Vivisezione, campagna chocUn topo vale un bambino?

Presto anche in Italia i cartelloni che ci invitano alla "scelta" tra i nostri figli e un animale. <strong><a href="/interni/troppi_errori_commessi_nome_nostra_salute/15-04-2012/articolo-id=583069-page=0-comments=1" target="_blank">Troppi errori commessi in nome della nostra salute</a></strong> di Oscar Grazioli / <strong><a href="/interni/ma_e_prezzo_pagare_progresso_scientifico/15-04-2012/articolo-id=583070-page=0-comments=1" target="_blank">E' il prezzo da pagare per il progresso scientificio</a></strong> / di Carlo Lottieri

Si è fatto un po’ troppo rumore, negli ultimi anni, attorno alla vivisezione. Prima la chiusura della storica e premiata ditta Morini di Reggio Emilia, una delle maggiori fornitrici europee di cavie per laboratorio (topi, ratti, cani Beagle), poi recentemente la Green Hill di Montichiari, fornitrice di cani Beagle, assediata più volte da manifestanti capeggiati dall’ex ministro Brambilla che ha fatto, della sua chiusura, una battaglia senza quartiere. Troppa polvere sollevata su un argomento che incide sul pubblico in modo trasversale, senza ombre proiettate dal credo politico o religioso, un argomento che tocca e sconvolge le coscienze, quando le fotografie o i video degli animali utilizzati per gli esperimenti entrano nella quiete delle case. La vivisezione e tutto quanto ruota attorno a questo mondo, cui conviene sempre il silenzio appena rotto dal sommesso rumore dei macchinari, vive periodi in cui è apparentemente ignorata, per raggiungere poi i titoli di scatola, quando le immagini, girate da un gruppo di animalisti all’interno dei laboratori e nei capannoni dove vengono allevate le cavie, giungono nelle mani di chi non le censura ma ha il coraggio di mandarle in onda, moltiplicate poi dai network sociali, come Facebook e Twitter. Allora, una folata improvvisa di vento alza il polverone e tutti i media sono in qualche modo obbligati a prendere in considerazione un tema che non vorrebbero toccare, perché porta una corrente elettrica ad altissimo amperaggio. Era ora di passare al contrattacco, per aziende farmaceutiche, ricercatori e venditori di cavie che cominciavano a subire troppe perdite di consenso presso chi è già incline, come dimostrano i sondaggi, a stare dalla parte delle cavie, sempre più dubbioso sui benefici apportati dalla vivisezione e sulla sua liceità.
La campagna ResearchSaves è stata ideata, da una potente fondazione americana (Foundation for Biomedical Research) per aumentare il sostegno internazionale alla ricerca medica e scientifica con modelli animali. Il totem del battage pubblicitario è un cartellone che dovrebbe apparire presto nella maggiori città di almeno trenta paesi nel mondo (Italia compresa), con un’immagine esplicita e suggestiva. Un ratto bianco guarda una bambina e le dice «Un giorno ti potrei salvare la vita». Nella versione americana, il tono è ancora più persuasivo. «Chi vorresti vedere vivo?». Ovvio che nessuno, di buon senso, sacrificherebbe la vita di una bambina per un ratto, ma ci sono molte persone tra le quali molti ricercatori, che li vorrebbero vivi entrambi. E credono che questo sia il vero progresso della scienza medica.

Troppi errori commessi in nome della nostra salute di Oscar Grazioli /

E' il prezzo da pagare per il progresso scientificio / di Carlo Lottieri

Commenti

Albi

Dom, 15/04/2012 - 09:40

Beh, dopo aver trascorso una cena o un viaggio o una vacanza nelle vicinanze del bimbo italiano medio - isterico, viziato maleducato e urlante - mi sento molto vicino al topo......

Albi

Dom, 15/04/2012 - 09:40

Beh, dopo aver trascorso una cena o un viaggio o una vacanza nelle vicinanze del bimbo italiano medio - isterico, viziato maleducato e urlante - mi sento molto vicino al topo......

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 15/04/2012 - 10:48

La vivisezione umana - in particolare quella sui bambini - continua invece senza sosta sotto il nome di donazione di organi. Invito tutti i lettori ad assistere all' intero processo : - la richiesta ossessiva di firme per garantirsi organi e immunità dall' accusa di omicidio - gli esami altamente invasivi in favore di una terza persona sconosciuta - il taglio dal collo all' inguine sotto farmaci paralizzanti - lo sbudellamento come un topo o un maiale Pensate per un momento se fosse vostro figlio ad essere trattato e squartato così ! Diciamolo chiaramente e fuori da eufemismi quando dicono : Dona la vita ! il business dei trapianti augura al tuo bimbo un incidente,la crudeltà dell' espianto per vivisezione, e la sua cannibalizzazione.

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 15/04/2012 - 10:48

La vivisezione umana - in particolare quella sui bambini - continua invece senza sosta sotto il nome di donazione di organi. Invito tutti i lettori ad assistere all' intero processo : - la richiesta ossessiva di firme per garantirsi organi e immunità dall' accusa di omicidio - gli esami altamente invasivi in favore di una terza persona sconosciuta - il taglio dal collo all' inguine sotto farmaci paralizzanti - lo sbudellamento come un topo o un maiale Pensate per un momento se fosse vostro figlio ad essere trattato e squartato così ! Diciamolo chiaramente e fuori da eufemismi quando dicono : Dona la vita ! il business dei trapianti augura al tuo bimbo un incidente,la crudeltà dell' espianto per vivisezione, e la sua cannibalizzazione.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 11:29

Lasciamo al popolo più incivile della storia umana, gli Americani, col loro primato nel disprezzo della vita umana, le atomiche, lo sterminio degli Indiani, dei Vietnamiti, la distruzione sistematica di civiltà, opere d'arte, ambienti naturali ecc.... queste idiozie.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 11:29

Lasciamo al popolo più incivile della storia umana, gli Americani, col loro primato nel disprezzo della vita umana, le atomiche, lo sterminio degli Indiani, dei Vietnamiti, la distruzione sistematica di civiltà, opere d'arte, ambienti naturali ecc.... queste idiozie.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 11:29

Lasciamo al popolo più incivile della storia umana, gli Americani, col loro primato nel disprezzo della vita umana, le atomiche, lo sterminio degli Indiani, dei Vietnamiti, la distruzione sistematica di civiltà, opere d'arte, ambienti naturali ecc.... queste idiozie.

gdn1963

Dom, 15/04/2012 - 11:54

X 3 Ausonio - Rispetto le opinioni di tutti per carità, ma se per lei gli Americani sono il popolo più incivile della storia umana (della storia umana, ha detto !!!), mi chiedo quale sia il suo metro di giudizio. Mah !

gdn1963

Dom, 15/04/2012 - 11:54

X 3 Ausonio - Rispetto le opinioni di tutti per carità, ma se per lei gli Americani sono il popolo più incivile della storia umana (della storia umana, ha detto !!!), mi chiedo quale sia il suo metro di giudizio. Mah !

gdn1963

Dom, 15/04/2012 - 11:54

X 3 Ausonio - Rispetto le opinioni di tutti per carità, ma se per lei gli Americani sono il popolo più incivile della storia umana (della storia umana, ha detto !!!), mi chiedo quale sia il suo metro di giudizio. Mah !

MMARTILA

Dom, 15/04/2012 - 12:42

Tempo fa vengo fermato per strada mentre passeggio da una conoscente, mi chiede di firmare contro la vivisezione. Al mio rifiuto si scaglia contro di me con epiteti che non voglio e non posso scrivere. Ebbene, questa persona ha avuto, purtroppo, un tumore, è stata curata, si è salvata, grazie al cielo. Ma io mi chiedo: come pensa siano state messe a punto le procedure mediche? È al corrente che molte, quasi tutte, le cure quotidiane vengono sperimentate sugli animali? Morale: tutti contrari alla sperimentazione animale, salvo cambiare idea quando hanno bisogno di essere curati, trattasi di un banale mal di testa o di qualcosa di più serio.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 12:42

