I conti correnti ora sono pieni: perché e cosa può succedere

La fotografia dell''Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani per il 2020 fatta dalla "Direzione Studi e Ricerche" di Intesa Sanpaolo e dal Centro Einaudi

La combinazione tra l'emergenza sanitaria e le misure restrittive imposte dal governo giallorosso hanno messo in ginocchio l'economia del nostro Paese: una crisi economica che si stima abbia colpito circa 600mila famiglie. Stando all'Indagine sul Risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani per il 2020 condotta dalla "Direzione Studi e Ricerche" di Intesa Sanpaolo e dal Centro Einaudi, una famiglia su due è stata costretta dalle difficoltà economiche ad attingere ai propri risparmi (il 10,2% lo avrebbe fatto in modo decisamente sostanzioso).

Ad essere intaccati, quindi, quei risparmi che i nostri connazionali tendono ad accumulare proprio per affrontare momenti di crisi. Nell'Indagine sopra menzionata quasi la metà degli italiani intervistati (il 47,1%) ha ammesso di aver dovuto mettere mano a tali risorse. Tuttavia, ma ciò è vero solo dopo il primo lockdown, (probabile che dopo le restrizioni successive tali numeri siano in crescita) in 4 casi su 5 ciò non ha eroso i risparmi in modo significativo. Chi ha avuto sufficienti disponibilità economiche, proprio a causa dell'emergenza sanitaria e durante i mesi più duri della crisi e di chiusura forzata, ha tentato di rimpinguare il proprio conto. Secondo i dati aggiornati a settembre 2020, si parla di una crescita di circa 126 miliardi di euro nei conti degli italiani, rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente.

Ciò nonostante, sempre secondo l'Indagine, il trend dell'accumulo di risparmio precauzionale non dovrebbe avere vita lunga. "Si tratta di riserve che eccedono il normale tasso di risparmio, che negli ultimi quindici anni è già passato dal 7,3% all’11,8% del reddito (pre-pandemia), in coerenza con l’aumento delle ragioni razionali per risparmiare". Se il denaro che compone questa riserva supplementare fosse"rimesso in gioco" almeno per due terzi del suo totale si potrebbe, secondo Sanpaolo ed Einaudi, "triplicare la capacità di attivazione della ripresa innescata dal primo anno del Recovery Fund e potrebbero rendere realistica la prospettiva di una ripresa".

Secondo la fotografia di Sanpaolo/Einaudi, l'accumulo di fondi nei conti correnti ha varie motivazioni, strettamente connesse alla fascia di età del risparmiatore. Il risparmio previdenziale, quello finalizzato ad agevolare le esigenze della terza età, ovviamente, cresce di pari passo con l'età: il picco (31,3%) si raggiunge prima del periodo di pensionamento. Per quanto riguarda il risparmio ereditario, quello destinato ad aiutare i figli poco prima del distacco dal nucleo familiare e della vita autonoma, esso si concentra soprattutto (22,8%) nella fascia d'età 45-54 anni. Per l'acquisto di una prima casa, il 38,6% del risparmio viene effettuato tra 25 e 34 anni di età.

In generale, il risparmio precauzionale è alto (59,7%) nelle fasi dell'incertezza lavorativa, tra 18-24 anni di età. La percentuale si riduce progressivamente per impennarsi ancora (56,4%) oltre i 65 anni, proprio con lo scopo di venire incontro alle esigenze ed alle spese della terza e della quarta età.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Jon

Gio, 07/01/2021 - 10:11

Se il Pil nel 2020 e' diminuito di circa 168 mld, e sui C/C e' aumentato il Saldo Attivo, e' CATTIVA Notizia.: E' Indice di RECESSIONE..!! Nessuno ha “rimpinguato” il proprio conto: la prima causa e' la diminuzione di SPESA; la seconda e' la MANCANZA DI INVESTIMENTI..Poi c'e' l'accumulo di molti che hanno speculato sul Covid, infatti i poveri sono sempre piu' poveri ed i ricchi piu' ricchi..Gli impoveriti senza C/C, fuori dalle statistiche sono quelli che hanno un lavoretto in nero, e che ora soffrono la fame e non possono curarsi senza mutua. MA cio' che si NASCONDE e' che il Risparmio degli Italiani, BEN UTILIZZATO, sarebbe piu' che sufficiente per rilanciare la Ripresa, senza indebitarsi col MES o Recovery, tenendo il Debito alll'Interno del Paese, concedendo un piccolo gain agli Italiani, mentre pagheremo interessi agli speculatori stranieri. COME SEMPRE.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 07/01/2021 - 10:24

