Economia del Mare Il rapporto Censis: «Italia tra i leader nonostante la crisi»

Contribuisce per il 2.6% dal Pil, produce in un anno beni e servizi per oltre 39,5 miliardi di euro, dà lavoro a circa 500mila persone con una crescita del 30% dell’occupazione dal 2004 al 2009. Questo, in sintesi, il quadro dell’economia legata al mare, che «pur in un momento di crisi vede l’Italia fra i leader a livello europeo». Lo si evince dal «IV rapporto sull’economia del mare», realizzato dalla fondazione Censis che ha analizzato un settore che comprende trasporti marittimi e pesca, cantieristica navale, nautica da diporto e attività portuali. Dai dati relativi alle diverse zone d’Italia emerge una posizione leader di regioni tradizionalmente legate al mare, come Liguria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Sicilia. Ma è la Lombardia a collocarsi al terzo posto a livello nazionale nella nicchia di mercato della costruzione di barche da diporto, e fra i maggiori fornitori di beni e servizi. La Lombardia, quindi, culla dell’eccellenza nella nautica e nella produzione di interni e di arredi per barche esportati in tutto il mondo. E Milano potrà avere un ruolo di primo piano «per risolvere le difficoltà all’accesso al credito da parte delle aziende del terziario».

Commenti