Uccise molestatore della fidanzata: il giudice gli dà sconto di pena

Sconto di pena in appello per il 26enne di Viterbo che uccise un uomo che aveva molestato la sua fidanzata

Uccise molestatore della fidanzata: il giudice gli dà sconto di pena

Sconto di pena in appello per il 26enne viterbese Sabato Louis Francesco Battaglia, accusato di avere ucciso nel settembre 2015 a Viterbo un uomo che aveva ripetutamente molestato la sua fidanzata. La vittima era il 43enne Federico Venzi.

La sentenza è stata pronunciata dalla prima Corte d'assise d'appello di Roma. La condanna 9 anni e 10 mesi (a fronte di quella a 12 anni inflitta dal gup in primo grado di giudizio) è stata concordata da difesa e procura generale, secondo quanto previsto dalla nuova normativa sull'appello.

I fatti contestati a Battaglia risalgono al 27 settembre 2015. Il giovane fu fermato dai carabinieri perché accusato di aver ucciso a calci e pugni Federico Venzi, originario di Roma ma residente a Caprarola (Viterbo). L'uomo era stato trovato per strada agonizzante vicino la rotatoria del Riello a Viterbo, da alcuni passanti che lanciarono l'allarme.

A nulla servirono i tentativi di soccorrerlo: condotto in ospedale, morì subito dopo a causa anche delle lesioni subite. Gli investigatori ricostruirono il movente dell'omicidio. La vittima aveva molestato insistentemente la fidanzata dell'aggressore e anche quest'ultimo mentre tentava di difendere la compagna.

La condanna a 12 anni fu inflitta in abbreviato. Oggi è arrivata la sentenza d'appello.

Commenti