Mondo

Afghanistan, una nuova legge mette a rischio le donne vittime di abusi

Un testo approvato dalle Camere impedisce di chiamare alla sbarra i parenti degli imputati. Le organizzazioni per i diritti umani: il presidente Karzai non firmi

Afghanistan, una nuova legge mette a rischio le donne vittime di abusi

Una nuova legge approvata in Afghanistan da entrambi i rami del parlamento, in attesa di una firma da parte del presidente Hamid Karzai, nega ai parenti degli imputati il diritto di testimoniare nei processi a loro carico.

Può sembrare una tecnicalità, ma il dettaglio, come hanno denunciato in questi giorni molti gruppi che si occupano di diritti umani, nasconde un significato più profondo e conseguenze gravi.

Se la legge ottenesse il via libera dalla presidenza, diventerebbe molto difficile - ha scritto il Guardian - perseguire con efficacia abusi e violenze, che non di rado avvengono tra le mura domestiche, ma anche prevenire e punire pratiche come il matrimonio precoce imposto alle bambine.

Nel passaggio alle Camere - ricostruisce Human Rights Watch - la legge ha cambiato più volte formulazione. Il primo ramo del parlamento ad analizzarla aveva dato il suo assenso a un testo che impediva l'interrogatorio dei parenti degli imputati, il secondo aveva ammorbidito i toni, rendendo "non obbligatoria" la deposizione. Una commissione congiunta ha poi deciso di utilizzare la prima formulazione.

Commenti