impensabile che un paese moderno possa essere privato di sistemi innovativi come Uber, che rispondono ad esigenze di mercato e sfruttano le nuove possibilità introdotte dalla tecnologia - afferma il presidente Carlo Rienzi - Così facendo si finisce per produrre un duplice danno alconsumatore finale: da un lato una minore scelta sul fronte del servizio,dall’altro tariffe più elevate per effetto della minore concorrenza. Ciò che serve, semmai, è integrare Uber nel mercato italiano rendendolo conforme alle disposizioni vigenti, garantendo legalità e sicurezza senza danneggiare gli altri operatori. Per tale motivo - prosegue Rienzi - rivolgiamo oggi un appello al Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, affinché studi le misure necessarie a rendere pienamente legale Uber senza limitazioni medievali alla concorrenza".

Soddisfatti per il blocco di Uber Pop i tassisti milanesi restano molto critici verso le istituzioni: "Dovevano esser loro ad aiutarci, non i giudici", ha affermato un gruppo di conducenti di taxi all’esterno della stazione centrale di Milano. "A cosa serve l’assessore del Comune se per avere ragione dobbiamo andare in tribunale? - ha detto un altro tassista - La questione Uber Pop è una buffonata che non doveva nemmeno cominciare, perchè è una cosa contro legge. Per i conducenti del servizio Uber Pop non è richiesta nessuna licenza - ha concluso -. Sono dei fuorilegge. Intanto in questo periodo noi ci abbiamo rimesso i soldi per scioperare contro un’app che andava contro la legge", ha detto una tassista donna.

Interviene anche l'assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Marco Granelli: "Lo abbiamo sempre detto, Uber Pop non significa condivisione del mezzo di trasporto ma esercizio senza licenza di un’auto per il trasporto pubblico e i primi ad averne un danno sono proprio i cittadini che ne fanno uso. Da sempre la Polizia locale è impegnata nell’individuare e procedere contro le auto che utilizzano la app Uber Pop - ricorda Granelli -. Sono più di 80 dallo scorso giugno le vetture poste sotto sequestro dagli agenti in pattuglia. Siamo certi che l’ordinanza di oggi del Tribunale di Milano semplifichi le procedure di sanzione che in tre casi sono state bloccate dai giudici di pace".

Si butta a capofitto nella polemica anche Matteo Salvini, segretario della Lega Nord: "È una bellissima notizia - dice a Genova per un comizio -.

Noi della Lega abbiamo sempre sostenuto uno dei lavori più difficili, più duri e pericolosi del mondo che è quello dei tassisti. A parità di diritti e di doveri la concorrenza deve essere leale e non sleale. C’è gente che ha pagato delle licenze. Facciamo fare il lavoro del tassista a chi lo sa fare".

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica