Fiat, la Fornero frena: "Non spetta a noi dire alle imprese che fare"

Domani incontro tra Monti e Marchionne sugli investimenti Fiat in Italia. Fornero: "Non spetta al governo dire alle imprese cosa fare né aiutarle a tirare avanti"

Fiat, la Fornero frena: "Non spetta a noi dire alle imprese che fare"

Domani si incontreranno il presidente del Consiglio Mario Monti e l’amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne previsto. Un vertice importante durante il quale verranno chiariti diversi punti sulla presenza e sul futuro del Lingotto in Italia. "Il governo ha avuto dalla Fiat rassicurazioni sul mantenimento dell’attuale piano di investimenti e sulla permanenza in Italia", ha ribadito il ministro del Lavoro, Elsa Fornero nel corso di una informativa a Palazzo Madama replicando così a chi, negli ultimi giorni ha chiesto un intervento dell'esecutivo. Tuttavia, la titolare del Welfare ha subito precisato che, per quanto il governo ritenga le imprese vitali per il Paese ma, non gli spetta il compito di dir loro cosa devono o non devono fare.

"Non spetta al governo aiutare le imprese a tirare avanti magari galleggiando". Nell'informativa al Senato, la Fornero ha voluto mettere un punto fermo su una polemica che va avanti da diversi giorni. Nelle scorse settimane il governo ha avuto ripetuti contatti con la dirigenza del colosso torinese per vagliare la possibile chiusura di stabilimenti industriali ipotizzata da diversi organi di stampa. "Abbiamo raccolto le rassicurazioni dei vertici", ha spiegato la Fornero rassicurando sul mantenimento del piano industriale annunciato tempo fa dallo stesso Marchionne. Domani il Professore incontrerà nuovamente i vertici della Fiat. Subito dopo si terrà un incontro con i ministri dello Sviluppo economico e del Lavoro. "La richiesta di informativa sulla materia - ha voluto, però, sottolineare il ministro del Lavoro - sottende un’idea che non attiene a questo governo". La Fornero ha, infatti, ribadito chiaramente che, "sebbene le imprese siano vitali per il Paese", non spetta al governo "dire alle imprese cosa devono o non devono fare. Non spetta al Governo - ha continuato - aiutare le imprese a tirare avanti magari galleggiando, non è conveniente per l’economia, per l’occupazione e per la sostenibilità e economicità delle prestazioni". Viceversa il governo si pone come primo obiettivo quello di creare "un ambiente favorevole alle imprese", non solo per quelle che ci sono ma anche per quelle che se ne sono andate e quelle che potrebbero investire. "A questi principi è ispirata la riforma del mercato lavoro - ha concluso la Fornero - un prerequisito per il buon funzionamento dell’economia".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti