Assoluce e Assil, l'industria italiana ai vertici di LightingEurope

Carlo Urbinati e Massimiliano Guzzini eletti nell'executive board dell'associazione europea dell'illuminotecnica che rappresenta oltre 1.000 aziende con un fatturato annuo di 20 miliardi di eruro

Assoluce e Assil, l'industria italiana ai vertici di LightingEurope

Carlo Urbinati, presidente di Assoluce di FederlegnoArredo, federazione di Confindustria e Massimiliano Guzzini, past president Assil, l’Associazione nazionale produttori Illuminazione, federata Anie Confindustria, sono stati eletti nel nuovo Executive Board di LightingEurope, l’associazione che rappresenta in Europa 1.000 aziende con una forza lavoro di oltre 100.000 addetti e un fatturato annuo che supera i 20 miliardi di euro.

L’ingresso di Urbinati e la conferma di Guzzini, già membro dell’Executive Board dal 2015, sono il segno tangibile della crescente collaborazione tra le due associazioni, che rappresentano oltre 225 aziende italiane, più di 13.500 addetti e un fatturato globale che supera i 3,5 miliardi di euro, ma soprattutto testimoniano l’ulteriore rafforzamento del ruolo dell’industria italiana nello scenario europeo dell’illuminazione.

“La mia presenza nel board di LightingEurope, di cui Assoluce è membro fondatore – commenta Carlo Urbinati - è prima di tutto un riconoscimento all’importante lavoro svolto in questi anni dalla nostra associazione, sempre attiva nei Working Groups tecnici e negli Association Committee. Esserci significa soprattutto dare voce e rappresentanza a tante piccole e medie imprese, il tessuto produttivo del nostro settore che ha proprio nelle Pmi decorative un asset fondamentale”.
“La mia priorità sarà portare sui tavoli decisionali europei le urgenze che rischiano di mettere le nostre aziende in difficoltà, a partire dal tema delle certificazioni, a quello dell’etichettatura energetica, all’ecodesign - spiega Urbinati -. Tematiche sulle quali si può giocare il futuro di un intero settore ed essere presenti è lo strumento migliore per difenderlo. Ringrazio chi ha avuto fiducia in me, ma la mia più grande soddisfazione sarà riuscire a tradurre in risposte concrete il ruolo che mi è stato assegnato. Insieme ad Assil sono certo che porteremo avanti un lavoro importante per l’industria dell’illuminazione”.

“La mia riconferma al terzo mandato consecutivo nell’Executive Board di LightingEurope in rappresentanza di Assil è, oltre che un onore e un impegno nei confronti dei soci e di tutta l’industria dell’illuminazione italiana, un riconoscimento del significativo contributo che la nostra associazione ha portato in questi anni allo sviluppo di LightingEurope, di cui siamo soci fondatori - sottolinea Massimiliano Guzzini –. L’ingresso di ASssoluce e la capacità della nostra industria di fare sistema in un momento così delicato, consentiranno di rafforzare ulteriormente il peso dell’industria italiana in Europa. Nel prossimo biennio il nostro obiettivo principale continuerà ad essere la difesa e armonizzazione delle normative e delle leggi che influenzano il nostro comparto. Ci concentreremo in particolare sui temi del mercato, trend, innovazione e sulla market surveillance, che attualmente vede le aziende italiane ed europee fortemente penalizzate nei confronti dei competitor extra europei, a causa di una situazione di asimmetria competitiva”.

L’Executive Board di LightingEurope è composto da Katia Valerie Banoun, Lyskultur (Norvegia), Alfredo Berges, ANFALUM (Spagna), Lionel Brunet, Syndicat de l'Éclairage, rieletto presidente (Francia), Nathalie Coursière, IGNES (Francia), Massimiliano Guzzini, ASSIL (Italia), Frank Hohn, OSRAM (Germania), Peter Hunt, LIA (Regno Unito), Maurice Maes, SIGNIFY rieletto vicepresidente (Paesi Bassi), Joerg Minnerup, Trilux (Germania), Miguel Aguado Pelaez, Lutron (Regno Unito), Zoltán Pilter, Gruppo Tungsram (Ungheria), Jan van Rompay, Lumileds (Paesi Bassi), Mark Oliver Schreiter, ERCO (Germania), Lars Stuehlen, LEDVANCE rieletto tesoriere (Germania), Carlo Urbinati, ASSOLUCE (Italia), Jürgen Waldorf, ZVEI (Germania).

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento