"La benzina a 4 euro". Ecco come stanno davvero le cose

I costanti aumenti della benzina prospettano scenari inediti per il prossimo futuro: se si verificheranno una serie di incastri, il prezzo potrebbe volare a 4 euro. Ecco cosa ha detto l'esperto

"La benzina a 4 euro". Ecco come stanno davvero le cose

L'ipotesi è molto remota e allo stato attuale non c'è motivo che si possa verificare ma c'è chi ipotizza che il prezzo della benzina possa raggiungere la cifra folle di 4 euro al litro. Questo scenario oggettivamente catastrofista prende in esame tre incastri perfetti: l'aumento del prezzo del greggio dagli attuali 84 a 200 dollari, le compagnie petrolifere dovrebbero smettere di investire e la domanda di materie prime dovrebbe rimanere molto alta.

Ecco lo scenario choc

Come abbiamo trattato di recente sul Giornale.it, continua a salire il prezzo dei carburanti che si mantengono a livelli record da alcuni anni a questa parte: gli ultimissimi aggiornamenti del Mise, il prezzo medio nazionale per la benzina in modalità self-service va 1,746 euro/litro (medie tra 1,744 e 1,755 euro al litro); invece, il prezzo medio per il diesel in modalità self è di 1,610 euro/litro (medie tra 1,612 e 1,617 euro al litro). Quanto prospettato da uno dei massimi esperti italiano del settore è sconcertante: se il petrolio continuerà ad aumentare, la benzina potrebbe toccare un valore choc di 4 euro al litro, in pratica il doppio di adesso ed un prezzo mai raggiunto nella storia. È chiaro che si tratta di uno scenario impensabile ma potrebbe verificarsi se il prezzo del greggio arrivasse a 200 dollari dagli attuali 84, più del doppio.

È quanto affermato a Repubblica da Alberto Clò, deirettore della Rivista Energia, dove ha descritto lo scenario più nero. "Nel medio termine potremmo vedere il vero impatto del crollo degli investimenti e se i prezzi saliranno a 150-200 dollari al barile, come qualcuno ipotizza, la nostra benzina potrebbe toccare i 4 euro al litro".

Tre ragioni per gli aumenti

Secondo Clò, sarebbero tre i motivi alla base dell'impennata dei prezzi: la ripresa della domanda in parallelo a quella parziale dell’attività economica; il governo dell’offerta da parte dei paesi OPEC con Russia e alleati (OPEC Plus) e il crollo degli investimenti. E poi, il ruolo non indifferente della Cina che sta attraversando una grave crisi energetica che ha imposto al governo di comprare carbone, metano e petrolio “a qualsiasi prezzo”, alimentando l’ascesa sui mercati internazionali. E poi, a contribuire agli aumenti c'è una crescita minore dell'offerta unita ad un crescente prelievo delle scorte.

Dai dati dell'Unem ('Unione energie per la mobilità), la benzina è aumentata del 10,4% rispetto a settembre 2020 (+10,8% rispetto al 2019) mentre il prezzo del gasolio è cresciuto del 6,2% (+7,6 rispetto al 2019). Il carburante per gli aerei, invece, nonostante un +62% nell'ultimo mese rimane inferiore del 47% rispetto al 2019. L'Unem, infine, ha segnalato aumenti anche per tutti gli altri usi di gasolio e gpl.

Cosa ha deciso la Francia

Il governo francese ha promesso una "indennità di inflazione" di 100 euro per i francesi che guadagnano meno di duemila euro netti al mese, a partire da dicembre, per far fronte al caro-benzina. Lo ha nnunciato il premier, Jean Castex, assicurando che il prezzo verrà "bloccato" per tutto il 2022. L'emittente Bfmtv ha spiegato che saranno 38 milioni i francesi che beneficeranno del contributo di 100 euro che sarà versato automaticamente a coloro i quali possiedono i requisiti richiesti. L'aiuto è rivolto anche a tutti coloro hanno bisogno quotidianamente della loro auto non solo per recarsi al lavoro, ma anche per tutti quei disoccupati che utilizzano il mezzo per cercare un'occupazione.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti