Vaticano, primo caso a Santa Marta, dove vive il Papa: ricoverato membro della Segreteria Vaticana

Primo caso di positività presso Santa Marta, la dimora scelta come residenza da Papa Francesco. Si tratta di un monsignore italiano

In Vaticano è stata registrato un caso di Covid-19 presso la medesima struttura dove dimora Papa Francesco.

Santa Marta è infatti la località indicata dalle fonti che hanno riportato questa notizia. Fonti tra cui può essere citato pure Il Corriere della Sera. Jorge Mario Bergoglio, quando è stato eletto pontefice della Chiesa cattolica, ormai più di sei anni fa, ha preferito risiedere lì, piuttosto che organizzarsi all'interno degli appartamenti papali. Quelli in cui avevano alloggiato i suoi predecessori. E questo è un fatto noto. Ma ora Santa Marta è balzata agli onori delle cronache internazionali per il primo caso di positività da coronavirus. Non si tratta del primo accadimento di questo tipo presso la Santa Sede, ma del primo episodio sul Covid-19 che ha a che fare con un luogo prossimo a quello frequentato ogni giorno dal vertice assoluto della Ecclesia. Se non altro perché è lì che abita la persona costretta a fare i conti con il virus.

Dalle parti di piazza San Pietro, in queste ultime settimane, sono state adottate tutte le contromisure possibili: persino la piazza e la Basilica sono state chiuse all'accesso dei turisti. Più in generale, dopo la comparsa della prima positività, che risale all'inizio dello scorso febbraio, alcuni palazzi interni sono stati anzitutto chiusi e poi sanificati. Per un certo periodo di tempo, sono state sospese anche le attività degli ambulatori, mentre le uniche due strutture rimaste aperte, ancora oggi, risultano essere il supermercato interno alle mura leonine e la farmacia. Poi c'è Papa Francesco, che è fuoriuscito in una sola circostanza dal Vaticano, per pregare presso due storiche chiese della capitale affinché Dio ponga fine alla pandemia con cui l'intero mondo oggi è costretto a fare i conti.

La persona contagiata dovrebbe essere un monsignore italiano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 26/03/2020 - 10:13

Beh,dai,non è un grosso problema,una preghiera di Bergoglio e tutto passa.

tosco1

Gio, 26/03/2020 - 10:22

Non ha fatto altro che pregare che l'Italia fosse invasa da clandestini spediti in giro per il mondo dai padri globalizzatori, tenendo immune il Vaticano.Certo, ha saputo bene indirizzare i clandestini a far danni a casa degli altri.Il problema e' che il principe dei globalizzatori, mr.COVID 19,non ha seguito le regole tanto care a Bergoglio, ed ha scelto di continuare il suo viaggio mortale anche in Vaticano.Ed ora, questa volta, anche loro capiranno quale e' il senso ed i problemi del trovarsi con estranei,indesiderati,in casa..Penso proprio che abbia ragione il vignettista del Giornale di qualche giorno fa:" Dio ha le mani legate ....bisogna che si rivolgano a qualcun altro.

giangar

Gio, 26/03/2020 - 12:02

Basta che un articolo nomini il Papa, e subito scatta il commento ironico sul valore della preghiera. Mi chiedo cosa spinga chi non crede ad irridere i sentimenti ed i valori di chi crede e prega. E meno male che siamo su un giornale di destra!