Giro d'Italia

Crono, domina Liquigas Nibali conquista la rosa

Dopo la crono a squadre Savigliano-Cuneo la maglia rosa è sulle spalle di Vincenzo Nibali davanti ad altri due italiani: Ivan Basso, in ritardo di 13'', e Valerio Agnoli a 20''. Gesto di stizza del kazako Vinokourov

Crono, domina Liquigas 
Nibali conquista la rosa

Cuneo - Il team Sky guidato da Wiggins ha fatto una corsa straordinaria, ma non è bastata. A vincere l'attesa crono a squadre Savigliano-Cuneo è la Liquigas-Doimo (36'37'') che conquista la maglia rosa con l'ultimo arrivato (al Giro) Vincenzo Nibali. E al secondo posto in classifica sale Ivan Basso. Se questa tappa fosse un libro la copertina, senza dubbio, la meriterebbe Vinokourov, la maglia rosa (ormai ex) che alla fine della gara si è voltato più di una volta, stizzito, perché uno dei suoi uomini non ce la faceva più e, per regolamento, nella crono a squadre si prende il tempo del quinto arrivato. Il kazako si è arrabbiato moltissimo, battendosi la mani sul fianco e incitando i suoi uomini. Ma, qualcuno l'ha punzecchiato, avrebbe dovuto aspettare prima i ritardatari, non sulla linea del traguardo, quando più che un travaso di bile non era possibile ottenere.

Nibali: gran lavoro di squadra All'arrivo il messinese è raggiante. Si vede dipinta sul volto la sua gioia quando, proprio sul traguardo, si gira verso i suoi compagni con il sorrisetto di chi sa di aver fattouna grandissima prova. "E' stata una vittoria di tutta la squadra che ha fatto un lavoro eccezionale. Sono contentissimo di indossare questa maglia, è il traguardo più bello che c'è". E ora cosa accadrà? "Vivrò giorno per giorno - risponde serafico - come ho pensato fin dall'inizio". Oggi è il suo grande giorno, è inutile rovinare tutto pensando alle montagne o, peggio, all'ancora lontanissimo traguardo di Verona. Anche il capitano della Liquigas, Ivan Basso, si gode il momento di festa: "Grande gara, siamo andati forte".

Classifica 1) Vincenzo Nibali (Liquigas) 10h 44' 00". 2) Ivan Basso (Liquigas) +13". 3) Valerio Agnoli (Liquigas) +20". 4) Andre Greipel (HTC - Columbia) +26". 5) Matthew Goss (HTC - Columbia). 6) Vinokourov (Astana) +33". 7) Vladimir Karpets (Katusha) +39". 8) David Millar (Garmin) +45".

La tappa di oggi Dopo lo sforzo della crono i muscoli dei corridori devono rilassarsi un po'. La quinta tappa, da Novara a Novi Ligure (162 km), è la classica prova per velocisti. Prima dell'arrivo è previsto un circuito. Gli sprinter, così, avranno modo di studiare e pensare l'attacco (decisivo) per il gran finale. Gli organizzatori hanno voluto rendere omaggio a due campionissimi: Girardengo (nato proprio a Novi Ligure) e Coppi (di Castellania, a circa 15 km da Novi). Come sempre è dalla storia che la Rosa vuol ritrovare slancio per ribadire la propria grandezza, mettendo da parte - si spera - gli scandali degli ultimi anni.

Commenti