@Jon10.11: la sua analisi non fa una grinza. Faccio solo una chiosa: chi si azzarda fra i risparmiatori a concedere un "simil prestito" a quelli che da decenni in qua non hanno risolto i problemi di fondo che attanagliano lo sviluppo generale del Bel Paese, vedi le indagini in corso, e che lo stanno affossando, affogando, sempre di più nel debito pubblico? Ossequi.

ondalunga

Gio, 07/01/2021 - 10:31

@Jon: ma che scrivi ? Cioè chi ha accumulato l' ha fatto speculando sul COVID (quanti saranno, ben pochi si son messi a commerciare mascherine ed amuchina, dai), la mutua per curarsi ce l' hanno tutti anche chi fa lavora in nero...se la gente ha risparmiato è perchè non si può fare una mazza e le spese son calate di conseguenza.

nerinaneri

Gio, 07/01/2021 - 10:42

Jon: non i miei, neanche a conte o grillo...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/01/2021 - 10:52

@bonoitalianoma - concordo con la tua intelligenza risposta.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 07/01/2021 - 10:55

Non penso che i c/c siano pieni, moltissimi ci hanno perso con questo lockdown. Solo pochissimi, i soliti noti, ci hanno guadagnato, e molto. O per lo meno non hann operso come la stragranda maggioranza dei cittadini, ossia i politici stessi. Seconda ipotesi è che se i c/c fosser ìo pieni è perchè si è disinvestito in tutto, azioni e alrte forme di investimento, non avendo fiducia del futuro e di questi governi sinistri, che in due o tre generazioni ti espropriano tutto a forza di tasse varie.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Gio, 07/01/2021 - 11:04

La causa del grande risparmio che si trova depositato sui C/C dipende dal fatto che gli investimenti finanziari hanno fruttato enormi guadagni ai promotori finanziari e molte perdite ai risparmiatori. Inoltre le rendite ridicole dei titoli di stato non attirano più nessuno. L'impedimento forzato dell'inflazione ha di fatto reso nullo il valore del denaro. Se lo investi lo perdi, se compri casa sarai distrutto dalle tasse, se lo metti sotto il materasso te lo rubano. La forza politica che si farà promotrice di una legge sulla tutela del risparmio privato avrà un consenso elettorale enorme.

marco1965

Gio, 07/01/2021 - 11:05

Sarebbe estremamente stupido, mettere in mano alle finanziarie i ns risparmi, quelli della classe media intendo, senza un adeguato piano di sviluppo industriale. Basta finanziare tangenziali con pedaggio per i privati, ferrovie che portano al nulla, edilizia per speculatori e briciole ai lavoratori al banchetto della grande mangiatoria. I soldi restano in Italia, in mano a quei delinquenti prendono il largo verso i paradisi fiscali.

Enne58

Gio, 07/01/2021 - 11:06

Prima dimostrino di saperli usare bene e fare una grossa pulizia di soggetti inutili e parassitari. Poi... si vedrà se è il caso di dare fiducia. I signori della casta si ricordino che la vera ricchezza non sono i biglietti di euro, ma la voglia e la capacità di farli fruttare. Non fatela scappare questa capacità

marco1965

Gio, 07/01/2021 - 11:22

Giusto1910R Gio, 07/01/2021 - 11:04 Ha perfettamente ragione! Un risparmiatore medio non investe con i BTP a 102 e rendita media dello 0,25% escluse tasse. Infine vi è anche il tanto auspicato rientro dei capitali a seguito dell' azione del sistema bancario di "stati cassaforte" come la Svizzera. Forse qualcuno pensava di metterci le mani sopra, chiaramente non si investe su finanziarie che ti promettono il 2%, salvo fallire prima della scadenza cedola.

nerinaneri

Gio, 07/01/2021 - 11:48

marco1965: vera la prima parte: Un risparmiatore medio non investe con i BTP, basta cercare titoli di stato in mano ai privati...

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 07/01/2021 - 11:55

Strano? Allora, come mai il mio c/c è quasi vuoto?

Sempreverde

Gio, 07/01/2021 - 12:17

Tutto tolto dal primo lockdown, ciao ciao, ciaone!

