Virus, gli intellettuali tedeschi e i leader anti-Merkel vogliono i coronabond

Le firme di Habermas, Schneider e von Trotta compariranno sul numero di domani del settimanale die Zeit e saranno a favore dei "fratelli e delle sorelle del Sud". Intanto a Bruxelles si lavora perché arrivino ai capi di Stato e di governo un "ventaglio" di proposte

Alcuni delle voci più autorevoli tra gli intellettuali tedeschi contemporanei si sarebbe detto a favore dei coronabond, cioè una forma di obbligazione comune a tutto il gruppo di 27 Paesi per fornire risorse a un fondo comune di risposta alla crisi economica e finanziaria dovuta alla diffusione del coronavirus. A confermarlo, domani, saranno le loro firme, pubblicate sul settimanale Die Zeit, sul numero che uscirà in edicola. Tra i nomi, spiccano quelli del filosofo Juergen Habermas, dello scrittore Peter Schneider, dei registi Margarethe von Trotta e Volker Schloendorff, dell'ex ministro degli Esteri Joschka Fischer e dell'europarlamentare e saggista Daniel Cohn Bendit.

La motivazione degli intellettuali

Nell'appello firmato dagli intellettuali si legge che, nella "questione decisiva" della solidarietà, "i Paesi del Nord sono riluttananti nei confronti dei fratelli e delle sorelle del Sud". E ancora che il Nord "si rifiuta in modo rigido di dare il proprio assenso a un fondo garantito da tutti gli Stati dell'Unione europea attraverso il quale sarebbe possibile condividere l'immenso peso finanziario di questa crisi". Da lì, la decisione di raccogliere le firme a favore della misura.

I coronabond sul tavolo

Intanto, come spiegato ad Adnkronos da Brando Benifei, capodelegazione del Partito democratico nel Parlamento europeo, anche a Bruxelles, le forze politiche stanno lavorando perché sul tavolo dei capi di Stato e di governo dell'Ue arrivi un "ventaglio" di proposte per aiutare i Paese membri ad affrontare adeguatamente le conseguenze della crisi provocata dalla pandemia di Covid-19. Come confermato dal dem, i coronabond, cioè obbligazioni che forniscono una "rete di protezione" per le passività future e non per quelle pregresse, sono ancora uno strumento che "resta sul tavolo".

Le azioni

"Dobbiamo fare in modo che al Consiglio europeo, attraverso i passaggi che ci saranno, prima di tutto la riunione dei ministri delle Finanze, ci sia un ventaglio di proposte, che passi attraverso il lavoro delle forze politiche, della Commissione europea, in modo che non si escluda nulla", ha aggiunto Benifei. Che sostiene l'importanza di creare "un bouquet di azioni che vadano nella direzione di creare quella solidarietà e condivisione del rischio recessione e desertificazione economica e sociale". Perché, come sottolineato dal dem, il tema non riguarda un singolo Stato, ma la tenuta dell'Ue, nel momento in cui l'emergenza sanitaria sarà finita. Come sottolineato anche dall'eurodeputato Norbert Walter-Borjans e Saskia Esken, "i due vincitori del congresso dell'Spd hanno espresso una posizione favorevole ai coronabond".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di FiliCudi

FiliCudi

Gio, 02/04/2020 - 10:10

Bisogna però specificare: gli intellettuali tedeschi di sinistra, ovvero, precisando meglio, gli intellettuali tedeschi di sinistra vessati da sensi di colpa storici che ora vogliono salvare il mondo per redimersi. Gli stessi che sostengono e finanziano Carola, tanto per capirsi. Chi abbiamo? Peter Schneider il sessantottino radicale che fondò il tribunale proletario, Daniel Cohn Bendit, altro radicale ecologista, e addirittura Joska Fisher da New York, pacifista attivista autonomo prima, cofondatore del partito dei verdi e ministro degli esteri dopo. Quello che, da pacifista, mandò i bombardieri su Belgrado. Fate bene attenzione agli amici che vi scegliete.

amicomuffo

Gio, 02/04/2020 - 10:20

e voi ci credete? Ma quando mai! Sono un popolo che hanno unità di intenti...mica come noi.

dagoleo

Gio, 02/04/2020 - 10:23

ma mi domando...la Merkel era così felice di ricevere risorse per incrementare la popolazione e l'economia del suo bel paese, tanto che voleva che anche noi in Italia ne prendessimo tanto, dicendo che ci avrebbero fatto bene, ed ora che siamo in difficoltà non vuole aiutarci?

