Fiat, via libera di Bruxelles all'acquisto di Chrysler: "Concorrenza rispettata"

Approvata senza porre alcuna condizione
l’acquisizione di Chrysler da parte di Fiat: "la
concentrazione non è tale da ostacolare in maniera significativa
la concorrenza effettiva" in Europa

Bruxelles - La Commissione europea ha approvato l’acquisizione di Chrysler Group da parte di Fiat. Dall'esame dell’operazione, la Commissione ha concluso che "la concentrazione non è tale da ostacolare in maniera significativa la concorrenza effettiva nello Spazio economico europeo (See) o in una sua parte sostanziale".

L'alleanza strategica con Fiat Il 30 aprile 2009 Chrysler ha chiesto la tutela dai creditori ai sensi del codice fallimentare americano e si è dichiarata disposta a concludere un’alleanza strategica globale con Fiat. Il 10 giugno 2009, al termine di un procedimento giudiziario, l’impresa già nota come Chrysler LLC ha ceduto la quasi totalità dei suoi attivi, ad esclusione di alcuni debiti e passività, a una nuova impresa che prenderà il nome di Chrysler Group LLC. Fiat ha acquisito una partecipazione iniziale del 20% e ha concluso con Chrysler diversi accordi per dotare quest’ultima di tecnologia, piattaforme e sistemi di propulsione Fiat. Nonostante abbia acquisito soltanto il 20% di Chrysler, quota che potrebbe essere incrementata in futuro, Fiat detiene diritti che le consentono di intervenire nel processo decisionale di Chrysler, e che le permetteranno di esercitare su quest’ultima un controllo esclusivo.

L'esame della Commissione Ue L’esame dell’operazione da parte della Commissione "ha evidenziato sovrapposizioni orizzontali limitate tra le attività di Chrysler e Fiat. Pertanto, la concentrazione non inciderà in maniera significativa sulla struttura concorrenziale dei mercati della produzione e della fornitura di autovetture". La Commissione ha, inoltre, analizzato i possibili effetti verticali derivanti dall’acquisizione alla luce della presenza di Fiat su alcuni mercati, ad esempio il mercato dei dispositivi d’illuminazione per automobili e dei sistemi di trasmissione acquistati dai produttori di autovetture.

Nessun problema di concorrenza L’esame della Commissione ha rilevato che l’operazione non solleverebbe problemi di concorrenza per due ragioni principali: "In primo luogo, poiché Chrysler non è presente sui mercati a monte interessati, l’accordo non rafforzerebbe la posizione sul mercato dell’impresa derivante dalla concentrazione, né la portata della sua integrazione verticale; allo stesso modo, data la presenza relativamente limitata di Chrysler sul mercato delle autovetture all’interno del See, la concentrazione non comporterebbe un rafforzamento significativo della posizione sul mercato della nuova impresa, che non avrebbe né la capacità né l’incentivo per limitare l’accesso dei suoi concorrenti ai fattori necessari alla loro produzione di autoveicoli". La nota della Commissione ricorda che Chrysler produce e vende auto e camion con i marchi Chrysler, Jeep e Dodge, e opera in prevalenza in America del Nord, dove realizza più del 90% del suo fatturato, non avendo alcuno stabilimento nello Spazio economico europeo. 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.