Fiumicino, sequestrato oleodotto: sversava kerosene in mare

A novembre alcuni furti, poi la moria di pesci, uccelli e altri animali per i terreni e le acque superficiali inquinati

Il gip del Tribunale di Civitavecchia, Massimo Marasca, ha disposto il sequestro dell’oleodotto Civitavecchia-Fiumicino che ha procurato danni ambientali per lo sversamento di kerosene, "finchè non saranno installati adeguati sistemi di controllo atti ad impedire ulteriori reati".

A novembre, infatti, l'oleodotto era stato oggetto di alcuni furti e dopo prelievi e accertamenti tecnici effettuati anche dall'Arpa Lazio erano stati evidenziati sversamenti di kerosene su terreni ed acque superficiali a Palidoro e Maccarese, nel comune di Fiumicino, con conseguente moria di pesci, uccelli e mammiferi acquatici. Il sequestro è stato effettuato dai carabinieri del Noe al termine dell’indagine avviata dal procuratore di Civitavecchia, Gianfranco Amendola. Il procedimento al momento è contro ignoti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GimmeSong

Sab, 03/01/2015 - 12:52

Ben fatto! non era la prima volta che veniva sabotato.

Beaufou

Sab, 03/01/2015 - 17:35

"Oleodotto"? Sarà. Ma i Romani antichi, specializzati in acquedotti, l'avrebbero forse fatto meglio...diciamo "oleodotto alla romana". Povera Italia.

NON RASSEGNATO

Sab, 03/01/2015 - 21:29

Stranamente prima dell'arrivo dei cari ospiti non succedeva. Il furto da oleodotti è consuetudine africana.