Il Fisco schiaccia le partite Iva: in 3 anni spariti oltre 3 milioni di autonomi

La denuncia di Federcontribuenti: il 25% delle partite Iva vive al di sotto della soglia di povertà calcolata dall’Istat. Colpa dell'alta pressione fiscale

L’allarme lanciato da Federcontribuenti accende i riflettori sulle recenti e continue stangate economiche subite dal popolo delle partite Iva.

Nel triennio che si sta per concludere, 3 milioni di partite Iva hanno alzato bandiera bianca, mentre negli ultimi dieci anni il loro reddito medio è calato di 7mila euro.

Al momento i lavoratori autonomi sono 5,3 milioni, cioè il 23,2% degli occupati. Il loro numero totale è in forte calo rispetto al 2016, quando invece l’armata delle partite Iva si aggirava intorno alle 8,6 milioni di unità. Ovvero, spiega il dossier di Federcontribuenti, “meno 3,3 milioni di lavoratori in circa 3 anni e molti meno sopravviveranno al 2020. Il 71% sono persone fisiche e negli ultimi 10 anni hanno chiuso più di 257 mila imprese attive”.

Il dossier mette tutto nero su bianco e fotografa una situazione non certo rosea. Stando a quanto riportato dal rapporto, il 25% delle partite Iva vive al di sotto della soglia di povertà calcolata dall’Istat. “Con un fatturato di 45 mila euro, pagando tutte le imposte, resta un guadagno netto di 17 mila euro senza permessi o ferie pagate e senza il diritto ad ammalarsi, solo il 25% riesce a tenere aperta la Partita Iva fino all'età pensionabile”, aggiunge Federcontribuenti. E gli altri? Rischiano di veder andare in frantumi tutti “i contributi Inps e Inail ed Enasarco".

Partite Iva schiacciate dalla pressione fiscale

Il fisco non fa sconti a nessuno ma, numeri alla mano, sta letteralmente strangolando gli autonomi. Secondo altre stime di Federcontribuenti, chi è in possesso di una partita Iva ogni anno subisce 100 controlli da 15 diversi Enti. Se la matematica non è un’opinione, significa che questi lavoratori ricevono un controllo ogni 3 giorni. Come se non bastasse, il 25% dei controlli citati si tramuta in un verbale.

La denuncia di Federcontribuenti raggiunge quindi l’apice: “Prima paghi e poi contesti e se non paghi arriverà una bella cartella esattoriale. Il 90% delle Partite Iva viene oppresso da fidi bancari con tassi altissimi e per garanzia devi dare tutto quel che possiedi perché una Partita Iva si deve sempre maltrattare tanto non esiste sindacato di categoria, nessuno che li tuteli".

L’associazione a tutela dei contribuenti parla senza mezzi termini di “terrorismo psicologico” perché la pressione fiscale sul popolo delle partite Iva è altissima mentre le garanzie sono praticamente assenti. “Ecco cosa subisce un lavoratore autonomo che passa le notti in bianco nel vano tentativo di far quadrare i conti e magari anche mantenersi una famiglia”, fa infine notare il rapporto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cir

Mer, 01/01/2020 - 12:32

non dite cavolate . Le partite IVA e le piccole imprese scompaiono a causa della sleale concorrenza delle multinazionali e GDO .

DRAGONI

Mer, 01/01/2020 - 18:37

IL FISCO SCHIACCIA TUTTI QUELI CHE RIESCE A INDIVIDUARE SENZA ALCUNA ECCEZIONE.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Mer, 01/01/2020 - 18:39

E' quello che vuole il "Sistema". Creare uno Stato i cui lavoratori sono in maggioranza dipendenti da esso. Con questo semplicissimo sistema la stragrande maggioranza dei cittadini sarà alla mercé della politica e delle Leggi e delle pensioni dello Stato. Infatti quando i media parlano di "Lavoro" non distinguono mai tra quello autonomo e quello dipendente. Sarebbe più corretto definire il lavoro dipendente "Servizio dipendente" (in quanto il lavoratore é retribuito per un servizio che compie) e "Lavoro autonomo" quello in cui l'individuo esercita autonomamente un'attività senza chiedere nulla dallo Stato ed assumendosi molti rischi e nessuna garanzia di riuscita.

PietroG

Mer, 01/01/2020 - 18:40

Purtroppo questa è la triste ed amara realtà di un Paese destinato al fallimento, dove un manipolo di gente che lavora continua a foraggiare lobby, caste ed una marea di ignoranti gaudenti che campa alla giornata.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 01/01/2020 - 18:45

i contribuenti dovranno ringraziare se stessi, visto che il 32% hanno votato il M5S senza aver capito bene chi sono e cosa sono quelli del M5S :-) tutto questo, per non dover votare berlusconi! ecco cosa succede....

tremendo2

Mer, 01/01/2020 - 18:50

meglio una dignitosa povertà che la partita iva

eroncelli

Mer, 01/01/2020 - 18:52

Il vero problema è che molte partite IVA vengono aperte per poter lavorare senza essere assunti, aggirando la legge. Un controllo più stretto porterebbe all'emersione di queste situazioni irregolari, che avvantaggiano solo i datori di lavoro, con la punizione di dover assumere il lavoratore, pagando arretrati per INPS, Irpef etc oltre alle multe.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mer, 01/01/2020 - 19:00

Per i komunisti questi sono tutti PADRONI che finalmente sono ridotti a alla povertà. Come godono i cari kompagni.Ed intanto il fisco continua a massacrare il commercio, i pensionati e tutti gli autonomi. Solo l'impiegato modello, quello statale é ben visto.>Ma che schifo di paese é divantata l'Italia. Italiani , lo dico per voio perché io me ne sono andato via da un bel pezzo, ribellatevi, bloccate tutta la Nazione, sollevate gli scudi, abbiate dignità.Oppure restate schiacciati ed appecoronatti davanti a questi despoti rossi.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 01/01/2020 - 19:02

moltissimi altri chiuderanno in settimana. MENO PARTITE IVA MENO GETTITO FISCALE, I POLITICI OBBEDISCONO ALL'EUROPA NON FANNO DI CERTO GLI INTERESSI DEGLI ITALIANI, ANDATE ALL'ESTERO NON ASPETTATE CHE L'ITALIA DIVENTI COME LA GRECIA FATE UN FAVORE AI VOSTRI FIGLI TRASFERITEVI NEI PAESI CHE NON ADOTTANO L'EURO.

no_balls

Mer, 01/01/2020 - 19:11

Quelli spariti erano dipendenti con p.iva...... e i negozianti chiusi da Amazon.....altro che tasse. raccontarla meglio Grazie

disturbatore

Mer, 01/01/2020 - 19:18

L´impulso di togliere di mezzo la microimpresa che in Italia e´molto radicata viene dall´Europa e dalle numerose leggi e leggine contro il quale il nostro Paese puo´ben poco . Le troppe leggi e regolamenti possono essere gestite da imprese grandi , quelle piccole non hanno nessun scampo . Anche se lavorano 24 ore su 24 non ce´la faranno mai . Bruxelles produce una legislazione che distruggera´una dlle colonne dell´economia del Paese . La piccola impresa. A Bruxelles lavorano lobby delle grandi imprese , la maggior parte con sede in Paesi Centrali , sono queste che influenzano il percorso legislativo : Che facciano anche gli interessi della piccola impresa ? Il tessuto industriale ed economico del Sudeuropa subira´un terremoto ma non e´iniziato da oggi . La reazione dovra´essere , creare sinergie ad ogni costo.

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Mer, 01/01/2020 - 19:23

Anni '60: tasse al 10-15% e denuncia Vanoni. Oggi: tasse al 69% più le spese di commercialista, schedari e varie, lungaggini burocratiche che richiedono di piantar lì il lavoro per passare giornate intere agli sportelli, più ancora altre spese accessorie numerose. Morale: Italia stato comunista mascherato ove stanno bene solo i miserabili e i ricchi straricchi, mentre quelli fra loro pagano per tutti. Unica eccezione gli impiegati degli uffici nascosti interni pubblici a impiego fisso strapagati per quel che valgono, i pensionati usciti da Enel, sindacati, categorie "furbe" e protette in passato dai propri sindacalisti, e tutti quei porci delle regioni e dei ministeri. Vergognatevi! Questo è l'ultimo paese tipo l'URSS finché dura l'asino che tira la carretta e che paga le tasse per voi. Lazzaroni!!!

GovernoTecnico

Mer, 01/01/2020 - 19:29

Questo non è niente presto prosciugheremi i vostri conti e svuoteremo i vostri portafoglio

venco

Mer, 01/01/2020 - 20:06

Si aumentano le tasse a chi le paga, cioe ai privati, le tasse che pagano i dipendenti publici sono solo un giro vizioso.

ST6

Mer, 01/01/2020 - 20:10

E Salvini nullafacente cosa ha fatto in questi 3 anni - di cui 14mesi all'inciucio già sappiamo - al riguardo? Nulla. Ah no aspè ha sostenuto e realizzato in prima persona il RdC, vero oh... Mi raccomando votatelo, con una preghierina alla Madunnina alla sera vi aggiusterà tutto

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 01/01/2020 - 20:19

È meno male che qualcuno dice di avere fiducia...

zen39

Mer, 01/01/2020 - 20:32

Nessuna meraviglia, la sinistra al governo ha sempre punito la classe media per lei vero incubo. Gli unici da tenere in piedi sono i dipendenti pubblici perchè votano PD. Quello che non si capisce è perchè la sinistra vuole avere tutti gli immigrati in Italia. Non sono loro la risorsa per il paese. Tutte le attività dove essi potrebbero essere impiegati devono sparire per favorire Francia e Germania e loro stati satelliti. Non fanno un c.....dalla mattina alla sera ma essa li vuole tutti qui. Con le stelle cadenti bisticcia, ma fa finta, perchè in fondo anch'essa vuole la decrescita felice si: quella degli altri. Lei vuole mantenere lo status quo rovinando gli altri.

Confinario

Mer, 01/01/2020 - 21:46

@ ST6: Salvini e la Lega hanno esteso il regime forfettario a tutte le PIVa fino 65000 euro di fatturato. Adesso PD e 5S lo hanno tolto o fortemente ridotto. Prima di commentare informarsi.

libero.pensionato

Mer, 01/01/2020 - 23:46

Ha ragione Berlusconi, vuole fare una legge dove lo stato non può chiedere più del 30% dei ricavi puliti di chi lavora...mi sembra una cosa giusta e ragionevole e che tutti pagherebbero senza fiatare...fanno ridere tutte queste seghine dove parlano del più 0,2 del meno 0,3 di tasse diminuite o aumentate...le tasse vanno abbassate in maniera considerevole se si vuole davvero rilanciare l'italia

PassatorCorteseFVG

Gio, 02/01/2020 - 08:44

CREDO CHE CHI PARLA DELLE PARTITE I.V.A., NELLA SUA VITA NE ABBIA AVUTA ALMENO UNA E PER UN PERIODO DI ALMENO 10 ANNI.LE PARTITE IVA non costano nulla allo stato, non hanno cassa integrazione, la pensioni sono con il calcolo contributivo, e quando si é ammalati o infortunati non si prende nulla dallo stato.la partita iva é uno spirito libero , vuole essere indipendente e padrone della sua vita, cosa c"é di male? poi crea lavoro, anche dipendente e paga prima i dipendenti e poi pensa per lui,per questo io propongo di abolire il lavoro dipendente, tutti lavorano con partita iva,cosi tutti esigono il documento fiscale per metterlo in bilancio, si elimina la evasione, e si riduce di molto i costi dello stato, chi ha il coraggio di fare questo? credo nessuno, a chiacchiere sono tutti bravi, specialmente il P.D.NEI fatti se la destra almeno ci ha fatti tirare avanti, la sinistra ci sta facendo scomparire, e prima di parlare aprite una partita iva, . ciao a tutti.

il veniero

Gio, 02/01/2020 - 09:10

sono la carne da macello ... non sono rappresentati e sono divisi , non fanno massa . Quindi vengono schiacciati dallo stato