gdn1963 Gli USA sono l' unica nazione ad aver compiuto un genocidio completo nella storia. Sono nati da un genocidio. Sono nati dall' aver raccolto la feccia dell' Europa: ladri, disperati, reietti, criminali ecc... Sono l' unico paese ad aver usato l' atomica. Hanno provocato milioni di morti in giro per il mondo. Sono la nazione che, statistiche alla mano, è stata la più belligerante nella storia umana. In meno di 250 anni più di un centinaio di guerre. La stragrande maggioranza di questi 250 anni sono stati anni di guerra. Gli USA sono un paese dove 45 milioni di persone sono poveri. 35 milioni non hanno assistenza sanitaria. Se si ammalano, crepano. Sono una nazione dove il 2% della popolazione controlla tutto, assolutamente tutto in economia, politica, media ecc... Veda lei....

MMARTILA

Dom, 15/04/2012 - 12:42

Tempo fa vengo fermato per strada mentre passeggio da una conoscente, mi chiede di firmare contro la vivisezione. Al mio rifiuto si scaglia contro di me con epiteti che non voglio e non posso scrivere. Ebbene, questa persona ha avuto, purtroppo, un tumore, è stata curata, si è salvata, grazie al cielo. Ma io mi chiedo: come pensa siano state messe a punto le procedure mediche? È al corrente che molte, quasi tutte, le cure quotidiane vengono sperimentate sugli animali? Morale: tutti contrari alla sperimentazione animale, salvo cambiare idea quando hanno bisogno di essere curati, trattasi di un banale mal di testa o di qualcosa di più serio.

MMARTILA

Dom, 15/04/2012 - 12:42

Tempo fa vengo fermato per strada mentre passeggio da una conoscente, mi chiede di firmare contro la vivisezione. Al mio rifiuto si scaglia contro di me con epiteti che non voglio e non posso scrivere. Ebbene, questa persona ha avuto, purtroppo, un tumore, è stata curata, si è salvata, grazie al cielo. Ma io mi chiedo: come pensa siano state messe a punto le procedure mediche? È al corrente che molte, quasi tutte, le cure quotidiane vengono sperimentate sugli animali? Morale: tutti contrari alla sperimentazione animale, salvo cambiare idea quando hanno bisogno di essere curati, trattasi di un banale mal di testa o di qualcosa di più serio.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 12:42

gdn1963 Gli USA sono l' unica nazione ad aver compiuto un genocidio completo nella storia. Sono nati da un genocidio. Sono nati dall' aver raccolto la feccia dell' Europa: ladri, disperati, reietti, criminali ecc... Sono l' unico paese ad aver usato l' atomica. Hanno provocato milioni di morti in giro per il mondo. Sono la nazione che, statistiche alla mano, è stata la più belligerante nella storia umana. In meno di 250 anni più di un centinaio di guerre. La stragrande maggioranza di questi 250 anni sono stati anni di guerra. Gli USA sono un paese dove 45 milioni di persone sono poveri. 35 milioni non hanno assistenza sanitaria. Se si ammalano, crepano. Sono una nazione dove il 2% della popolazione controlla tutto, assolutamente tutto in economia, politica, media ecc... Veda lei....

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 12:42

gdn1963 Gli USA sono l' unica nazione ad aver compiuto un genocidio completo nella storia. Sono nati da un genocidio. Sono nati dall' aver raccolto la feccia dell' Europa: ladri, disperati, reietti, criminali ecc... Sono l' unico paese ad aver usato l' atomica. Hanno provocato milioni di morti in giro per il mondo. Sono la nazione che, statistiche alla mano, è stata la più belligerante nella storia umana. In meno di 250 anni più di un centinaio di guerre. La stragrande maggioranza di questi 250 anni sono stati anni di guerra. Gli USA sono un paese dove 45 milioni di persone sono poveri. 35 milioni non hanno assistenza sanitaria. Se si ammalano, crepano. Sono una nazione dove il 2% della popolazione controlla tutto, assolutamente tutto in economia, politica, media ecc... Veda lei....

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 12:50

gdn1963 ribadisco... la dizione "i più incivili della storia umana" è pienamente giustificata da considerazioni statistiche sulla loro belligeranza. Prenda in esame la durata della nazione americana, meno di 250 anni, la raffronti al numero di guerre combattute e causate direttamente, al numero di morti causate... neppure Gengis Khan, neppure i Conquistadores in America, ....

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 12:50

gdn1963 ribadisco... la dizione "i più incivili della storia umana" è pienamente giustificata da considerazioni statistiche sulla loro belligeranza. Prenda in esame la durata della nazione americana, meno di 250 anni, la raffronti al numero di guerre combattute e causate direttamente, al numero di morti causate... neppure Gengis Khan, neppure i Conquistadores in America, ....

fishnchips

Dom, 15/04/2012 - 12:59

(continua) Quello che si deve fare subito e' abolire i tests di COSMETICI su animali: inutili, fasulli all'ennesima potenza, nati negli anni '30 solo dalla disonesta' di case cosmetiche come Chanel ed Estee Lauder come trovata pubblicitaria. Per decadi poveri animali sono stati sottoposti a torture inaudite per creare l'illusione che rosetti, profumi e ciprie fossero 'testate scientificamente'. Puah!

albertohis

Dom, 15/04/2012 - 13:03

Il sistema legato all'industria farmaceutica si dimostra una volta di più un'industria di morte, il cui scopo è esclusivamente quello di generare profitti sulla pelle della gente e, in senso allargato, su quello di ogni essere vivente. Non si interessano alla buona salute dei bambini, prova ne sia la propaganda per il consumo di alimenti e bevande spazzatura, l'obbligo di vaccinazione e la somministrazione di medicine che tutto fanno tranne che curare il malato o presunto tale.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 15/04/2012 - 12:50

gdn1963 ribadisco... la dizione "i più incivili della storia umana" è pienamente giustificata da considerazioni statistiche sulla loro belligeranza. Prenda in esame la durata della nazione americana, meno di 250 anni, la raffronti al numero di guerre combattute e causate direttamente, al numero di morti causate... neppure Gengis Khan, neppure i Conquistadores in America, ....

fishnchips

Dom, 15/04/2012 - 12:59

(continua) Quello che si deve fare subito e' abolire i tests di COSMETICI su animali: inutili, fasulli all'ennesima potenza, nati negli anni '30 solo dalla disonesta' di case cosmetiche come Chanel ed Estee Lauder come trovata pubblicitaria. Per decadi poveri animali sono stati sottoposti a torture inaudite per creare l'illusione che rosetti, profumi e ciprie fossero 'testate scientificamente'. Puah!

albertohis

Dom, 15/04/2012 - 13:03

Il sistema legato all'industria farmaceutica si dimostra una volta di più un'industria di morte, il cui scopo è esclusivamente quello di generare profitti sulla pelle della gente e, in senso allargato, su quello di ogni essere vivente. Non si interessano alla buona salute dei bambini, prova ne sia la propaganda per il consumo di alimenti e bevande spazzatura, l'obbligo di vaccinazione e la somministrazione di medicine che tutto fanno tranne che curare il malato o presunto tale.

fishnchips

Dom, 15/04/2012 - 12:59

(continua) Quello che si deve fare subito e' abolire i tests di COSMETICI su animali: inutili, fasulli all'ennesima potenza, nati negli anni '30 solo dalla disonesta' di case cosmetiche come Chanel ed Estee Lauder come trovata pubblicitaria. Per decadi poveri animali sono stati sottoposti a torture inaudite per creare l'illusione che rosetti, profumi e ciprie fossero 'testate scientificamente'. Puah!

albertohis

Dom, 15/04/2012 - 13:03

Il sistema legato all'industria farmaceutica si dimostra una volta di più un'industria di morte, il cui scopo è esclusivamente quello di generare profitti sulla pelle della gente e, in senso allargato, su quello di ogni essere vivente. Non si interessano alla buona salute dei bambini, prova ne sia la propaganda per il consumo di alimenti e bevande spazzatura, l'obbligo di vaccinazione e la somministrazione di medicine che tutto fanno tranne che curare il malato o presunto tale.

