Dash Cam, la fotocamera anti incidenti

Le chiamano «taxicam», visto che la maggior parte vengono utilizzate dai conducenti di auto pubbliche. Ma in effetti l'uso di una dash cam può essere per tutti quelli che guidano un veicolo, sia per questioni di sicurezza che più semplicemente ludiche. Anche in in questo mercato la qualità conta, e la prova della Kenwood DVR-830 dimostra quanto un compagno di viaggio del genere possa migliorare gli aspetti legati al mondo delle quattro ruote.

In pratica: una dash cam si usa non solo per riprendere gli scenari che appaiono oltre il parabrezza, ma anche per essere un valido testimone in caso di sinistro. Con alcune funzioni che sfociano nel settore della prevenzione. La DVR-830 tecnicamente è molto avanzata, visto che ha una fotocamera integrata da 3 pollici e da 3 megapixel Wide Quad-HD che riprende un HD Plus, ovvero con una risoluzione di 2560x1440 pixel. Ha un obiettivo grandangolare da 144° con registrazione HDR e un sistema di guida integrato che avvisa per esempio in caso di abbandono di corsia oltre a partire da 60 km/h, oppure la riduzione eccessiva di distanza dall'auto precedente.

Riguardo alla sicurezza rileva e salva automaticamente le registrazioni prima e dopo un incidente o un colpo sengnalando grazie al GPS dvelocità e posizione. E il tutto si gestisce grazie a 2 slot per schede microSd e con un software per la gestione delle immagini. L'installazione è molto semplice, grazie al cavo in dotazione da collegare con l'accendisigaro e da far girare nella cornice della parabrezza. Dunque uno strumento utile, che ha un costo anche abbordabile: su Amazon si trova a 163 euro. E considerato quello che potrebbe far risparmiare di assicurazione...