Il governo torna alla carica ​sulla lotta al contante

Il governo si arma nella battaglia contro il contante. Previsti nuovi meccanismi che hanno come obiettivo principale premiare chi non usa le banconote

Una guerra, quella al contante, dichiarata dal governo giallorosso fin dai suoi primi passi. Dallo scorso primo luglio il tetto all’uso del cash è sceso a 2mila euro. Una misura discussa che ha portato con sé mille polemiche. Ma la maggioranza vuole fare di più. Così, nel decreto di agosto, testo che sarà esaminato nei prossimi giorni dal Parlamento, spuntano nuovi fondi per premiare chi le banconote non le utilizza. Per il prossimo anno così un miliardo dovrebbe essere dedicato proprio alla lotta al contante.

In campo dovrebbe tornare il fondo per il cashless. Nell’ultima legge di Bilancio Conte e compagni avevano previsto tre miliardi per invogliare gli italiani ad abbandonare le banconote che però erano sfumati in fretta dopo il meteorite chiamato Covid-19. Ma a quanto pare la rinuncia è solo temporanea e, stando a quanto spiega il Sole 24 Ore, il decreto atteso per la prima metà di agosto si occuperà di ricostruire il fondo.

Così ritroviamo tra le azioni più care al governo la duplice ambizione di mettere in campo una dura lotta all’evasione fiscale e una battaglia il contante. A ciò va aggiunto il desiderio di costruire per gli autonomi un "fisco minuto per minuto" in grado di abbandonare saldi, acconti e modelli matematici di determinazione dell’imponibile presunto. L’idea di base, teorizzata dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, e rilanciato nei giorni scorsi dallo stesso ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, è di far calcolare direttamente dall’amministrazione finanziaria le imposte dovute sulla base degli incassi effettivi. Così per un amplia platea di contribuenti le imposte si pagheranno mese per mese, prelevando i soldi direttamente dal proprio conto corrente. Qualcosa che oltre a semplificare il sistema, aiuterebbe le tasche degli italiani. Tanto che il provvedimento accontenta praticamente tutti, Confcommercio in testa.

Tuttavia, è chiaro che gli incassi devono essere tracciabili. Ed è su questo che il governo sta lavorando. Si parla di obblighi e divieti, senza dimenticare gli incentivi. Tra gli obblighi, come abbiamo scritto, c’è la riduzione del tetto al contante. Un’azione che impedisce l’utilizzo di una serie di detrazioni fiscali per le spese fatte con strumenti non tracciabili e vieta pagamenti in contanti superiori a 2mila euro. Tra gli incentivi, il credito d’imposta del 30% sulle commissioni sostenute da esercenti e professionisti per i pagamenti tramite Pos. Ma manca, appunto, la parte più importante, quella dei bonus per favorire il cambio di abitudini degli italiani.

Tra questi troviamo il bonus Befana che da gennaio avrebbe premiato gli acquisti tracciabili del 2020. Poi, però, è arrivato come uno tsunami il coronavirus e la macchina si è fermata. Oltre a questa misura era prevista dallo Stato l’introduzione della lotteria degli scontrini che nonostante anni di promesse non è ancora riuscita a vedere luce. Ora, la maggioranza, tenta di metterci una pezza. E chissà come andrà a finire.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Nes

Sab, 25/07/2020 - 16:43

La scomparsa del piccolo salvadanaio, anche questo ci tolgono.

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 25/07/2020 - 16:57

Mi sto già adeguando, sono tornato al baratto! Io ti riparo l'impianto elettrico e tu dare me pollo!

leopard73

Sab, 25/07/2020 - 16:58

Con tutto quello che bisogna FARE si perdono nel NULLA sul contante che non cè, governo di CIARLATANI ed IRRESPONSABILI..

Massimo Bernieri

Sab, 25/07/2020 - 17:16

Come già detto le spese con bancomat o carte dovrebbero essere a costo 0 senza canone costi carta estratto conto con bollo ecc e pos gratis per esercenti.Poi..chi paga in contanti oltre i 2000,00 € girando con questi soldi in tasca o tenendoli in casa,non è sano di mente.

cesare caini

Sab, 25/07/2020 - 17:28

Ennesimo regalo alle banche che saranno le uniche a giuadagnarci facendo evaporare le banconote con le loro commissioni !

agosvac

Sab, 25/07/2020 - 17:30

Per le detrazioni valgono gli scontrini fiscali che sono indipendenti dal tipo di pagamento, pertanto mi sembra una grossa balordaggine. Tra l'altro ho avuto modo di notare che pur pagando sempre con carta di credito, nello scontrino fiscale mi spunta la dicitura "pagamento in contante",strano ma vero.

Sempreverde

Sab, 25/07/2020 - 17:47

Si si, verra tutto passato in welfare aziendale.

Ritratto di sr2811

sr2811

Sab, 25/07/2020 - 17:52

Basterebbe farci detrarre tutto e fine del nero...

aldoroma

Sab, 25/07/2020 - 17:53

Le banche ringraziano

giolio

Sab, 25/07/2020 - 18:04

Ogni anno fra viaggi di fine settimana ferie in Toscana (Bungalov 5000 milaEuro ) per 15 giorni spendevo sui 15 mila Euro causa corona virus questo anno niente viaggi . Il prossimo non verrö piü perché piace pagare senza che io venga controllato quello che spendo e.... come

cgf

Dom, 26/07/2020 - 12:48

chissà come mai i titoli bancari sono i soli che si salvano sul mercato… Anche io vorrei che lo stato obbligasse i cittadini a sottostare alle mie condizioni e modificabili unilateralmente.

miki017

Dom, 26/07/2020 - 13:47

conte, fermati ! non so chi ti consiglia (male!) ma, bloccare il contante minuto, di questi tempi, è come togliere l'ossigeno (i soldi!) ad un paziente (l'economia italiana!) che sta già soffocando per conto suo.!! Ingrasserai le banche, ma strozzerai ..i cittadini,morirà la gallina (dalle uova doro), il 70-80% di italiani che non spenderanno più ! STAI INGRASSANDO LE BANCHE, A SPESE DEGLI ITALIANI poco "tecnologizzati" e GIA' STREMATI dall'epidemia e dalle difficoltà.Fai la lotta all'evasione, ma cambia, metti nel mirino I NUMERI GROSSI dell'evasione (industrie, banche, multinazionali) non i poveracci da 1000 lire al mese!!!!!!!

necken

Lun, 27/07/2020 - 13:49

bisognerebbe tener conto dei lavoratori in nero, dei vecchi pensionati, degli spacciatori e dei mafiosi che devono ripulire il denaro "guadagnato" prima di abolire il contante, anche loro contribuiscono al PIL

cgf

Lun, 27/07/2020 - 17:31

@necken non si preoccupi che uno spacciatore non si serve della banca, nemmeno chi compra droga

necken

Lun, 27/07/2020 - 18:58

cgf:io volevo fare solo un po'di ironia....

flip

Mar, 28/07/2020 - 15:34

E QUANDIO AVRANNO ELIINATI IL CNTANTI COSA AVREMO OTTENUTO???? LA LISTA I QUELLI CHE CAMPANO DI MAZZETTE??