Borse, l'andamento dopo il bazooka della Bce: Milano chiude in rialzo

Il piano da 750 miliardi varato dalla Banca centrale europea si ripercuote sui mercati: aprono in contrasto le Borse europee, male quelle asiatiche

Il bazooka da 750 miliardi di dollari varato nella serata di ieri dalla Bce di Christine Lagarde, insieme alle contromisure preannunciate negli Stati Uniti e in Australia, si ripercuotono sui mercati globali, non riuscendo però a calmarmi quanto sperato. Per esempio, le Borse cinesi hanno aperto in lieve rialzo dopo l'intervento della Banca centrale europea per l'emergenza coronavirus, con l'eccezione di Hong Kong, che inizialmente cedeva lo 0,32% e poi il 2,76%. A seguire sono andate un rosso anche tutte le altre Borse asiatiche: Tokyo perde l'1,08%, Shanghai cala dell'1,10%, Seul del 7,95%, Taiwan del 5,8%.

Nel Vecchio Continente, invece, le Borse europee hanno aperto miste dopo il piano da 750 miliardi di euro lanciato ieri sera dalla Bce: Londra sale dello 0,47%. Milano avanza dell'1,95%. Francoforte perde lo 0,2%, Parigi e Madrid sale del 2,52%. A seguire, Londra ha ceduto lo 0,45%, Francoforte lo 0,11%, mentre Parigi ha avanzato dell'1,4%, Madrid del 2,6% e Milano è andata in rally a +3,6%.

Piazza Affari ha accellerato ulteriormente al rialzo nelle primissime fasi di seduta con il Ftse Mib a +4,60% e 15.812 punti; All Share +4,42%. La Borsa valori, in linea con gli altri listini europei, trae forza dalle rassicurazioni della Bce che farà tutto quanto in suo potere per sostenere l'economia dell'Eurozona. Numerosi i titoli sospesi (Atlantia, Italgas, Poste, Teelecom Italia, Tenaris), tra cui Snam che segna un 'teoricò nel giorno in cui sono stati diffusi i conti del 2019. Euforici i big dell'energia (Eni +3,38%, Enel +3,48%); ben intonati gli industriali (Fca +1,80%, Pirelli +5,86%) e Juventus Fc +3,44. Volano i finanziari e i bancari in particolare: Unicredit +7,74%, Intesa Sanpaolo +4,06%, Generali +4%, Bper +5,02%, Ubi +5,85%.

Aggiornamento sulle Borse europee: le Borse europee virano in negativo, eccetto MIlano. I mercati azionari guardano con preoccupazione anche all'evoluzione del coronavirus e dunque al fatto che non si vede ancora la fine del tunnel, anzi negli Usa l'epidemia è in crescita, come dimostrano i future su Wall Street, che perdono oltre il 2%. Milano avanza dello 0,1%, mentre Parigi perde lo 0,9%, Londra il 2,25%, Francoforte il 1,2%. e Madrid lo 0,2%.

Nuovo aggiornamento: le Borse europee sono volatili e tornano contrastate, mentre Wall Street vira in positivo. Il bazooka da 750 miliardi di euro della Bce scuote i mercati ma i rimbalzi sono irregolari e l'andamento resta a singhiozzo. Milano guadagna lo 0,94%, Parigi lo 0,31%, Londra perde lo 0,85% e Francoforte lo 0,5%.

Ultimo aggiornamento: Chiusura in rialzo per la Borsa di Milano con l'indice Ftse Mib che guadagna il 2,29% a 15.466,97 punti. Chiusura in calo per lo spread tra Btp e Bund che scende a 197 punti con il rendimento del decennale italiano all'1,79%. Fra i titoli a maggior capitalizzazioni spiccano i rialzi di Unipol (+17,7%) Saipem (+10,7%) fra i petroliferi, generalmente ben intonati (Eni +4,05%) e di Ferragamo (+11,8%) nel lusso, che invece a livello di comparto è stato venduto. Misti i bancari: bene Unicredit (+5,29%), positiva Intesa Sanpaolo, poco mossa invece Ubi (+0,29%) . Come nei giorni scorsi è ben comprata Tim, mentre non si arrestano le vendite su Fca (-5,13%) dopo lo stop agli impianti in Nord America. Corre Poste, denaro sui farmaceutici; ben comprati anche Stm e Campari. I conti 2019 premiano Snam (+4,99%)mentre, fuori dal paniere principale, penalizzano Cattolica.

Il clima generale dei mercati mondiali, comunque, rimane fortemente incerto a causa della pandemia del coronavirus. Il mercato è preoccupato per l'entità dell'impatto del blocco totale delle attività sull'economia, nonostante l'impegno di autorità politiche e monetarie a livello globale per attutire le conseguenze del dilagare del virus. Nella notte la Bce ha annunciato l'avvio di un nuovo programma di acquisto di titoli del settore pubblico e privato per contrastare i gravi rischi per il meccanismo di trasmissione della politica monetaria e le prospettive per l'area dell'euro rappresentate dall'epidemia Covid-19. Questo nuovo programma, il Pandemic Emergency Purchase Programme (Pepp) avrà una dotazione complessiva di 750 miliardi di euro.