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Gio, 02/04/2020 - 10:27

Gli intellettuali di sinistra non vi danno l'orticaria solo se si tratta di usarli per far arrivare sghei. Ma vedete di andare a spasso.

andy15

Gio, 02/04/2020 - 10:54

In questo caso, i cosiddetti "intellettuali tedeschi" sono favorevoli ai corona-bonds e allora li applaudiamo. Pero' sono esattamente le stesse persone che ci hanno offeso e umiliato chiedendo a piu' riprese all'Italia di accogliere tutti i clandestini. Sono gli stessi che vogliono un'Europa meticcia, che inneggiano alla capitana Carola e alla Greta, che promuovono le teorie di genere e il loro insegnamento delle scuole. Io preferirei rinunciare all'appoggio di gente simile.

Jon

Gio, 02/04/2020 - 10:56

A forza di insistere con le precauzioni, i tedeschi hanno iniziato anche loro a LAVARSI LE MANI..ma come Pilato..!!

lfalzoni

Gio, 02/04/2020 - 11:13

D'accordo con Filicudi, aggiungo uno spunto di riflessione. immaginate di vivere in un condominio di 27 appartamenti (tanti quanti gli stati della UE) e di essere un inquilino modello che paga l'affitto e le spese condominiali regolarmente e segue le regole da bravo inquilino. Un giorno vi arriva una mail dell'amministratore del condominio che recita: "Caro inquilino, la famiglia Rossi del terzo piano ha il vizio del gioco e si è rovinata con le macchinette. Non hanno più un soldo e sono indebitati fino al collo. In nome della solidarietà è stato deciso che i debiti dei Rossi saranno ripartiti fra tutti gli abitanti del condominio". Voi accettereste? No, scommetto. E allora perché la Germania dovrebbe accettare Eurobond o qualsiasi forma di condivisione del debito?

dagoleo

Gio, 02/04/2020 - 11:20

stai a vedere che non li ascolteranno? se c'è da far entrare migranti portati da ONG, beh allora li ascoltano e li invitano a dibattitoni tv, altrimenti sticax.

bernardo47

Gio, 02/04/2020 - 11:45

Staremo a vedere...

Jon

Gio, 02/04/2020 - 11:58

I Tedeschi ci spieghino DOVE TROVANO 55O MILIARDI..!?!?!?!?! Nelle Nostre Tasche?? Quando nelle Casse della DEUTSCHE BANK giacciono 75.000 miliardi di derivati piu' tossici del Virus??

Jon

Gio, 02/04/2020 - 12:03

@Ifalzoni..Ripartizione di spesa, non significa GARANZIA!! Questa va data dalla BCE COME PRESTATORE DI ULTIMA ISTANZA.!! Solo che la Banca Centrale, cioe' la Merkel, non vuole. L'Euro e' la MONETA DEI TEDESCHI. Allora se la tengano. Noi emettiamo la nostra moneta PARALLELA, come in Croazia p.es...e sistemiamo il Nostro PAese.. Non ABBIAMO SCELTA, anche perche' mai dobbiamo indebitarci con l'Eurobond?? Sono cosi' stupidi gli Italiani??

killkoms

Gio, 02/04/2020 - 12:04

@filicudi,in europa non ci sono amici!

killkoms

Gio, 02/04/2020 - 12:10

@ifalzoni,paragone del c.o!la germania fa quello che proibisce ad altri!