Fece a pezzi un pregiudicato: cinese in manette

Un cinese di 32 anni è stato arrestato con l’accusa di aver fatto a pezzi e nascosto in sacchi della spazzatura il corpo di Grazio Antonio Trotta, 50 anni, il pregiudicato i cui resti sono stati trovati lo scorso 2 giugno in un campo in periferia. In base alla ricostruzione degli inquirenti, Trotta sarebbe morto in un appartamento in via Val Sabbia, dove aveva incontrato delle prostitute cinesi. Ancora si attendono gli esiti dell’autopsia per stabilire se l’uomo sia stato ucciso o sia morto per cause naturali. La sua scomparsa era stata denunciata dai familiari il 15 maggio 2006. A carico dell’indagato l’accusa di concorso in «soppressione di cadavere con persone allo stato non identificate». Se ancora si attende l’esito dell’esame autoptico per stabilire la causa della morte, la polizia giudiziaria ha però ricostruito i movimenti della vittima. Le indagini hanno accertato che la tenutaria della casa d’appuntamenti avrebbe telefonato al locatario dell'appartamento la notte del 15 maggio.