De Magistris arruola le teste calde

IDV L’ex pm imita Tonino: «Ora agiamo contro il regime». E la sinistra di Diliberto e Fava sottoscrive l’appello alla rivolta

Per ora sono in quattro come gli amici al bar e pure litigiosi, ma c’è tempo. La chiamata alle armi del «popolo contro il regime» in verità a giudicare dai toni è urgente, «agiamo prima che sia troppo tardi» ha scritto ieri Luigi De Magistris sull’Unità. Però la data non è ancora stata fissata, «facciamola il 5 dicembre ma qualsiasi altra data andrebbe bene» ha detto Antonio Di Pietro col tono di chi si rende conto che una «manifestazione unitaria fra le forze di buona volontà» non è affatto semplice, perché magari la volontà ci sarebbe pure, ma quel concetto di unitarietà complica le cose. E infatti.
Capita che ieri l’ex pm De Magistris si sia guadagnato una pagina intera sul quotidiano di Concita De Gregorio per appellarsi al resto dell’opposizione: «Uniamoci ora, nei luoghi istituzionali e nelle strade». Convocati: la sinistra che è rimasta fuori da tutti i Parlamenti da Roma a Strasburgo, ma soprattutto il Pd, «il principale partito di opposizione, dal quale ci aspettiamo un contributo decisivo». Perché «Idv sta facendo la sua parte» ma non possiede «il dogma della verità». E perché là fuori «c’è un Paese che aspetta solo un segnale, purché sia chiaro ed inequivocabile». Immediata sottoscrizione, corsa ad arruolarsi, zaini e fucili pronti per le trincee a Montecitorio e la lotta partigiana in piazza Navona? Macché. Hanno risposto in tre. Il primo è stato Di Pietro. Ma solo per rimettere De Magistris al suo posto. «Io lo avevo già detto», per la precisione è «dal convegno di Idv a Vasto che lo dico», e insomma De Magistris non ha inventato nulla: «L’ho promossa io questa cosa tempo fa, non capisco perché venite ora a chiedermi se sono d’accordo» ha detto stizzito ai giornalisti. Non pago, più tardi ha fatto pure una nota scritta, nella quale ha ribadito che lui sono «mesi e mesi» che chiama alle armi.
Poi sono arrivate le altre adesioni. Due. Oliviero Diliberto, leader del Pdci, all’urlo di: «Siamo pronti. Ricominciamo da una mobilitazione di piazza forte e determinata nel chiedere le dimissioni del premier e l’indizione di nuove elezioni». Un’ora e mezza dopo è arrivato il via del «rivale» Claudio Fava, coordinatore di Sinistra e Libertà: «Sono d’accordo: è necessaria un’urgente iniziativa unitaria contro un governo pericoloso. E non può esserci alternativa credibile a Berlusconi senza il contributo fondamentale della Sinistra». Però, c’è un però, avverte Fava: De Magistris convinca Di Pietro a fare un’opposizione unitaria, e non più «solo atti unilaterali di propaganda». Una parola. E il Pd? Non pervenuto. Ci sono le primarie, lì, altro che guerra di liberazione.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.