World Routes, il trasporto aereo "decolla" a Milano

Dal 10 al 12 ottobre al MiCo l'evento mondiale più importante dell'aviation industry con 125 compagnie aeree, aeroporti, enti del turismo. Obiettivo: le nuove strategie per la ripresa globale. Brunini, ceo di Sea: "Lavoriamo per la ripartenza soprattutto del traffico a lungo raggio, le nostre priorità sono America e Asia e i primi risultati stanno già arrivando"

World Routes, il trasporto aereo "decolla" a Milano

Il trasporto aereo internazionale “decolla” a Milano con World Routes 2021 edizione numero 26, grande evento dell’aviation industry e non solo che si tiene dal 10 al 12 ottobre a MiCo Milano convention centre. Appuntamento atteso perché è il luogo d’incontro e di business di compagnie aeree, aeroporti ed enti del turismo che oggi più che sono impegnati a mettere a punto e sviluppare le nuove strategie di ripartenza dell’aviazione per far tornare a crescere un settore cardine delle economia globale così duramente colpito dall’emergenza Covid.
Ripartenza fondamentale se si considera che l’aviazione è una componente chiave dell’economia globale: dà lavoro a 28,8 milioni di persone e nel 2019 ha contribuito al Pil mondiale per circa 1.800 miliardi di dollari. E World Routes da sempre genera un impatto concreto sul network delle rotte mondiali, con oltre 3.500 nuovi servizi aerei legati ai meeting che si tengono durante l’evento solo negli ultimi tre anni.

Milano ha conquistato la candidatura facendo squadra fra pubblico e privato in modo da poter mettere sul piatto la grande attrattività internazionale della città e del suo territorio che ha preso slancio a partire dall’Expo 2015 e ora assume un’importanza fondamentale per accelerare la ripartenza guardando anche alle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Una opportunità per riprendere la crescita degli aeroporti lombardi nel contesto europeo, del commercio, del turismo d’affari e leisure. Ospitato da Sea Aeroporti di Milano, in collaborazione con Regione Lombardia, Comune di Milano, Enit-Agenzia Nazionale del Turismo e aeroporto di Bergamo, World Routes accenderà infatti i riflettori sulle opportunità di crescita a lungo termine per la città, la regioni e ill Paese. Il contributo del trasporto aereo all’economia italiana è significativo, con 714.000 posti di lavoro per un valore di 46 miliardi di euro, pari a circa il 2,7% del Pil italiano nel 2019. Milano, ricordiamo, con 345 destinazioni globali servite direttamente dagli aeroporti di Malpensa, Linate e Bergamo è una delle città più connesse e accessibili al mondo e le città ospitanti hanno registrato in media un aumento del network aereo di circa il 9% nei tre anni successivi all'evento.

Per mettere a punto le strategie di ripresa, a Milano saranno presenti oltre 125 compagnie aeree, tra cui Air Canada, Air China, Air France, American Airlines, Delta Air Lines, easyJet, Emirates, Etihad Airways, Iberia Airlines, International Airlines Group, Jet2.com, JetBlue, Klm Royal Dutch Airlines, Southwest Airlines e Wizz Air.
Incontri d’affari serrati ma anche conferenze in cui ceo dei vettori, ministri e leader delle associazioni di categoria delineeranno le azioni da intraprendere per accelerare la ripresa. Tra gli speaker d’eccellenza spiccano Jozsef Varadi, ceo di Wizz Air; Jason McGuinness, direttore commerciale di Ryanair; Garth Lund, cco di Flair; Brad Dean, ceo di Discover Puerto Rico; Vijay Daryanani, Ministro degli affari, del turismo, dei trasporti e del porto di Gibilterra; Luis Felipe de Oliveira, Direttore Generale di Aci World e Fabio Lazzerini, Ceo di Ita.

“World Routes è un appuntamento importante per il nostro settore e non vediamo l'ora di incontrare nuovamente di persona i delegati provenienti da tutto il mondo per condividere opinioni sul futuro dell'industria aeronautica e, naturalmente, fare affari - spiega Armando Brunini, ceo di Sea Milan Airports -. Nei prossimi anni le compagnie aeree dovranno scegliere il proprio network e questa scelta ricadrà dove c'è una maggiore massa critica di passeggeri: Milano offre questa massa critica. Il nostro obiettivo è il recupero della connettività e dei volumi di traffico”.

“Dobbiamo lavorare intensamente con tutti gli stakeholders coinvolti per creare i presupposti giusti per una corretta ripartenza soprattutto del traffico a lungo raggio, con le nostre priorità di America e Asia e i primi risultati stanno già arrivando - aggiunge Brunini -. Milano sta tornando vivace e dinamica, quindi riteniamo sia ben posizionata in prima linea per la ripresa. Milano e la Lombardia sono le sedi di grandi eventi internazionali, la città è uno dei centri riconosciuti per la finanza e gli affari in Europa ed è una meta estremamente piacevole. La regione che circonda Milano è stata la prima nel mondo occidentale ad essere colpita da questa devastante pandemia e siamo lieti che il primo evento del trasporto aereo mondiale dopo il Covid si svolga qui per sostenere simbolicamente il rilancio del settore”.

“Il nostro compito è e sarà sempre quello di chiamare a raccolta compagnie aeree, aeroporti, enti del turismo e stakeholder dello sviluppo delle rotte, costruendo servizi aerei per il bene economico e sociale di ogni destinazione - sottolinea Steven Small, direttore di Routes -. Ponendosi come punto di incontro per tutti gli stakeholder, World Routes definirà la ripresa di un settore profondamente colpito dal Covid-19. Lo sviluppo delle rotte è un settore basato sull’intessere rapporti destinti a generare partnership efficaci e network di successo. E l’evento nasce proprio per favorire queste partnership. L’innovazione, la resilienza e la cooperazione di cui il settore aeronautico ha dato prova in questo periodo senza precedenti continueranno a giocare un ruolo fondamentale nel percorso di ripresa. Lavorare fianco a fianco ci permetterà di accelerare la ripresa e ricostruire al meglio”, conclude Steven Small.

Commenti