Weidmann, Bundesbank: "Serve un'autorità per controllo dei bilanci"

Un organo per commissariare di fatto i Paesi dell'Unione Europea. Berlino non usa giri di parole e fa la sua proposta con il presdente della Banca centrale tedesca

Un organo per commissariare di fatto i Paesi dell'Unione Europea. Berlino non usa giri di parole. Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, chiede la creazione di un’autorità indipendente incaricata di controllare i bilanci pubblici dei Paesi dell’Eurozona e il rispetto delle regole di stabilità. In un articolo scritto per il settimanale tedesco ’Focus’, Weidmann afferma: "Proprio rispetto all’attuale ruolo della Commissione Ue molti elementi parlano a favore di trasferire a un’autorità indipendente i suoi compiti di controllo dei bilanci e del rispetto delle norme. Questa autorità avrebbe in questo modo un compito chiaro e un mandato univoco e non sarebbe inclusa nel processo di negoziati dell’Europa".

Weidmann rimprovera alla Commissione di considerare scarsamente il rispetto delle regole: "L’applicazione politica delle regole piuttosto permissiva da parte della Commissione europea minaccia di annullare la credibilità e l’efficacia dei vincoli", mentre affronta anche la questione di un’ulteriore suddivisione dei rischi finanziari all’interno di Eurolandia. "Nei rapporti tra i Paesi non va bene se uno può ordinare e alla fine tutti devono pagare. La responsabilità e il controllo devono essere in armonia nell’Unione monetaria". Weidmann ha infine messo in guardia da crescenti interventi della politica nelle decisioni delle banche centrali.Il piano tedesco sarebbe una disgrazia per chi, come l'Italia, vuole rinegoziare con i vertici Ue la flessibilità sul vincolo del 3% o del pareggio di bilancio. Una commissione come quella pensata da Weidmann di fatto sarebbe obbligata, di fronte a numeri ballerini, a dire "nein". "Una condivisione degli oneri e trasferimenti di bilancio fra Paesi - spiega non a caso il banchiere tedesco - possono essere discussi solo se c'è una rinuncia alla sovranità".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Drakeseventysix

Drakeseventysix

Sab, 15/08/2015 - 10:19

A breve ci obligheranno a parlare tedesco...

Valvo Vittorio

Sab, 15/08/2015 - 14:44

Sono in perfetta sintonia con questa proposta. Sono altresì certo che per i nostri politici finirebbe la manna dei giochetti economici.