Intanto la Reserve Bank of Australia, la banca centrale australiana, ha tagliato di nuovo i tassi di 25 punti base, per la seconda volta dall'inizio del mese. I tassi sono stati abbassati allo 0,25%, però i listini asiatici non l'hanno presa bene, come appunto registrato. Negli Stati Uniti, invece, sono in arrivo le nuove richieste di sussidi alla disoccupazione e l'indice anticipatore.

La giornata odierna, inoltre, è stata movimentata anche dalla riunione di politica monetaria della banca centrale della Svizzera e della Turchia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 19/03/2020 - 10:08

Per l'economia il peggio deve ancora cominciare, purtroppo.

Ritratto di rr

rr

Gio, 19/03/2020 - 10:09

Il parco buoi ha capito che la BCE gli ha salvato il portafoglio. Vi immaginate cosa sarebbe successo se invece dell'euro avevamo i minibot con la faccia di Salvini?

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Gio, 19/03/2020 - 10:12

Moltiplicare per 4 , e non basta.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 19/03/2020 - 11:15

Sono pochi, molto pochi in questo momento di eccezionale gravità.

Mr Blonde

Gio, 19/03/2020 - 11:16

rr ennesima iniezione di metadone per un economia già morente ancor prima del virus. Lungi da me difendere quel personaggio inutile di salvini ci si convinca (lui ha già rinnegato: ha fatto credere tanto per qualche voto) che o si esce dall'euro o sarà un lento ed inesorabile declino, sia chiaro: da questo euro a trazione tedesca, non come ce lo avevano prospettato

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 19/03/2020 - 11:39

Mr Blonde - 11:16 Convengo e aggiungo: anche i francesi, seppur "minoritari" rispetto alla Germania, dicono la loro contra Italia (e non solo).

ugsirio

Gio, 19/03/2020 - 13:08

Qualche intraprendente francese o tedesco sta provando a comprare adagio adagio i nostri gioielli di famiglia. Italia stai attenta

ugsirio

Gio, 19/03/2020 - 13:09

Qualche intraprendente francese o tedesco sta provando a comprare, adagio adagio, i nostri gioielli di famiglia. Italia stai attenta

necken

Gio, 19/03/2020 - 13:58

I soldi della BCE non devono servire per le speculazioni (come avvenuto in passato perche le industrie e servizi non investono in tempi di recessione perche nell mercato non c'è domanda) ma devono essere indirizzate soprattutto verso investimenti relativi alle infrastrutture dei Paesi più deboli come l'Italia che ne hanno un grande bisogno e possono rilanciare la loro economia e con essa anche quella Europa. I ricchi non hanno bisogno di arricchirsi alle spalle dei più deboli spero che questo venga compreso da Paesi come Germania ed Olanda che hanno fatto usura nei confronti dei Paesi mediterranei divorando le loro economie (vedi Grecia) e vorrebbero farlo anche altri approfittando della loro debolezza politica vedi Italia

Ritratto di faman

faman

Gio, 19/03/2020 - 15:28

vedo che comunque le critiche stupide non ci sono, è già una buona cosa. Certo che non è un'azione risolutiva, ma mi sembra un buon inizio. Sembra che la supponente Lagarde non faccia il bastian contrario nei confronti dell'operato di Draghi. Disse più o meno: non voglio fare un "whatever it takes-2", ma mi sembra lo stia facendo.

Luigi Farinelli

Gio, 19/03/2020 - 18:11

Mr Blonde: 11:16: e quale euro avevamo prospettato? Non appena Prodi ci ha fatto entrare nell'euro, l'allora capo della Confindustria tedesca ha fatto balzi di gioia, come tutti gli industriali tedeschi. Disse: "Non ce la facevamo a competere con voi ma ora sono cavoli vostri!". Infatti, negli anni '90 l'Italia era la 4ta potenza industriale al mondo, con produzione industriale in crescita (1991-99) del 13% (QUELLA TEDESCA DEL 3%). Con l'euro dal 2000 al 2018 quella italiana è PRECIPITATA del 17% e quella tedesca CRESCIUTA del 27%!!! Spero che l' "inutile Salvini" assieme alla Meloni e a tutto il CDx rappresentante della maggioranza VERA degli Italiani comincino a dare in testa, finalmente, a questo governo bagascia, prostituito al IV Reich e al Grande Oriente di Francia. E a dare finalmente la possibilità al popolo italiano di esprimersi, dopo disastri immani (economici e sociali) fatti da una incredibile "sinistra" di debosciati "progressisti" radical scic.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 19/03/2020 - 19:24

@faman - si vede che non hai letto @rr, oppure diventa stupida anche la tua di risposta, di conseguenza. Giustificato se non ti sei accorto perchè non l'hai letta. Allora no ngeneralizzareper non prendere la tua solita cantonata.