Gb, Spielberg gira in un paese I residenti: "Siamo in prigione"

Il regista sta girando il film "War Horse" e gli abitanti si lamentano delle restrizioni "quasi militari" imposte. "Non vediamo l'ora che se ne vadano"

Londra - Steven Spielberg ha scelto un pittoresco paesino britannico per girare la trasposizione cinematografica del successo teatrale "War Horse". Ma gli abitanti di Castle Combs, sulle colline dei Cotswolds, non ci stanno. Secondo loro, infatti, Spielberg avrebbe trasformato la vita del villaggio in una vera e propria prigione. Dopo avere accolto bene il regista, i residenti del villaggio definiscono "quasi militari" le restrizioni imposte dalle riprese del film, iniziati il 21 settembre.

Accesso negato durante i ciak La sicurezza attorno al villaggio è cosi alta che gli abitanti che tornano a casa sono costretti ad aspettare alle barriere erette a entrambi gli ingressi del villaggio mentre le macchine fotografiche dei turisti sono bandite. Un abitante commenta sulle pagine del Daily Express: "Sono furibondo: non posso neanche fare uscire la macchina dal garage. Il livello di sicurezza è ridicolo. Non vedo l’ora che se ne vadano". Molte delle case del villaggio sono state occupate - ovviamente a pagamento - per le riprese del film in cui appaiono Emily Watson e David Thewlis oltre a 300 comparse e 30 cavalli. War Horse, che dovrebbe uscire nelle sale nell’agosto 2011, è tratto da un romanzo di Michael Morpurgo ambientato durante la Prima Guerra Mondiale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.