Ritratto di Smax

Smax

Gio, 07/01/2021 - 12:37

La gente ha cominciato ha rendersi conto che affidarli alle finanziarie alla fine ci perdi, tranne casi rari. Appena i padroni del vapore danno un scossone ribassista alla borsa, loro guadagnano e agli altri milioni restano foglie di cicoria.

no_balls

Gio, 07/01/2021 - 12:41

Sono pieni perché non si e' consumato... niente ristoranti niente pub niente cinema etc etc ... Insomma Non si sono sprecati soldi come facevano i nostri nonni... Sicuro che e' così male???

fj

Gio, 07/01/2021 - 13:05

Il governo ha fin da subito deciso quali erano le categorie che avrebbero dovuto pagare il prezzo economico della lotta al coronavirus (turismo, bar, e ristoranti). Io da un anno a questa parte dalla banca i soldi li sto solo togliendo, e per mantenermi! E se continuano con questi divieti di lavorare ancora per sei mesi, siamo in molti ad averlo esaurito il conto in banca. GOVERNO CINICO.

nerinaneri

Gio, 07/01/2021 - 13:50

fj: su un qualche sito economico, ieri ho letto che il prossimo decennio (10 anni) sarà 'complicato'...

leopard73

Gio, 07/01/2021 - 15:38

Io non soldi in banca ma se li avessi li porterei VIA perché prima o poi questi ciarlatani di politici faranno delle leggi che quello che è MIO diventa LORO!!!

maxfan74

Gio, 07/01/2021 - 17:53

Non tenete i soldi fermi sul conto corrente, investiteli, se gli appartamenti non subissero il blocco degli sfratti che fanno diventare una casa privata al pari di una popolare, il mercato immobiliare sarebbe ottimo come investimento. Il 2021 è tutto da investire in borsa, diversificando e con l'aiuto di promotori finanziari validi e non scalda sedie di banca in attesa di pensione.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 07/01/2021 - 18:26

"I conti correnti ora sono pieni". E vi meravigliate? ma ve la fate qualche domanda sul perchè o vi limitate a scaldare le sedie?. Da quandfo governa la sinistra nessuno si sogna d'investire in questo Paese e il perchè, a mio avviso, è presto detto, la fiducia nel sistema bancario è scomparsa del tutto come quella nella politica che dovrebbe vigilare e dare fiducia e direttive invece è di tutta evidenza l'esatto contrario. Avete imposto il rientro dei capitali dall'estero ma non avete fatto nulla per favorire il loro investimento, il vero fallimento siete voi politici.

marco1965

Gio, 07/01/2021 - 19:14

nerinaneri Gio, 07/01/2021 - 11:48 chiaramente acquistando sul mercato in fase spread alto, sotto quota 100, può essere "un piccolo compenso". Allo stato attuale Le assicuro che tutti i BTP sono sopra quota 100, oppure hanno rendimenti talmente bassi anche sul decennale da demotivare i piccoli risparmiatori. Spese di bollo, tassazione Le assorbono tutto il ricavo.

marco1965

Gio, 07/01/2021 - 19:22

il filosofo citato nel precedente commento era Bertrand Russell.

Massimo Bernieri

Lun, 11/01/2021 - 19:15

Se si investe affidando i risparmi a un promotore finanziario indipendente non uno funzionario banca che ti rifila le "porcherie"che i dirigenti gli dicono cosa vendere ogni giorno,facendo investimenti diversificati su vari comparti monetari,bilanciati azionari in vari continenti avendo pazienza e non vedere risultati in un anno,porti a casa un qualcosa in più in percentuale che affittare appartamento e in più se hai necessità puoi disinvestire una parte con bonifico in 15 gg dalla richiesta dismissione.La casa sino a che non trovi che la compera,sono soldi immobilizzati.Poi i truffati dai promotori è perchè hanno dato contanti(magari soldi avuti per lavori in nero) a lui invece che fare assegno o bonifico alla società intermediazione immobiliare.Nessuno di noi va in banca a fare versamento in contanti e avere come ricevuta uno scarabocchio firmato dal cassiere ma si riceve la contabile stampata e poi si controlla ec se risulta versamento.

flip1

Mar, 12/01/2021 - 10:43

se i c/c sono pieni...a voi che ve ne frega???? rivedete i vostri faraonici costi di gestione......... E con l'andazzo politico attuale. il risparmio eè un'obbligo!!!!!!! UN ANTICO UOMO SAGGIO DISSE: "DEL DOMAN, NON V'è CERTEZZA"..........

flip1

Mar, 12/01/2021 - 11:01

SE I C/C CORRENTI SONO PIENI E VI DA fastidio, perche' (poverini) non PREPARATE IL PIAttino per chiedere l'elemosina all'amgolo della strada?????... però con i depositi dei correntisti VOI fATE I VOSTRI PERSONALI lucrosi AFFARI.......

flip1

Mar, 12/01/2021 - 11:15

jon. hai fatto un commento troppo difficile da capire per loro. Non. sanno neanche quanti denti hanno in bocca e vuoi che conoscano le regole dell'economia?