AndreaScotti

Dom, 15/04/2012 - 14:14

@Albertoshit Vorrei ricordare che, grazie alle vaccinazioni abbiamo ESTINTO il vaiolo, la gente non resta piú paralizzata per la poliomelite e nei paesi sviluppati abbiamo eliminato tifo, difterite e la maggior parte delle malattie infettive. I dementi antiscientifici che sputano sulla scienza meriterebbero di essere deportati nella giungla.

AndreaScotti

Dom, 15/04/2012 - 14:14

@Albertoshit Vorrei ricordare che, grazie alle vaccinazioni abbiamo ESTINTO il vaiolo, la gente non resta piú paralizzata per la poliomelite e nei paesi sviluppati abbiamo eliminato tifo, difterite e la maggior parte delle malattie infettive. I dementi antiscientifici che sputano sulla scienza meriterebbero di essere deportati nella giungla.

AndreaScotti

Dom, 15/04/2012 - 14:14

@Albertoshit Vorrei ricordare che, grazie alle vaccinazioni abbiamo ESTINTO il vaiolo, la gente non resta piú paralizzata per la poliomelite e nei paesi sviluppati abbiamo eliminato tifo, difterite e la maggior parte delle malattie infettive. I dementi antiscientifici che sputano sulla scienza meriterebbero di essere deportati nella giungla.

mariolino50

Dom, 15/04/2012 - 15:47

Non sono un esperto di ricerca medica, ma sicuramente molti di noi non sarebbero qui a scrivere se non fossero state inventate molte medicine, quasi tutte sperimentate sugli animali, cose più precise degli effetti sull'uomo di tante e varie cose si hanno grazie agli esperimenti condotti dal dottor Mengele e simili nei campi di sterminio, forse per salvare topi volete ritornare in quel modo, lo stanno già facendo, andando a fare esperimenti nel terzo mondo o assoldando disperati volontari qui da noi per un tozzo di pane, anche i polli nei gabbioni stanno male, o i maiali, eppure non fanno compassione a nessuno, solo il vegetariano stretto ha diritto a protestare, ma poco.

mariolino50

Dom, 15/04/2012 - 15:47

Non sono un esperto di ricerca medica, ma sicuramente molti di noi non sarebbero qui a scrivere se non fossero state inventate molte medicine, quasi tutte sperimentate sugli animali, cose più precise degli effetti sull'uomo di tante e varie cose si hanno grazie agli esperimenti condotti dal dottor Mengele e simili nei campi di sterminio, forse per salvare topi volete ritornare in quel modo, lo stanno già facendo, andando a fare esperimenti nel terzo mondo o assoldando disperati volontari qui da noi per un tozzo di pane, anche i polli nei gabbioni stanno male, o i maiali, eppure non fanno compassione a nessuno, solo il vegetariano stretto ha diritto a protestare, ma poco.

mariolino50

Dom, 15/04/2012 - 15:47

Non sono un esperto di ricerca medica, ma sicuramente molti di noi non sarebbero qui a scrivere se non fossero state inventate molte medicine, quasi tutte sperimentate sugli animali, cose più precise degli effetti sull'uomo di tante e varie cose si hanno grazie agli esperimenti condotti dal dottor Mengele e simili nei campi di sterminio, forse per salvare topi volete ritornare in quel modo, lo stanno già facendo, andando a fare esperimenti nel terzo mondo o assoldando disperati volontari qui da noi per un tozzo di pane, anche i polli nei gabbioni stanno male, o i maiali, eppure non fanno compassione a nessuno, solo il vegetariano stretto ha diritto a protestare, ma poco.

Raoul Pontalti

Dom, 15/04/2012 - 18:49

per Andrea Scotti. Con confondere la scienza medica e la ricerca scientifica con la sperimentazione animale essendo quest'ultima solo una parte della ricerca e oggi nemmeno molto importante. Per le malattie infettive hai scelto poi esempi poco felici, posto che per vaiolo e poliomielite (malattie con serbatoio naturale esclusivamente umano) la sperimentazione animale è servita poco (anche se è servita di "contorno" ad es. scimmie per saggiare mediante inoculazione intracerebrale l'assenza di neurotropismo dei virus attenuati dei vaccini antipoliomielitici). Ma albertohis voleva giustamente stigmatizzare come oggi la sperimentazione animale sia al servizio dell'industria del farmaco e dei cosmetici con modalità discutibili e fini (per la cosmesi) di dubbia eticità per dirla eufemisticamente. Ancora sui vaccini: hanno estirpato il solo vaiolo e si preconizza l'estirpazione della poliomielite, ma per il resto hanno fatto e fanno parecchi danni che non sempre giustificano i benefici.

Raoul Pontalti

Dom, 15/04/2012 - 18:49

per Andrea Scotti. Con confondere la scienza medica e la ricerca scientifica con la sperimentazione animale essendo quest'ultima solo una parte della ricerca e oggi nemmeno molto importante. Per le malattie infettive hai scelto poi esempi poco felici, posto che per vaiolo e poliomielite (malattie con serbatoio naturale esclusivamente umano) la sperimentazione animale è servita poco (anche se è servita di "contorno" ad es. scimmie per saggiare mediante inoculazione intracerebrale l'assenza di neurotropismo dei virus attenuati dei vaccini antipoliomielitici). Ma albertohis voleva giustamente stigmatizzare come oggi la sperimentazione animale sia al servizio dell'industria del farmaco e dei cosmetici con modalità discutibili e fini (per la cosmesi) di dubbia eticità per dirla eufemisticamente. Ancora sui vaccini: hanno estirpato il solo vaiolo e si preconizza l'estirpazione della poliomielite, ma per il resto hanno fatto e fanno parecchi danni che non sempre giustificano i benefici.

Raoul Pontalti

Dom, 15/04/2012 - 18:49

per Andrea Scotti. Con confondere la scienza medica e la ricerca scientifica con la sperimentazione animale essendo quest'ultima solo una parte della ricerca e oggi nemmeno molto importante. Per le malattie infettive hai scelto poi esempi poco felici, posto che per vaiolo e poliomielite (malattie con serbatoio naturale esclusivamente umano) la sperimentazione animale è servita poco (anche se è servita di "contorno" ad es. scimmie per saggiare mediante inoculazione intracerebrale l'assenza di neurotropismo dei virus attenuati dei vaccini antipoliomielitici). Ma albertohis voleva giustamente stigmatizzare come oggi la sperimentazione animale sia al servizio dell'industria del farmaco e dei cosmetici con modalità discutibili e fini (per la cosmesi) di dubbia eticità per dirla eufemisticamente. Ancora sui vaccini: hanno estirpato il solo vaiolo e si preconizza l'estirpazione della poliomielite, ma per il resto hanno fatto e fanno parecchi danni che non sempre giustificano i benefici.

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 15/04/2012 - 19:47

E' giusto difendere gli animali, ma il movimento dell'antivivisezione animale è talvolta infiltrato da soggetti che spingono verso la vivisezione umana, più redditizia per la sperimentazione e le multinazionali del farmaco. Infatti non li abbiamo mai sentiti parlare contro la truce vivisezione di bambini a cuore battente squartati come capretti per espianti-trapianti. Né abbiamo sentito la loro voce contro la Proposta di legge, prossima al voto parlamentare, che destina i cosiddetti “morti cerebrali”, ovvero i vivi che hanno perso la coscienza, alle esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche per la durata di un anno. Eppure la Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente lo ha segnalato ripetutamente. Bisogna condannare la vivisezione umana e animale, non portano al progresso della scienza. Nerina Negrello

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 15/04/2012 - 19:47

E' giusto difendere gli animali, ma il movimento dell'antivivisezione animale è talvolta infiltrato da soggetti che spingono verso la vivisezione umana, più redditizia per la sperimentazione e le multinazionali del farmaco. Infatti non li abbiamo mai sentiti parlare contro la truce vivisezione di bambini a cuore battente squartati come capretti per espianti-trapianti. Né abbiamo sentito la loro voce contro la Proposta di legge, prossima al voto parlamentare, che destina i cosiddetti “morti cerebrali”, ovvero i vivi che hanno perso la coscienza, alle esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche per la durata di un anno. Eppure la Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente lo ha segnalato ripetutamente. Bisogna condannare la vivisezione umana e animale, non portano al progresso della scienza. Nerina Negrello

Ritratto di Svevus

Svevus

Dom, 15/04/2012 - 19:47

E' giusto difendere gli animali, ma il movimento dell'antivivisezione animale è talvolta infiltrato da soggetti che spingono verso la vivisezione umana, più redditizia per la sperimentazione e le multinazionali del farmaco. Infatti non li abbiamo mai sentiti parlare contro la truce vivisezione di bambini a cuore battente squartati come capretti per espianti-trapianti. Né abbiamo sentito la loro voce contro la Proposta di legge, prossima al voto parlamentare, che destina i cosiddetti “morti cerebrali”, ovvero i vivi che hanno perso la coscienza, alle esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche per la durata di un anno. Eppure la Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente lo ha segnalato ripetutamente. Bisogna condannare la vivisezione umana e animale, non portano al progresso della scienza. Nerina Negrello

Bruno Burinato

Lun, 16/04/2012 - 10:55

Con buona pace della Brambilla, io non scambio mia nipotina per un topo, peccato per il topo ma è così

Bruno Burinato

Lun, 16/04/2012 - 10:55

Con buona pace della Brambilla, io non scambio mia nipotina per un topo, peccato per il topo ma è così

alex_sx90

Lun, 16/04/2012 - 14:00

92 per cento: sono i farmaci che risultano innocui sugli animali e vengono poi scartati durante le prove cliniche sul’uomo (dato di “Pubmed”, Inghilterra). 5-25 per cento: è, secondo Ralph Heywood, ex direttore del centro di ricerca inglese Huntington Life Sciences, la coincidenza tra la reazione dell’animale e quella dell’uomo. 82 per cento: quota dei medici inglesi preoccupati per i danni prodotti dalla sperimentazione su animali (Studio di Tns Healthcare). 4^ posto è la posizione delle malattie iatrogene (cioè provocate dai farmaci) nella classifica delle cause di morte dei paesi industrializzati. Dei circa 100 vaccini elaborati per curare la malattia delle scimmie simile all’Aids, non uno solo ha potuto essere applicato all’uomo, nonostante gli effetti riscontrati sulle scimmie. Cosa aspettiamo a fermare questo inutile massacro di animali che impedisce il progresso della medicina? La vivisezione è un costo enorme per la società, sia in termini economici che di vite umane.

alex_sx90

Lun, 16/04/2012 - 14:00

92 per cento: sono i farmaci che risultano innocui sugli animali e vengono poi scartati durante le prove cliniche sul’uomo (dato di “Pubmed”, Inghilterra). 5-25 per cento: è, secondo Ralph Heywood, ex direttore del centro di ricerca inglese Huntington Life Sciences, la coincidenza tra la reazione dell’animale e quella dell’uomo. 82 per cento: quota dei medici inglesi preoccupati per i danni prodotti dalla sperimentazione su animali (Studio di Tns Healthcare). 4^ posto è la posizione delle malattie iatrogene (cioè provocate dai farmaci) nella classifica delle cause di morte dei paesi industrializzati. Dei circa 100 vaccini elaborati per curare la malattia delle scimmie simile all’Aids, non uno solo ha potuto essere applicato all’uomo, nonostante gli effetti riscontrati sulle scimmie. Cosa aspettiamo a fermare questo inutile massacro di animali che impedisce il progresso della medicina? La vivisezione è un costo enorme per la società, sia in termini economici che di vite umane.

Ritratto di www.antipredazione.org

www.antipredazi...

Mar, 17/04/2012 - 12:37

E' giusto difendere gli animali, ma il movimento dell'antivivisezione animale è infiltrato da soggetti che spingono verso la vivisezione umana, più redditizia per la sperimentazione e le multinazionali del farmaco. Infatti non li abbiamo mai sentiti parlare contro la truce vivisezione di bambini a cuore battente squartati come capretti per espianti-trapianti. Né abbiamo sentito la loro voce contro la Proposta di legge, prossima al voto parlamentare, che destina i cosiddetti “morti cerebrali”, ovvero i vivi che hanno perso la coscienza, alle esercitazioni chirurgiche, chimiche e radiologiche per la durata di un anno. Eppure la Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente lo ha segnalato ripetutamente. Bisogna condannare la vivisezione umana e animale, non portano al progresso della scienza. Nerina Negrello

Matricola515.bl...

Ven, 20/04/2012 - 22:02

Ad un primo impatto può sembrare 'solo' un'azione di propaganda a favore della vivisezione:attraverso gli esperimenti sui topi, ci dicono, possono ottenere risultati positivi per la cura di diverse malattie , malattie che possono colpire anche nostra figlia.Senza dibattere la liceità di utilizzare una bambina per una campagna pretestuosa e antiscientifica , dobbiamo soffermarci sulla subdola trappola voluta dalla Foundation for Biomedical Research:portare allo scontro chi è a favore e chi è contro alla vivisezione, spingendo questi ultimi a proporre l'Uomo come l'unico vero modello da assurgere a 'cavia'.L'ineludibile deriva della lotta contro la vivisezione rappresenta quindi, la drammatica soggezione di diverse associazioni 'animaliste' dinanzi allo strapotere delle multinazionali.Essere antispecisti significa credere nel sacrosanto diritto alla vita di tutti gli esseri senzienti, senza distinzione di specie.Cambiare la macina allo schiavo, non risolverà il problema della vivisezione

Yourmirror

Mer, 25/04/2012 - 18:24

E' veramente un espediente subdolo e meschino quello di mettere sul piatto della bilancia una bambina e un topo chiedendo "chi vorresti vedere vivo"; che dovrebbe far capire quanto subdolo e meschino (e pronto a tutto) sia il fronte pro-vivisezione. Quello raffigurato è un meschino dilemma morale, e come tale non ha una risposta giusta, ma solo una risposta scontata poichè indotta in maniera infida. E la risposta ad un dilemma morale subdolo come quello in questione, può portare alle più perverse aberrazioni. Poichè ovviamente chiunque sceglierebbe la bambina piuttosto che il topo; ma questo dovrebbe forse giustificare che è giusto vivisezionare animali? E se la prossima pubblicità fosse: da una parte un anziano e dall'altra un bambino e la domanda "chi vorresti vedere vivo?". Rispondere il bimbo significherebbe allora avallare la vivisezione sugli anziani (o viceversa)?? Basta riflettere: questi dilemmi morali dimostrano solo la mancanza di argomentazioni valide di chi li propone.

Yourmirror

Mer, 25/04/2012 - 18:39

Ci sarebbe molto altro da dire. Ma preme solo sottolineare una cosa in particolare: per anni il fronte scientifico a supporto della vivisezione ha criticato e screditato il fronte antivivisezionista dicendo che quest'ultimo faceva perno sull'emotività invece che sulla scientificità. E adesso che fa: tira fuori il più bieco e subdolo espediente morale per giustificare il proprio modus operandi... davvero un bell'autogol. E ancora: notate che la pubblicità dice "un giorno" e "potrei" (condizionale)! Non si sa QUANDO, non si sa SE, non si sa COME... tutto il messaggio è affidato ad una frase ipotetica; dopo decenni e decenni di sperimentazione ci rifilano una frase ipotetica, in un futuro non precisato. E questa è l'implicita ammissione che ad ora, la sperimentazione animale non ha salvato vite (o non ci sarebbe stato bisogno di dire "un giorno")! Onestamente dopo decenni e decenni di sperimentazione animale, sentirsi dire di nuovo "un giorno" sa tanto di presa per il c...!

doctorm2

Mar, 31/01/2017 - 08:54

Solo vergognosa speculazione. L'organismo di un topo o altra cavia ha processi biochimici molto differenti da quelli di un essere umano, per cui la ricerca con animali è solo una inutile maniera di ottenere risultati non comparabili. Che poi qualcuno voglia vendere gli animali da esperimento per trarne profitto è tutt'altra storia.

doctorm2

Mar, 31/01/2017 - 08:57

per fishnchips . I test per cosmetici su animali SONO VIETATI per legge dal 2009. per cui, prima di parlare e di dire idiozie gratuite, si informi per favore .