Viaggi all'estero e rischio Covid: qual è la migliore polizza sanitaria

Attualmente gli italiani bloccati all'estero in quarantena sono un migliaio, circa un terzo è risultato positivo al Coronavirus

Viaggi all’estero e rischio Covid: qual è la migliore polizza sanitaria

La Farnesina ha invitato gli italiani che intendono andare in vacanza all'estero a fare attenzione e di valutare non solo i rischi sanitari dovuti al Covid, ma soprattutto i possibili costi aggiuntivi legati a questi viaggi. Il consiglio del governo, quindi, è di stipulare perlomeno una polizza assicurativa. Attualmente, infatti, gli italiani bloccati all'estero in quarantena sono un migliaio, circa un terzo è risultato positivo al coronavirus, la maggior parte era in vacanza-studio a Dubai e a Malta, ma ci sono vari gruppetti sparsi anche in Spagna e in Grecia. E chi non ha una polizza sanitaria si trova a dover affrontare maggiori problemi.

Quanto costa l’assicurazione

Il costo delle polizze attivabili online, con i requisiti minimi per non dover pagare di tasca propria i tamponi, le cure mediche e, soprattutto, l'eventuale prolungamento del soggiorno causa quarantena, varia dai 40 ai 60 euro a persona, ma quelle più complete possono arrivare anche a migliaia di euro. L’assicurazione sanitaria è fortemente consigliata, soprattutto quando si ha in programma un viaggio verso un Paese dove i costi medici sono elevati, come ad esempio gli Stati Uniti o il Giappone, oppure dove la sanità locale è carente, come l’India, il Messico, o i Paesi africani e del sud-est asiatico. É importante sottolineare che in gran parte dei Paesi del mondo il sistema sanitario nazionale non copre le cure per gli stranieri non residenti, mentre in altri Paesi non esiste nemmeno per i cittadini locali, come ad esempio negli Stati Uniti.

Cosa copre l’assicurazione sanitaria

Le coperture della polizza sanitaria sono molteplici: per prima cosa consente di ricevere cure mediche coprendo i costi della visita e dell’eventuale ricovero ospedaliero, e in caso di difficoltà linguistiche, affianca un interprete in tempo reale o una consulenza telefonica con medici italiani, a disposizione 24 ore su 24. L’assicurazione medica copre anche i costi del rimpatrio sanitario in Italia in aereo, o al contrario i costi del viaggio che un parente o un familiare dovrà sostenere per venirvi a trovare in ospedale, qualora sceglieste di rimanere a curarvi nel Paese in cui vi trovavate in vacanza. Sono compresi anche i costi per il trasporto medico d’emergenza, dalla semplice ambulanza a mezzi come l’elicottero o la barca. Da non sottovalutare infine la copertura dei costi per l’acquisto dei farmaci prescritti dal medico, necessari per curare la malattia o l’infortunio.

La migliore polizza

Sono differenti le tipologie di assicurazione di viaggio al momento disponibili. La scelta va orientata verso alcuni requisiti, come la durata del soggiorno, la destinazione (europea o intercontinentale) e la tipologia di viaggio (che si tratti di una vacanza, di un soggiorno studio o di un travel business). Nell’effettuare la scelta migliore ci si dovrebbe rivolgere a quelle compagnie che, nella polizza, includono i seguenti punti: rimborso delle spese mediche, farmaceutiche e ospedaliere; rimborso della penale in caso di positività propria o di un familiare prima della partenza, accertata dal referto di un tampone; rimborso della penale se si è costretti a un regime di isolamento; prolungamento del soggiorno (fino a 15 giorni) in caso di positività; rimborso del costo del tampone positivo, effettuato entro 24 ore dalla fine del viaggio; rimpatrio sanitario; assistenza durante il viaggio 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Commenti