Follia a Catanzaro Colto da un raptus accoltella la madre

Il movente sarebbe da collegare ad un raptus di follia. Il giovane infatti soffriva da tempo di problemi di depressione ed aveva frequenti liti con i familiari

Follia a Catanzaro 
Colto da un raptus 
accoltella la madre

Catanzaro - Colpi di coltello per uccidere la madre. Senza un perchè, senza un apparente motivo. Forse, un litigio, forse neanche quello. Pareva tutto tranquillo a casa Caporale ieri sera, poi all’improvviso la tragedia.Marco Umberto Caporale, 21 anni, che pare soffra di disturbi depressivi si è alzato dalla tavola con un forchettone a coltello, di quelli usati in cucina, ha colpito la madre che non ha avuto nenache il tempo di alzarsi dalla sedia dove era seduta. Uno, due, tre una miriade di colpi che hanno colpito la donna all’addome, alla spalla, al torace. Il sangue ha schizzato tutta la cucina dell’abitazione. "Stavamo cenando tranquillamente, quando sono sceso per prendere delle bottiglie d’acqua" queste le uniche parole del padre di Marco Umberto, che al suo ritorno in cucina si è trovato davanti ad una scena raccapricciante. Ha tentato di dare soccorso alla moglie, Maria Concetta Sacco, 53 anni, insegnante elementare, ma senza riuscirci, per lei non c’era più nulla da fare. È accaduto la scorsa notte a Catanzaro, nel quartiere Lido, nell’abitazione sul Lungomare della città dove viveva la famiglia. L’autopsia sul corpo della donna è stata affidata a Giulio Di Mizio dell’università di Catanzaro. Le indagini sono guidate dalla procura della repubblica catanzarese

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti